Fotolia
CANTONE
02.11.2016 - 14:370
Aggiornamento : 14:54

Ma quante castagne: ne abbiamo raccolte dieci tonnellate

L'anno scorso erano state solo due: segno che i tempi grami sono finiti. In incremento anche le dimensioni dei frutti.

CADENAZZO - La proroga ha dato ragione a chi ci credeva: eppure esprimeva pronostici al ribasso, per precauzione. «Potremo arrivare a 5, 6mila chili di castagne », ipotizzava una ventina di giorni fa il responsabile dei centri di raccolta Paolo Bassetti, correggendo i diecimila di cui aveva parlato soltanto poche ore prima: accantonate come stima eccessiva per superstizione.

Ebbene: le dieci tonnellate sono state invece raggiunte davvero, grazie anche alla decisione di ritardare di una settimana la chiusura dei centri di Cadenazzo, Muzzano e Stabio, complice il clima e una maturazione tardiva dei frutti. Che, stavolta, hanno raggiunto anche dimensioni importanti. Il numero di castagne destinate al commercio del fresco ha rappresentato il 30% del totale, in linea con gli anni precedenti. Quando, per la verità, il peso complessivo era anche due volte più elevato. Ma i risultati di quest'anno, messi a confronto coi i 2mila chili appena del 2015, lasciano ben sperare per il 2017 e dimostrano, dati alla mano, che il cinipide è ormai un nemico debellato.

«La raccolta è iniziata molto lentamente - ricorda senza più timori Bassetti - ma dopo il 10 ottobre le quantità consegnate sono nettamente aumentate. Non possiamo ancora dire di aver raggiunto i livelli di una raccolta media, ma la situazione è decisamente migliorata rispetto agli ultimi anni».

Resta ora da definire che fine faranno i frutti più piccoli. Quanti diventeranno purea, quanti farina e se il prodotto macinato sarà venduto direttamente nei sacchetti o trasformato in specialità. Come le celebri tagliatelle, che ormai mancano dagli scaffali ticinesi da troppo tempo. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Giulia Formica 3 anni fa su fb
Ci sono ancora?
Koenig Assunta 3 anni fa su fb
Buone !!! Alla faccia di chi dice che non ce ne sono !!!!
Kader Sari 3 anni fa su fb
Alan Bettoni aaaahh???
Alan Bettoni 3 anni fa su fb
Giàà te l'avevo detto eheh
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-24 16:37:30 | 91.208.130.89