Immobili
Veicoli
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA / GERMANIA
9 ore
Tappa a Berlino per il presidente Cassis
Il consigliere federale ha incontrato il presidente Steinmeier, il cancelliere Olaf Scholz e la ministra Baerbock
VALLESE
11 ore
Il ristoratore disobbediente contrattacca
L'esercente del Walliserkanne di Zermatt ha presentato una querela contro le autorità che lo avevano arrestato.
SAN GALLO
11 ore
Pena ridotta per l'assassino di Lichtensteig
Una perizia psichiatrica fatta sul 45enne olandese ha attestato una sua scemata responsabilità al momento dei fatti.
SVIZZERA
12 ore
Trapianti, “no” al consenso presunto per la donazione di organi
Un comitato referendario ha depositato oggi oltre 64'000 firme. Si voterà il prossimo 15 maggio
SVIZZERA
13 ore
Lex Netflix: «Il referendum è una pugnalata alla cultura svizzera»
Si voterà il 15 maggio 2022. I referendisti: «Questa legge calpesta il consumatore»
SVIZZERA
14 ore
In aumento i contagi, ma ricoveri e decessi sono in calo
È quanto emerge dal confronto settimanale dell'Ufficio federale della sanità pubblica
BERNA
14 ore
Mister Dati raccomanda la pubblicazione dei contratti per i vaccini
L'UFSP si è finora opposto alla pubblicazione affermando che l'approvvigionamento non è ancora stato completato
SVIZZERA
15 ore
In Svizzera quasi 40mila casi in un giorno
Continua a salire il numero dei contagi. Il bollettino dell'UFSP
SAN GALLO
16 ore
Con le armi softair, sparavano contro una fermata del bus
Due giovani sono stati denunciati a San Gallo. Mercoledì sera sono stati trovati in possesso di armi e munizioni
GRIGIONI
17 ore
«Solo la variante Delta nelle terapie intensive grigionesi»
Il medico cantonale ha fatto il punto della situazione: «C'è una certa stabilizzazione dei contagi, ma ad alto livello».
BERNA
18 ore
Covid: ottimizzazione della gestione del sostegno allo sport
La Confederazione ha sostenuto lo sport svizzero con diversi pacchetti di aiuti finanziari.
VAUD
19 ore
Il pirata della strada di Ollon si è costituito
Tre giorni dopo l'incidente l'uomo si è presentato spontaneamente alla centrale di polizia con il proprio avvocato.
ZURIGO
19 ore
Più comfort per i passeggeri sugli A320neo di Swiss
La compagnia è pronta a decollare con velivoli dagli spazi interni rinnovati
VALLESE
19 ore
Cade nel frantumatore di rocce e muore
Incidente mortale ieri pomeriggio in una cava di ghiaia a Zermatt. La vittima è un 31enne vallesano.
GINEVRA
19 ore
Croce Rossa nel mirino degli hacker
Nell'ambito di un vasto cyberattacco sono stati rubati i dati di 515'000 persone
GRIGIONI / ITALIA
06.02.2018 - 11:170
Aggiornamento : 14:01

Da Milano ai Grigioni per studiare Fisioterapia, truffati

Spariti fisicamente i vertici, chiuse le porte, a spasso i professori, introvabile la documentazione

LUGANO - Partivano da Milano, destinazione Disentis (GR). La meta? Il corso di studi in Fisioterapia alla «Unipolisi», Istituto di studi universitari con retta annua di circa 9 mila franchi che di colpo si è dissolto nel nulla. «Spariti fisicamente i vertici, chiuse le porte, a spasso i professori, introvabile la documentazione», scrive il Corriere della Sera che racconta la disavventura di diversi ragazzi caduti nella truffa. 

I ragazzi si erano rivolti a un istituto estero in quanto in Italia non erano riusciti a superare il test a numero chiuso. Dopo lunghe e accurate verifiche l’opzione «Unipolisi», per loro, si era profilata come la più sensata, anche se onerosa. Oltre alla retta, infatti, i giovani dovevano affrontare le spese di viaggio e quelle di vitto e soggiorno.

Dal centro di Milano la cittadina della regione grigionese della Surselva dista ben 240 chilometri. Le lezioni e gli esami si svolgevano in un palazzo al civico 18 di via Sursilvana, a pochi passi dagli uffici della segreteria dell'università. Chiamare questa segreteria, ora, è impossibile. Al telefono e alle email non risponde nessuno. Uno dei responsabili della struttura - secondo il quotidiano italiano - sarebbe stato arrestato. 

Lo scandalo coinvolge due corsi della «Unipolisi»: Fisioterapia e Scienze infermieristiche; Specialità, queste, che avrebbero solo italiani fra gli iscritti.

«Il corpo docenti era di livello alto - racconta una mamma truffata -. Sono nomi con significativi curricula e con una larga esperienza maturata nel settore. Il mio ragazzo vuole fermamente diventare fisioterapista, abbiamo voluto sostenerlo. Gli mancavano quattro esami e si sarebbe laureato. Andava spesso a Disentis e lì si fermava a dormire, per il tempo necessario quando c’erano da frequentare le lezioni, ed erano altri soldi da spendere. Ora, a noi interessa trovare un’università che possa riconoscere l’intero percorso superato alla “Unipolisi”».

Peccato che la «Unipolisi» non abbia mai operato un «apparentamento» con un’altra università all’interno dell’Unione europea. Questo significa che non è possibile il passaggio in un altro ateneo riconosciuto dalla Ue.

Casi in Ticino - In Ticino i precedenti di presunte Università che attiravano studenti dall'Italia non mancano. Gli ultimi casi riguardano istituti come l'Issea, l'Euraka e l'IPUS, condannati in Ticino a seguito della legge cantonale che tutela la qualità degli studi accademici per l'uso non autorizzato del titolo accademia, alta scuola, università, politecnico o simili.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
WGWG 3 anni fa su tio
Sono i vantaggi dei bilaterali
Bandito976 3 anni fa su tio
Pensavano che pagando compravano il diploma? Queste favole succedono solo nel "bel paese". A volte mi chiedo se fanno cosí anche per la patente dell'auto.
Tarok 3 anni fa su tio
ah ah ah talian frega talian
pillola rossa 3 anni fa su tio
Swiss Papers per associazioni a delinquere, con il benestare dei cantoni e dei comuni.
curzio 3 anni fa su tio
Con un paio di click puoi verificare sul registro di commercio chi sono i titolari. Dopo possiamo continuare a discutere se dobbiamo meravigliarci o meno....
Mattiatr 3 anni fa su tio
Scommetterei che l'iscrizione è avvenuta via internet
tip75 3 anni fa su tio
Il nostro Cantone dovrebbe VIGILARE, non mi risulta che si possano aprire attività senza chiedere permessi e bla bla, certo che a quanto pare invece è così facile...saranno amici di amici
Bandito976 3 anni fa su tio
Questo succede quando non si fanno i controlli. Pur di far aprire una qualsiasi realtá economica e creare indotto si farebbero anche inc...re.
Frankeat 3 anni fa su tio
E' triste dirlo ma sono convinto che i truffatori abbiano la stessa nazionalità dei truffati.
oxalis 3 anni fa su tio
@Frankeat Dovremmo renderci conto che i truffatori non hanno bandiera e purtroppo l'onestà ormai fa acqua da tutte parti e noi non ne siamo esenti, purtroppo. Pecunia non olem.
curzio 3 anni fa su tio
@oxalis Vai sul registro di commercio a vedere chi sono i titolari di queste pseudo-università... poi ne riparliamo.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-21 05:35:07 | 91.208.130.85