Immobili
Veicoli
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
9 min
Tre voli per portare Cassis al WEF
La partecipazione del presidente della Confederazione al Forum ha prodotto molto CO2. Ecco com'è andata
VALLESE
5 ore
Con il riscaldamento globale «seracchi sempre più instabili»
L'esperto: «Proprio perché i pericoli sono diventati più frequenti, molte vie alpinistiche vengono scartate»
SOLETTA
6 ore
Arrestato un presunto piromane, è un 33enne
La polizia aveva chiesto aiuto alla popolazione per catturare l'autore o gli autori di una decina di roghi
SAN GALLO
7 ore
Rinvenuto un cadavere: è del 74enne scomparso
Lo comunica la Polizia della Città di San Gallo, «non ci sono indicazioni di un coinvolgimento di terzi»
FOTO
VALLESE
7 ore
Due morti e nove feriti sul massiccio del Grand Combin
È il bilancio dell'incidente che si è verificato questa mattina in Vallese
VALLESE
8 ore
Licenziamenti in vista a Crans-Montana
La stazione sciistica perderà posti di lavoro. L'azienda parla di «campagna di sgrassaggio»
SAN GALLO
8 ore
Trovato morto un base jumper
Sono diverse le domande ancora senza risposta: era con qualcuno? Perché è precipitato?
SVIZZERA
8 ore
Vaiolo delle scimmie: «Non stigmatizzate gli omosessuali»
Aiuto Aids Svizzero lancia una campagna di sensibilizzazione sui rischi del contagio
SVIZZERA
9 ore
Dall'Italia alla Svizzera senza stage
Vale per chi termina gli studi di psicologia nella vicina penisola
GRIGIONI
9 ore
Finisce oltre il muro di contenimento con la sedia a rotelle
L'89enne è rimasto ferito ed è stato trasportato in ospedale dalla Rega
VALLESE
10 ore
Alpinisti travolti dai ghiacci sul Grand Combin, ci sono vittime
Degli alpinisti sono stati sorpresi dalla caduta di seracchi questa mattina in Vallese
SVIZZERA
10 ore
Gli svizzeri del post-pandemia? All'estero più spendaccioni
Le operazioni fatte con carte di pagamento elvetiche sono raddoppiate rispetto al primo quadrimestre del 2021.
URI
11 ore
Auto esce di strada e cade per 70 metri lungo un pendio
Il 18enne alla guida ha riportato gravi ferite ed è stato trasportato in ospedale dalla Rega
SVIZZERA
11 ore
Il linguaggio dei segni va riconosciuto legalmente
Il Consiglio federale propone di accogliere una mozione in tal senso
SVIZZERA
11 ore
Il Tribunale federale ha respinto il ricorso dell'oligarca
Gennady Timchenko aveva sporto denuncia per il sequestro di conti bancari di cui è beneficiario
SVIZZERA
11 ore
No a una task force per bloccare i patrimoni russi
Secondo il Consiglio federale, l'attuale sistema funziona
VALLESE
12 ore
Cade dal paddle e finisce sott'acqua, muore un 37enne
L'uomo è stato ritrovato dai soccorsi a diversi metri di profondità.
SVIZZERA
13 ore
Il caro benzina in Parlamento
Ecco i temi che saranno discussi a Berna, dal prossimo lunedì, durante la sessione estiva delle Camere federali
SCIAFFUSA
13 ore
Violenza tra tifosi ubriachi, diversi feriti
I sostenitori dell'FC Sciaffusa e dell'FC Lucerna sono venuti alle mani ieri sera.
ARGOVIA
14 ore
Maxi rissa alla stazione, ferite alla testa per un 39enne
Il malcapitato è stato colpito con una bottiglia di vetro.
SVIZZERA
15 ore
Ecco le firme contro l'acquisto degli F-35
L'alleanza "Stop F-35" fa sapere di aver raccolto le 100'000 sottoscrizioni necessarie per la sua iniziativa
SVIZZERA
1 gior
Vaiolo delle scimmie: terzo caso in Svizzera
Lo ha indicato l'Ufficio federale della sanità pubblica
SVIZZERA
1 gior
Pipistrelli, ratti, scimmie e... cammelli: cosa dobbiamo aspettarci dalle zoonosi del futuro
Ce lo spiega l'epidemiologo dell'Uni di Berna Christian Althaus: «Animali che contagiano l'uomo? Non è una novità»
LUCERNA
1 gior
Dopo l'alterco cade nel vuoto, muore un 61enne
Una lite ha preceduto i fatti, la polizia sta ancora indagando per chiarire le circostanze dell'indicente.
FRIBURGO
1 gior
In centinaia a una festa techno illegale
La musica ad altissimo volume che rimbombava da una cava di Montagny-les-Monts ha infastidito non poco i residenti.
FOTO
SOLETTA
1 gior
Colpita da una pianta a bordo fiume, grave una donna
L'incidente è avvenuto poco prima di mezzogiorno a Olten, sulle rive dell'Aare.
APPENZELLO ESTERNO
1 gior
Scivola sulla neve, cade e perde la vita
Il corpo del 44enne è stato trovato per caso da alcuni escursionisti sul massiccio dell'Alpstein
SVIZZERA
28.10.2020 - 16:150
Aggiornamento : 29.10.2020 - 08:04

Chiusura anticipata per bar e ristoranti, mascherina obbligatoria e stop agli eventi

Il Consiglio federale ha presentato le nuove misure decise per contenere la diffusione del coronavirus in Svizzera.

Da domani gli esercizi pubblici saranno costretti a chiudere alle 23. Mascherina obbligatoria all'esterno. Vietati gli eventi con più di 50 persone e le attività sportive e culturali con più di 15 partecipanti. Da lunedì lezioni a distanza nelle università e introduzione dei test rapidi.

BERNA - Tutta la Svizzera attendeva con ansia le nuove disposizioni che il Consiglio federale aveva per oggi. Misure che saranno cruciali per cercare di contenere la diffusione del coronavirus nel nostro Paese, dove sono stati nuovamente registrati numeri allarmanti.

Al termine di una seduta più lunga del solito, la presidente del Governo Simonetta Sommaruga, il "ministro" della salute Alain Berset e quello dell'economia Guy Parmelin hanno finalmente presentato le decisioni «indispensabili» dell'esecutivo: coprifuoco alle 23.00 per i bar e i ristoranti, chiusura di discoteche e sale da ballo, corsi universitari solo online, vietati gli eventi con più di 50 persone e le attività sportive e culturali con oltre 15 partecipanti, estensione dell'obbligo di mascherina. Entreranno in vigore da mezzanotte - «perché non dobbiamo perdere tempo» - a tempo indeterminato.

«Crisi da superare assieme» - Lo scopo delle nuove disposizioni è di limitare al minimo i contatti fra le persone, senza dover ricorrere a un lockdown: «È l'ultima occasione», ha detto Berset. «Non tutti saranno contenti di queste misure, ma ciò che ci unisce è più forte di quello che ci divide. Vogliamo superare questa crisi», ha sottolineato Simonetta Sommaruga nelle quattro lingue nazionali. «Non dobbiamo agitarci, ma dobbiamo andare avanti tutti assieme, mano nella mano. Lasciando comunque il potere ai Cantoni di spingersi più in là», ha aggiunto Alain Berset. «Non abbiamo perso sette giorni», ha detto ancora Sommaruga rispondendo a una domanda di un giornalista. «I cantoni hanno già preso provvedimenti ed è importante che la Confederazione e i Cantoni agiscano insieme nella situazione speciale».

«Siamo più pronti» - Per ridurre l'impatto economico della pandemia sono inoltre state prese alcune misure, anche in favore dei lavoratori su chiamata. «Sanità ed economia non vanno messe una contro l'altra, perché dipendono l'una dall'altra», ha dal canto suo spiegato Guy Parmelin. Secondo cui «siamo meglio preparati per affrontare la seconda ondata rispetto a quanto eravamo in primavera».

Coprifuoco dalle 23 - Le discoteche e le sale da ballo, in cui il rischio di diffusione del virus è particolarmente elevato, vengono chiuse. Nei ristoranti e nei bar non possono sedersi più di quattro persone a un tavolo, fatta eccezione per le famiglie con bambini. Tra le 23.00 e le 6.00 vige l'obbligo di chiusura per bar e ristoranti. Anche negli spazi privati non sono consentiti raduni di oltre 10 persone fra famigliari e amici.

Divieto di manifestazioni con più di 50 persone - Sono vietate le manifestazioni con più di 50 persone, comprese quelle sportive e culturali. Sono escluse dal divieto le assemblee parlamentari e comunali. Continuano a essere ammesse le dimostrazioni politiche e la raccolta di firme per referendum e iniziative, a condizione che, come finora, siano adottate le necessarie misure di protezione. Poiché molti contagi avvengono nel contesto privato, viene limitato a dieci il numero delle persone che possono partecipare a un evento nella cerchia degli amici o dei familiari organizzato in un luogo privato.

Niente attività sportive e culturali con più di 15 persone - Le attività sportive e culturali nel tempo libero in luoghi chiusi con più di 15 persone sono consentite se può essere mantenuta la necessaria distanza e indossata la mascherina. È possibile rinunciare all’uso della mascherina soltanto se è a disposizione uno spazio molto grande, per esempio un campo di tennis o una grande palestra. All’esterno deve essere rispettata unicamente la regola del distanziamento. Sono vietati gli sport con contatto fisico. Le regole non si applicano ai ragazzi che non hanno ancora compiuto i 16 anni.

Nel settore sportivo e culturale professionale sono ammessi rispettivamente gli allenamenti, le competizioni, le prove e le esibizioni. Le attività di cori amatoriali sono vietate perché nel canto vengono emesse molte goccioline. Sono per contro ammesse le prove dei cori professionali. Lo sport professionistico quindi può andare avanti, ma senza pubblico.

Insegnamento a distanza nelle università - Da lunedì 2 novembre, le scuole universitarie devono passare all’insegnamento a distanza. Nelle scuole dell’obbligo e del livello secondario II (licei e formazione professionale) le attività presenziali restano ammesse.

Estensione dell’obbligo della mascherina - Dal 19 ottobre vige l’obbligo della mascherina nei luoghi chiusi accessibili al pubblico, nelle aree di attesa dei trasporti pubblici, nelle stazioni e negli aeroporti. L’obbligo viene ora esteso alle aree esterne di strutture, quali i negozi, i locali per manifestazioni, i ristoranti, i bar e i mercati settimanali o natalizi. Bisogna indossare la mascherina anche nelle aree pedonali molto frequentate e in generale nello spazio pubblico, se non può essere mantenuta la distanza necessaria.

L’obbligo è introdotto anche nelle scuole a partire dal livello secondario II. La mascherina va inoltre portata sul posto di lavoro, a meno che non possa essere rispettata la distanza necessaria (p. es. negli uffici individuali). I datori di lavoro devono nel limite del possibile permettere il telelavoro e provvedere alla protezione dei dipendenti sul luogo di lavoro.

Sono esentati dall’uso della mascherina i bambini fino al compimento dei 12 anni, le persone dispensate per motivi medici e gli ospiti di ristoranti e bar quando sono seduti al tavolo. 
 
Introduzione di test rapidi - Dal 2 novembre, per diagnosticare un’infezione di COVID-19 possono essere effettuati, oltre agli attuali test PCR, anche testi antigenici rapidi. In questo modo è possibile testare un maggior numero di persone e, quindi, identificare e isolare rapidamente più casi positivi. La precisione dei test rapidi è stata valutata dal Centro nazionale di riferimento per le infezioni virali emergenti (CRIVE) di Ginevra. Rispetto ai test PCR, i test rapidi sono meno sensibili e sono indicati soprattutto se una persona è contagiosa. Per questo motivo, l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ne prevede l’impiego soltanto per le persone che, secondo i criteri da esso emanati, sono considerate sintomatiche e non appartengono a un gruppo particolarmente a rischio. La comparsa dei sintomi non deve inoltre risalire a più di quattro giorni.

Questi test possono essere effettuati anche su persone asintomatiche che hanno ricevuto una segnalazione dall’app SwissCovid. In caso di positività, il risultato dovrebbe tuttavia essere confermato da un test PCR. Tutte le persone risultate positive al test rapido dovrebbero mettersi immediatamente in isolamento. I test rapidi sono rimborsati dalla Confederazione, ma unicamente se sono stati effettuati in conformità alle raccomandazioni dell’UFSP.

Nuovo valore soglia per la quarantena per chi viaggia - Il Consiglio federale ha inoltre adeguato il valore soglia che definisce gli Stati e le regioni per i quali vige l’obbligo di quarantena e la deroga a questo obbligo per chi viaggia per motivi professionali. La modifica entra in vigore il 29 ottobre. Dato che in Svizzera l’incidenza della COVID-19 è superiore alla media rispetto agli altri Paesi europei, il valore soglia viene innalzato. «Ciò che valeva fino a qualche settimana fa oggi non vale più», ha sottolineato Alain Berset.

La modifica dell’ordinanza prevede che nell’elenco vengano inseriti soltanto gli Stati e le regioni la cui incidenza è superiore di 60 unità rispetto a quella della Svizzera. Il nuovo criterio svuota quindi di fatto la lista che conoscevamo finora. Attualmente vi figurano solo tre regioni francesi (Alta Francia, Île de France e Polinesia) e quattro Paesi: Andorra, Armenia, Belgio e Cechia.

Vengono inoltre adeguate le disposizioni derogatorie per chi viaggia per motivi professionali o medici. La regola che questi viaggi possono durare al massimo cinque giorni è abrogata. 

Votazioni confermate - Le votazioni federali del 29 novembre si svolgeranno come previsto. Lo ha affermato oggi il portavoce del Consiglio federale André Simonazzi a margine della conferenza stampa. «La data del voto non è in pericolo», ha detto. Il 29 novembre si voterà su due iniziative popolari: "per imprese responsabili - a tutela dell'essere umano e dell'ambiente" e "per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico".

Si torna al rosso - La Confederazione ha inoltre cambiato il colore delle sue comunicazioni. La situazione non è più arancione, ma si torna al colore rosso.


admin.ch

 

 

 

 

admin.ch
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-27 23:43:56 | 91.208.130.85