Foto Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
54 min
Gender freedom": il gruppo transgender della Svizzera italiana si fa conoscere
Nato sotto l'egida di Imbarco Immediato, presenterà le sue attività domenica al LUX di Massagno: «Ci ha contattati anche un genitore per il figlio in età prescolare»
FOTO
BELLINZONA
59 min
Schianto nella notte a Sementina
Poco dopo le 4.00 un'auto ha divelto i paletti della segnaletica spartitraffico sulla Cantonale. Le condizioni del conducente non sono note
POSCHIAVO (GR)
8 ore
Incidenti sul lavoro: un imprenditore poschiavino condannato in Italia
Le vittime del sinistro, un uomo decapitato dal cavo di una teleferica e un ferito grave, si trovavano a Grosio (Sondrio)
LUGANO
10 ore
Risultato record: 103'000 utenti al giorno per Tio
Per la prima volta i lettori online superano quelli dei media cartacei. Enrico Morresi: «I contenuti sono più importanti del supporto»
FOTO E VIDEO
LOCARNO
12 ore
Si pattina a suon di Sgaffy. È partito Locarno On Ice
La manifestazione invernale più apprezzata del Ticino festeggia 15 anni con tante novità
CANTONE
13 ore
Fioristi agguerriti: «Così vi facciamo dimenticare i cattivi pensieri»
Vendere una semplice stella di Natale o un amarillis non basta più. Da ormai diversi anni l’Avvento si trasforma in una sfida basata sui colpi di genio. E sulla capacità di stupire
Attualità
13 ore
Dal fotovoltaico allo studio sui batteri: quando la Supsi progetta al fronte
Il mandato che il Cantone ha stipulato con la scuola comprende sedici ambiti. Tra i molti abbiamo selezionato tre progetti
AIROLO
13 ore
A Pesciüm si scia dal 30 novembre
Le condizioni meteo particolarmente favorevoli hanno permesso di preparare le piste
SAN BERNARDINO
13 ore
La neve è arrivata: parte la pre-season
L'apertura parziale delle infrastrutture invernali è prevista per il 23 e il 24 novembre
CANTONE
14 ore
Fumo o svapo: «Meglio buttarsi dal primo piano, piuttosto che dal quinto»
I medici americani chiedono lo stop alla sigaretta elettronica. Tanti i dubbi sullo svapo. Ma in Svizzera il mercato è in ascesa. Ecco cosa ne pensano gli esperti ticinesi. Guarda il video
LUGANO
14 ore
«Chi di conflitto di interessi parla, in conflitto di interesse è!»
Il PLR replica alle accuse leghiste rivolte nei confronti della loro capogruppo in consiglio comunale, Karin Valenzano Rossi
CANTONE
14 ore
I social media riscuotono interesse turistico
Oltre trenta le persone che hanno preso parte a una formazione proposta ai partner di Lugano Region e Mendrisiotto Turismo
CANTONE
23.10.2015 - 10:310

L'economia ticinese "ha superato la metà del guado"

Presentato uno studio nel quale si analizzano i punti di forza e le criticità del mondo economico locale. La sensazione è che il Ticino non sia più esclusivamente “a rimorchio” del resto del Paese

BELLINZONA - È stato presentato oggi a Bellinzona uno studio sul mondo economico ticinese e sui suoi assi di sviluppo per il quadriennio 2016-2020. Il quadro illustrato dal Direttore del Dipartimento delle finanze e dell'economia Christian Vitta e dal Direttore della Divisione dell'economia non ha delle tinte troppo fosche: la sensazione è che il Ticino non sia più "esclusivamente “a rimorchio” dell’economia svizzera, ma semmai “un po’ più in là di in mezzo al guado”".

Più vicini alla media nazionale - Il Cantone sta lentamente convergendo verso la media nazionale, osserva il documento redatto dal professor Mauro Baranzini con la collaborazione di Marco Bernasconi, Remigio Ratti e Adrian Weiss. Tre gli ambiti dove questa tendenza si vede particolarmente bene: l'esportazione di beni, la produttività del lavoro in generale, e nella disoccupazione. "Il nostro Cantone" si legge ancora nelle conclusioni dello studio "beneficia di tutti questi parametri macro-economici positivi a livello nazionale; per contro la bilancia commerciale cantonale è leggermente deficitaria, ma non ha sofferto per ora della rivalutazione del franco; anzi nel primo semestre del 2015 le esportazioni ticinesi di beni sono aumentate, sia pur di poco, in termini nominali e reali". La stessa bilancia commerciale svizzera per ora non avrebbe sofferto in termini reali a causa della mossa della Banca Nazionale del 15 gennaio.

Vantaggi e svantaggi - Viene citata pure un’elaborazione dell’Istituto di Ricerche Economiche (IRE), che dimostrerebbe che il Ticino si classifica bene per quanto riguarda: il livello della qualità della vita; la produttività del lavoro (ottava posizione nel contesto nazionale); la struttura imprenditoriale; l’accessibilità. Gli svantaggi si osservano a livello di capitale finanziario, "dovuto al basso saggio di risparmio visto sopra (ma è veramente un criterio appropriato, in un contesto di grande liquidità del settore finanziario?" si chiede Baranzini); il tasso di occupazione dai 15 ai 65 anni; l’innovazione e l’innovatività; i centri decisionali e innovativi; la struttura della popolazione e la struttura sociale.

Negli ultimi anni il Ticino è cresciuto economicamente meno rispetto alla media nazionale. Lo scarto retributivo, solo parzialmente compensato da un costo della vita leggermente più basso, è del 15% e inoltre "il dumping salariale che si registra in certi settori ha avuto un effetto distorsivo sulla relazione tra produttività e retribuzione del lavoro, cosa che non favorisce la competitività della nostra economia cantonale". Un problema è poi il basso rapporto tra occupati e residenti. 

I settori chiavi - Sono quattro i settori chiave per il rilancio del Ticino, come indicato dal rapporto BAK2014: le Life-sciences, la moda, la meccanica ed elettronica, e le tecnologie dell’informazione e della comunicazione. Accanto a questi ambiti "sono state anche individuate delle piste di fiancheggiamento più generali che dovrebbero promuovere l’economia cantonale in generale, e cioè il settore della formazione accademica e professionale, quello della mobilità, della sanità, e della politica dell’innovazione. Particolare attenzione viene infine posta sul settore finanziario e para-finanziario, su quello farmaceutico e della ricerca in bio-medicina e sull’organizzazione aziendale e imprenditoriale".

Ipotesi d'intervento - Varie le riflessioni e le ipotesi d'intervento. Le deduzioni a favore dei redditi alti fondate "su un concetto di ‘generosità’ ma non su quello di ‘socialità’" creano distorsioni che si potrebbero eliminare "almeno in parte e in modo soft". Le aliquote d'imposta, ferme dal 1976, potrebbero essere aggiornate "nell'intento di fermare l'esodo di contribuenti facoltosi (ben conosciuto dagli addetti ai lavori) e di contestualmente aumentare l'attrattività fiscale del Ticino. Occorrerà muoversi gradualmente anche in considerazione della fragilità della finanza pubblica ticinese". Una strategia di riduzione delle aliquote viene pure caldeggiata, e per quanto riguarda i globalisti si dovrebbero considerare, oltre al reddito, la sostanza o il patrimonio.

Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-22 07:16:59 | 91.208.130.85