Cerca e trova immobili

ZURIGO«Non abbiamo mai ordinato niente», una nuova truffa dello shopping online

25.12.22 - 16:21
Una coppia tornata dalle vacanze ha scoperto di aver “comandato” online abiti e mobili per migliaia di franchi. 
Lettore 20Minuten
«Non abbiamo mai ordinato niente», una nuova truffa dello shopping online
Una coppia tornata dalle vacanze ha scoperto di aver “comandato” online abiti e mobili per migliaia di franchi. 

ZURIGO - Un ritorno dalle vacanze da incubo. Una volta rientrati a casa dopo un mese in viaggio, una coppia di 30 anni che ha voluto mantenere l’anonimato, si è trovata sommersa da solleciti e minacce per abiti e mobili che avrebbero ordinato senza però pagare. «Noi non abbiamo mai comprato niente», spiega la donna a 20Minuten. «Sono state ordinate sedie e tavoli e ogni sorta di cose sotto il nostro nome», dice invece il padre di famiglia.

4'000 franchi in pacchi Zalando - La coppia ha chiesto informazioni all'ufficio postale. Alcuni pacchi arrivati davanti all'abitazione pesavano fino a 14 kg. «Qualcuno deve aver intercettato i pacchi davanti a casa nostra. Non riesco quasi a immaginare che nessuno dei vicini abbia visto niente». Il truffatore ha ordinato anche su Zalando. Il valore totale degli ordini supera i 4000 franchi. «In un ordine, una borsa è stata persino rispedita indietro», ha affermato la coppia.

Le due vittime della truffa hanno trascorso più di 70 ore tra chiamate e incontri con agenzie di recupero crediti e rivenditori online. «In polizia ci è stato detto che non siamo danneggiati fintanto che non riceviamo alcuna esecuzione del debito».

La risposta della polizia - Su richiesta di 20 minuti, Lena Zurbuchen, portavoce per i media della polizia cantonale di Berna, ha commentato il caso. «Anche senza aver ricevuto un avviso da un rivenditore online, è possibile sporgere denuncia penale. Raccomandiamo alle persone colpite di contattare la polizia in modo da poter svolgere le indagini appropriate». Dopo questa dichiarazione la coppia si è recata ancora una volta, la quarta nell'arco di poche settimane, al commissariato di Thun. Solo allora è stato possibile sporgere denuncia. «Hanno detto che potevamo farlo, ma non sarebbe servito a niente».

La frode e i solleciti - A XXXLutz, un rivenditore di mobili online, la coppia è stata in grado di dimostrare che non erano stati loro a ordinare la merce. «Eravamo all'estero in quel momento». A Zalando, l'agenzia di recupero crediti ha riconosciuto il caso come frode e la procedura di sollecito è stata temporaneamente interrotta. Interpellato da 20Minuten, Zalando ha scritto: «Il nostro servizio clienti farà in modo che gli articoli nei due ordini vengano annullati e il processo di raccolta venga interrotto».

Nuove misure - La coppia però ha preso ulteriori precauzioni. All'ufficio postale, ad esempio, ora è memorizzato che i pacchi devono venire consegnati solo con una firma. «Sappiamo che i truffatori possono utilizzare anche altri servizi di consegna, come DHL o Fedex», afferma D.B. «Se si verifica un altro caso, installeremo una videocamera», hanno spiegato le due vittime della truffa.

COMMENTI
 

Don Quijote 1 anno fa su tio
Vista la modalità di ordinazione e recapito il danno rimane tutto a carico del negozio, il quale davanti alla legge deve dimostrare in che modo può accertare l'indentità dell'ordinante e del ricevente, almeno un account di accesso (forse violato) e una firma di ricevimento della merce (forse contraffatta). Per i grandi rivenditori è più conveniente prendersi questi piccoli rischi che sborsare di più introducendo contromisure. Una notizia divertente e niente di più.

RobediK71 1 anno fa su tio
Obbligatoria una telecamera che filma l’entrata alla casa, non solo per casi come questi (che evidentemente sapevano delle loro vacanze, ummaumma)

Capra 1 anno fa su tio
Società, schifo

Elisa_S 1 anno fa su tio
Consiglio: fermo posta. Peccato che non lo hanno fatto. In questo modo il truffatore sarebbe restato a mani vuote ... Comunque la colpa non è certamente della vittima...sarà solo una grande perdita di tempo. I negozi online dovrebbero controllare i documenti di identità prima di accettare ordini che si possono pagare dopo !!!!

Johari 1 anno fa su tio
Risposta a Elisa_S
Evidentemente il fermo posta (che tra l'altro costa un botto) non era stato ritenuto necessario in quanto la coppia non aspettava pacchi o corrispondenza particolare durante la loro assenza. Chi sapeva della loro vacanza e della sua durata? Magari il presunto colpevole è un postino o un amico.

Pledoc 1 anno fa su tio
Ma quanto sono stati in vacanza? Di solito prima delle minacce di procedure esecutive passano mesi…

Mirschwizer 1 anno fa su tio
Risposta a Pledoc
Capisala Questi qua ti mandano direttamente l'ultimo richiamo ....

Johari 1 anno fa su tio
Risposta a Pledoc
Infatti, di procedure esecutive non me hanno ancora ricevute

Meganoide 1 anno fa su tio
Non mi è chiaro come funzioni la truffa, non dovrebbero ricevere il pagamento prima di spedire la merce? Forse Zalando spedisce anche senza pagamento anticipato?

RobediK71 1 anno fa su tio
Risposta a Meganoide
Certo, a 30gg oppure anche a rate,

gmogi 1 anno fa su tio
Una nuova truffa dei vicini di casa?

Afrodita 1 anno fa su tio
Pobera gente 😕

gianca70 1 anno fa su tio
Risposta a Afrodita
Pobera? 😂🤣😂🤣😂

Mirschwizer 1 anno fa su tio
Risposta a Afrodita
Scuola Migros ?

Swissabroad 1 anno fa su tio
Risposta a Afrodita
Secondo me tu fai apposta a sbagliare sempre a scrivere. Straniera certo ma da come scrivi sembri una barzelletta

Johari 1 anno fa su tio
Risposta a Afrodita
probera perché la lettera b è vicina alla v?

Србија најјађа 1 anno fa su tio
Risposta a Afrodita
Eh si, sono prorpio dei Poberi🤣🤣

Србија најјађа 1 anno fa su tio
Risposta a Afrodita
Correggo: proprio
NOTIZIE PIÙ LETTE