Cerca e trova immobili

GRIGIONIPiù di cinquecento predazioni e otto lupi abbattuti

21.12.22 - 10:39
I Grigioni stilano il bilancio delle misure di protezione del bestiame per il 2022.
Canton Grigioni
Fonte ats
Più di cinquecento predazioni e otto lupi abbattuti
I Grigioni stilano il bilancio delle misure di protezione del bestiame per il 2022.

COIRA - Nei Grigioni il numero di attacchi dei lupi al bestiame nel 2022 ha superato per la prima volta la soglia dei 500, raddoppiando rispetto all'anno precedente. In seguito all'aumento del numero di predatori e dei danni agli animali da reddito, il Cantone ha quindi deciso l'abbattimento di nove lupi, attuandone otto. È il bilancio delle misure immediate per la protezione del bestiame comunicato oggi dall'Ufficio per la caccia e la pesca.

Quest'ultimo in una nota odierna ricorda che per il 2022 la Confederazione ha messo a disposizione dei Cantoni 5,7 milioni di franchi aggiuntivi per l'attuazione di misure per la protezione del bestiame.

Aiuti per 82 aziende di allevamento
Nei Grigioni sono state approvate 82 domande presentate da altrettante aziende di alpeggio per un totale di circa 1,5 milioni di franchi. Tra l'altro è stato fornito sostegno finanziario a 23 aziende per comperare e trasportare alloggi mobili per pastori, a 77 per l'acquisto di recinzioni e a 27 per indennizzare il lavoro prestato da personale ausiliario per la protezione del bestiame, precisa la nota.

L'80% dei costi è stato assunto dall'Ufficio federale dell'ambiente e il 20% l'Ufficio grigionese per l'agricoltura e la geoinformazione.

Lupi sempre più vicini all'uomo
L'Ufficio cantonale per la caccia e la pesca ricorda infine che sul proprio sito ci sono diversi suggerimenti riguardo al comportamento da adottare in caso d'incontro con i lupi, i quali con l'arrivo dell'inverno si trovano più spesso in prossimità degli insediamenti, seguendo lo spostamento delle prede. «In linea di principio - viene però precisato - la loro presenza non rappresenta un pericolo per le persone». 
 
 

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Bulldozzer 1 anno fa su tio
Se gli allevatori proteggessero a dovere i propri capi non ci sarebbe nessun problema. Il fatto è che mettono delle recinzioni del piffero e poi si lamentano.
NOTIZIE PIÙ LETTE