SVIZZERAFFS e sindacati, accordo fatto: l'aumento del salario sarà del 3,3%

06.12.22 - 10:57
Foto Deposit
FFS e sindacati, accordo fatto: l'aumento del salario sarà del 3,3%

BELLINZONA - Le FFS e le parti sociali hanno trovato un accordo per un aumento del salario, che aumenterà del 3,3%. Lo rende noto una nota di FFS che specifica che le nuove misure contrattuali «si applicheranno anche a FFS Cargo».

Nelle scorse settimane le FFS e le parti sociali SEV, transfair, VSLF e AQTP hanno negoziato le misure salariali 2023 per il personale CCL delle FFS e di FFS Cargo. «L’accordo stipulato dalle parti prevede che le FFS attueranno complessivamente misure pari al 3,3% della massa salariale» scrive FFS.

La congiuntura economica generale pesa sul portafogli del personale FFS. Allo stesso tempo, «l’azienda continua a fronteggiare una forte pressione sui costi dovuta alla difficile situazione finanziaria». Come è noto, nel primo semestre «si è registrata una perdita di 142 milioni di franchi» e per garantirsi un finanziamento duraturo da qui al 2030, «le FFS dovranno risparmiare circa 6 miliardi di franchi».

«Le trattative sono state intense e impegnative, ma grazie a concessioni da entrambe le parti a fine novembre è stato possibile appianare le ultime divergenze». Markus Jordi, responsabile FFS Human Resources, è soddisfatto dell’esito della trattativa: «Siamo ben consapevoli della pressione del carovita e, nei limiti delle possibilità delle FFS, vogliamo fornire un sostegno economico al nostro personale. Sono lieto della buona soluzione trovata in collaborazione con le parti sociali.»

Anche Valérie Solano, responsabile della comunità di trattative delle parti sociali, esprime una valutazione positiva: «La comunità di trattative guarda con favore a questo accordo, sia per i salari più bassi che per i quadri. La nostra priorità era ottenere aumenti duraturi e non sotto forma di premi una tantum. Il prossimo anno seguiremo con grande attenzione l’aumento dei prezzi».
 
Il 1° maggio 2023 scatterà l'aumento, «mentre il premio una tantum sarà versato già con il salario di gennaio 2023».

 

COMMENTI
 
Urca che roba 2 mesi fa su tio
Fortunati loro .. .. Vediamo se i Pezzenti di Autopostale per cui lavoro, attaccano qualcosina anche a chi gira un volante
Mirko 73 2 mesi fa su tio
Ma aumento di che cosa? Le ferrovie sono i debito totale da anni e questi chiedono l'aumento...siamo alla frutta
NOTIZIE PIÙ LETTE