Keystone - foto d'archivio
LOSANNA
04.06.2021 - 16:010

Il Tribunale federale respinge il ricorso contro la votazione sull'antiterrorismo

Irricevibile il primo ricorso presentato da 9 ex procuratori pubblici ticinesi. Resta però un secondo ricorso

LOSANNA - Non dovrebbero esserci ostacoli al voto referendario del prossimo 13 giugno sulla legge federale sulle misure di polizia per la lotta al terrorismo (MPT). Il Tribunale federale (TF) ha infatti ritenuto "irricevibile" il primo ricorso contro la votazione popolare. Data la manifesta inammissibilità, i giudici della corte suprema con sede a Losanna hanno rinunciato a un esame sostanziale della questione di fondo, si evince dalla sentenza emessa il 28 maggio e comunicata da una delle parti all'agenzia Keystone-ATS.

Nove ex funzionari ticinesi avevano chiesto che la votazione sulla legge antiterrorismo fosse abbandonata o che il risultato fosse annullato. Dopo il loro appello infruttuoso al governo cantonale si sono rivolti al TF, adducendo che le autorità avessero diffuso informazioni fuorvianti e false nel libretto di voto e quindi violato il diritto alla libertà di opinione.

Palese falsità - Secondo l'ex procuratore federale Paolo Bernasconi è particolarmente scioccante l'affermazione che la polizia possa agire solo dopo che un crimine è stato commesso: si tratta di una palese falsità, poiché il codice penale punisce già dal 2014 gli atti preparatori di un'impresa criminale o terroristica.  Inoltre, secondo gli autori del ricorso, il Consiglio federale sostiene nel libretto di voto che la legge non viola i diritti fondamentali e la costituzione federale. Ma una sessantina di professori di diritto hanno confutato tale affermazione. Ricorsi contro la legge antiterrorismo sono stati presentati anche nei cantoni di Ginevra, Zurigo, Lucerna, Obvaldo, Berna e Turgovia. Le denunce sono state organizzate dal Partito Pirata, che insieme ai partiti di sinistra aveva lanciato il referendum contro la legge. Oltre 500 cittadini chiedono che il voto venga abbandonato e il progetto di legge ritirato.

Il secondo ricorso - Ma la questione non è chiusa: il Tribunale federale dovrà pronunciarsi anche su un secondo ricorso, quello del 31 maggio, ossia sulla domanda di sospendere la procedura di votazione per le irregolarità nella procedura di votazione. "Se la votazione avesse luogo - fa notare il comitato 'No alla legge sulle misure di polizia' -  il Tribunale federale dovrà pronunciarsi anche sulla domanda di annullare il risultato della stessa siccome viziato dalle informazioni fuorvianti diffuse da parte del consiglio federale e dalla polizia federale. Si sostiene infatti che una indagine possa essere avviata soltanto dopo che una persona ha commesso un atto terroristico. Si tratta di un’affermazione smentita dal fatto che lo stesso Tribunale penale federale ha già condannato dal 2004 una trentina di persone per atti di generico fiancheggiamento a favore  di attività dichiarazioni fondamentaliste".

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-24 20:27:21 | 91.208.130.87