Cerca e trova immobili

SVIZZERATraffico, migliorare la verifica dell'efficacia dei progetti negli agglomerati

08.02.23 - 23:00
Secondo il CDF «la Confederazione rischia di allocare risorse finanziarie a pioggia».
Deposit
Traffico, migliorare la verifica dell'efficacia dei progetti negli agglomerati
Secondo il CDF «la Confederazione rischia di allocare risorse finanziarie a pioggia».

BERNA - La verifica dell'efficacia dei progetti destinati al traffico negli agglomerati va migliorata. Questo il parere del Controllo federale delle finanze (CDF), che raccomanda alla Confederazione di monitorare meglio l'efficacia delle future infrastrutture.

Dal 2009, la Confederazione ha messo a disposizione tra i 270 e i 360 milioni di franchi per il cofinanziamento delle infrastrutture di trasporto nelle città e negli agglomerati. In totale sono stati distribuiti 5,8 miliardi. Secondo il CDF, tale sovvenzionamento è saldamente ancorato alla legge e gli obiettivi sono ampiamente accettati.

Ma i progetti sostenuti devono essere migliorati, si legge in un rapporto pubblicato oggi. In particolare, si dovrebbe porre maggiore enfasi sull'impatto delle misure di trasporto a favore degli agglomerati. Attualmente il monitoraggio in tal senso è ancora embrionale.

Il CDF osserva infatti che molte idee non hanno un obiettivo chiaramente definito. Il risultato? Un mosaico di progetti senza alcun effetto complessivo. In definitiva, la Confederazione rischia di allocare risorse finanziarie a pioggia, scrivono gli autori.

Il rapporto ricorda i problemi emersi nei primi programmi di agglomerato e le misure correttive già introdotte. In particolare, la cooperazione tra i comuni di un agglomerato è stata una novità assoluta nella pratica della concessione di sussidi federali. Gli accordi con la Confederazione erano vincolanti. Ma molti agglomerati hanno accumulato ritardi sulla tabella di marcia.

In futuro, l'Ufficio federale dello sviluppo territoriale (ARE) utilizzerà il Piano settoriale dei trasporti per individuare tempestivamente i conflitti d'interesse derivanti dalla sovrapposizione tra progetti di agglomerato e d'infrastrutture di trasporto nazionali. Ciò sarà possibile per la quarta generazione di progetti a partire dal 2024.

Per la prima e la seconda generazione di progetti (dal 2010 al 2014), la Confederazione ha versato un contributo al Fondo per le infrastrutture. La limitazione temporale del fondo si basava sul principio "chi prima arriva, meglio alloggia", ciò che ha scatenato un gara nel presentare progetti perlopiù incompleti.

Dall'introduzione del Fondo per le strade nazionali e il traffico d'agglomerato (FORTA), il contributo finanziario della Confederazione è garantito a tempo indeterminato. Tale cambiamento ha dato più tempo ai soggetti interessati per pianificare la terza generazione di misure (dal 2019), migliorando la qualità dei progetti.

L'Ufficio federale dello sviluppo territoriale (ARE), responsabile della gestione del programma di trasporto negli agglomerati, accoglie con favore le proposte del CDF. Tuttavia, sottolinea che gli effetti sul traffico delle infrastrutture realizzate diventano evidenti solo diversi anni dopo la loro realizzazione.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE