Immobili
Veicoli

URIMonumento a Suvorov: a ripulirlo ci hanno pensato alcuni cittadini

26.05.22 - 11:26
Il restauro dell'opera presente nelle Gole della Schöllenen rischiava di diventare un vero e proprio caso diplomatico.
Ambasciata russa in Svizzera
URI
26.05.22 - 11:26
Monumento a Suvorov: a ripulirlo ci hanno pensato alcuni cittadini
Il restauro dell'opera presente nelle Gole della Schöllenen rischiava di diventare un vero e proprio caso diplomatico.
Vi era infatti poca chiarezza su chi dovesse occuparsene. Alla l'iniziativa è stata presa da cittadini russi e svizzeri

ANDERMATT - È stato ripulito ieri il monumento dedicato alle truppe del feldmaresciallo russo Aleksandr Suvorov nelle Gole della Schöllenen (UR), imbrattato a metà maggio con vernice blu e gialla, i colori della bandiera ucraina. L'iniziativa è stata presa da cittadini russi e svizzeri, ha indicato ieri sera l'ambasciata della Federazione russa.

La missione diplomatica a Berna ha diffuso foto che mostrano il monumento in gran parte ripulito. In un comunicato, ha ringraziato i connazionali e gli svizzeri che hanno preso l'iniziativa di ripristinare lo stato del monumento.

Il 16 maggio, l'ambasciata russa aveva inviato una lettera al Dipartimento federale degli affari esteri per condannare l'atto di vandalismo, chiedere che sui fatti fosse fatta chiarezza e che il monumento fosse restaurato dalla Svizzera. Il Cantone di Uri si è rifiutato di effettuare la pulizia, sostenendo che era responsabilità della Russia, in quanto proprietaria del monumento.

Gli autori del gesto non sono ancora noti. La polizia urana ha lanciato un appello a testimoni, ma non ha ricevuto «nessuna segnalazione utile sugli autori», ha indicato martedì in una nota.

La celebre opera, una grande croce realizzata nel 1899 direttamente nella roccia per volontà dello zar, rende omaggio all'alto ufficiale, che nel 1799 guidò 21'000 uomini dell'esercito austro-russo attraverso le Alpi contro le truppe napoleoniche, e ai soldati caduti.
 
 

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA