Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA / ITALIA
1 ora
I figli alla scuola privata di Zurigo, ma vogliono le norme italiane
Un gruppo di genitori si è rivolto a Repubblica per denunciare l'applicazione delle misure del Cantone anziché del Dpcm
FOTO
VALLESE
5 ore
Si stacca una valanga sopra Nendaz: un morto e un ferito
La grossa slavina ha travolto una guida alpina e uno dei suoi clienti. Stavano sciando fuori-pista.
SVIZZERA
6 ore
I Verdi approvano il piano climatico (da casa)
L'assemblea dei delegati ha pure deciso di dire «tre volte no» ai temi in votazione il prossimo 7 marzo.
FOTO
BERNA
7 ore
Corona-scettici scacciati dalla polizia
Un centinaio di persone si è ritrovato su Piazza federale per protestare contro le misure imposte dal Governo.
VIDEO
ZUGO
8 ore
Attorno alla polizia che balla "Jerusalema" scoppia la querelle
C'è chi ha accusato la Cantonale di non avere i diritti per la clip diventata virale
SAN GALLO
11 ore
Sei anni di carcere al rapinatore mascherato
Tra il 2016 e il 2019, il 27enne aveva colpito nove volte in banche e distributori di benzina della Svizzera orientale.
SVIZZERA
11 ore
Quei giovani rampanti diventati milionari vendendo FFP2 (inutilizzabili) all'esercito
E facendole pagare anche 9.90 l'una. Le ultime novità da un caso di cui si parla poco e che imbarazza Berna
ZURIGO
12 ore
Beccato con un chilo e mezzo di coca nello zaino
Un 23enne lettone, giunto in Svizzera con un volo dal Brasile, è stato fermato all'aeroporto di Zurigo-Kloten.
ZURIGO
13 ore
«Per sostenere l'economia più aperture domenicali dei negozi»
Da farsi a ridosso di Natale 2021, è la proposta di recuperare quelle "saltate" l'anno scorso di Carmen Walker Späh
GRIGIONI
14 ore
Fra hotel e scuole di sci, a St. Moritz previsti nuovi tamponi a tappeto
A partire da lunedì prossimo, l'obiettivo è essere sicuri che la variante britannica non si sia diffusa nel comune.
GLARONA
15 ore
Una frittura finita malissimo
Momenti di panico a Oberurnen dove una famiglia è stata costretta a rifugiarsi sul balcone dopo un incidente in cucina
SVIZZERA
15 ore
La pandemia pesa su AutoPostale che perde il 25% dei passeggeri
E circa 50 milioni di franchi nel solo 2020, i mesi più interessati dal calo sono quelli primaverili
VALLESE
16 ore
Tragedia fuori pista a Saxon, morto uno sciatore 23enne
Il ragazzo si trovava con un amico sui pendii questo venerdì ed è stato sorpreso dal crollo di un blocco nevoso
SCIAFFUSA
16 ore
All'asilo con la mascherina? L'obbligo è durato poco
Ma i docenti che rientrano in una categoria a rischio devono indossare protezioni ultrafiltranti del tipo FFP2
VALLESE
1 gior
Cede un cornicione di neve: morta una guida alpina
L'incidente si è verificato in Vallese. La vittima è un 56enne della regione
SVIZZERA
1 gior
Beny Steinmetz condannato a cinque anni di carcere
Il magnate è stato riconosciuto colpevole di corruzione di pubblici ufficiali stranieri in Guinea e falsità in documenti
SVIZZERA
1 gior
Il lockdown si fa sentire sui conti di Amag
Complessivamente sono state vendute 71'290 auto, oltre a 8315 altri veicoli
SVIZZERA
1 gior
Miliardario vaccinato: Hirslanden si scusa coi cittadini
Il CEO in una lettera: «Abbiamo sottovalutato il potere simbolico della somministrazione a un paziente facoltoso»
SVIZZERA
1 gior
Politecnici obbligati a lanciare una campagna contro le molestie
A Zurigo erano già stati presi provvedimenti in merito
SVIZZERA
1 gior
I piloti Edelweiss accettano le misure di risparmio
La filiale di Swiss potrà risparmiare fino al 20% sul monte stipendi per il personale della cabina di pilotaggio
SVIZZERA
1 gior
Test per gli asintomatici? Li pagherà la Confederazione
Il Consiglio federale propone che i cantoni effettuino test preventivi nelle cerchie di persone a rischio
SVIZZERA
1 gior
Le nuove varianti sono sempre più diffuse in Svizzera
Oggi le autorità sanitarie federali sono a conoscenza di 674 casi (ieri erano 582)
SVIZZERA
1 gior
Il 4% delle reclute è positivo al coronavirus
Tutti i giovani che negli scorsi giorni sono entrati in servizio sono stati sottoposti al test
SVIZZERA
1 gior
La task force Covid-19 cambia pelle
Ci sono state una dozzina di dimissioni da quando l'organo è stato istituito nel marzo 2020
SVIZZERA
1 gior
Telelavoro, il piede del virus sul pedale di una rivoluzione già in corso
Vantaggi, svantaggi, stress, produttività. La pandemia ha accelerato i cambiamenti nel mondo del lavoro
SVIZZERA
1 gior
Un altro caso di aviaria sul lago di Costanza
Le autorità ordinano ulteriori misure per proteggere il pollame
VALLESE
1 gior
Penuria di vaccini in Vallese
Il cantone romando non riceverà rifornimenti fino a inizio febbraio.
SVIZZERA
28.10.2020 - 16:150
Aggiornamento : 29.10.2020 - 08:04

Chiusura anticipata per bar e ristoranti, mascherina obbligatoria e stop agli eventi

Il Consiglio federale ha presentato le nuove misure decise per contenere la diffusione del coronavirus in Svizzera.

Da domani gli esercizi pubblici saranno costretti a chiudere alle 23. Mascherina obbligatoria all'esterno. Vietati gli eventi con più di 50 persone e le attività sportive e culturali con più di 15 partecipanti. Da lunedì lezioni a distanza nelle università e introduzione dei test rapidi.

BERNA - Tutta la Svizzera attendeva con ansia le nuove disposizioni che il Consiglio federale aveva per oggi. Misure che saranno cruciali per cercare di contenere la diffusione del coronavirus nel nostro Paese, dove sono stati nuovamente registrati numeri allarmanti.

Al termine di una seduta più lunga del solito, la presidente del Governo Simonetta Sommaruga, il "ministro" della salute Alain Berset e quello dell'economia Guy Parmelin hanno finalmente presentato le decisioni «indispensabili» dell'esecutivo: coprifuoco alle 23.00 per i bar e i ristoranti, chiusura di discoteche e sale da ballo, corsi universitari solo online, vietati gli eventi con più di 50 persone e le attività sportive e culturali con oltre 15 partecipanti, estensione dell'obbligo di mascherina. Entreranno in vigore da mezzanotte - «perché non dobbiamo perdere tempo» - a tempo indeterminato.

«Crisi da superare assieme» - Lo scopo delle nuove disposizioni è di limitare al minimo i contatti fra le persone, senza dover ricorrere a un lockdown: «È l'ultima occasione», ha detto Berset. «Non tutti saranno contenti di queste misure, ma ciò che ci unisce è più forte di quello che ci divide. Vogliamo superare questa crisi», ha sottolineato Simonetta Sommaruga nelle quattro lingue nazionali. «Non dobbiamo agitarci, ma dobbiamo andare avanti tutti assieme, mano nella mano. Lasciando comunque il potere ai Cantoni di spingersi più in là», ha aggiunto Alain Berset. «Non abbiamo perso sette giorni», ha detto ancora Sommaruga rispondendo a una domanda di un giornalista. «I cantoni hanno già preso provvedimenti ed è importante che la Confederazione e i Cantoni agiscano insieme nella situazione speciale».

«Siamo più pronti» - Per ridurre l'impatto economico della pandemia sono inoltre state prese alcune misure, anche in favore dei lavoratori su chiamata. «Sanità ed economia non vanno messe una contro l'altra, perché dipendono l'una dall'altra», ha dal canto suo spiegato Guy Parmelin. Secondo cui «siamo meglio preparati per affrontare la seconda ondata rispetto a quanto eravamo in primavera».

Coprifuoco dalle 23 - Le discoteche e le sale da ballo, in cui il rischio di diffusione del virus è particolarmente elevato, vengono chiuse. Nei ristoranti e nei bar non possono sedersi più di quattro persone a un tavolo, fatta eccezione per le famiglie con bambini. Tra le 23.00 e le 6.00 vige l'obbligo di chiusura per bar e ristoranti. Anche negli spazi privati non sono consentiti raduni di oltre 10 persone fra famigliari e amici.

Divieto di manifestazioni con più di 50 persone - Sono vietate le manifestazioni con più di 50 persone, comprese quelle sportive e culturali. Sono escluse dal divieto le assemblee parlamentari e comunali. Continuano a essere ammesse le dimostrazioni politiche e la raccolta di firme per referendum e iniziative, a condizione che, come finora, siano adottate le necessarie misure di protezione. Poiché molti contagi avvengono nel contesto privato, viene limitato a dieci il numero delle persone che possono partecipare a un evento nella cerchia degli amici o dei familiari organizzato in un luogo privato.

Niente attività sportive e culturali con più di 15 persone - Le attività sportive e culturali nel tempo libero in luoghi chiusi con più di 15 persone sono consentite se può essere mantenuta la necessaria distanza e indossata la mascherina. È possibile rinunciare all’uso della mascherina soltanto se è a disposizione uno spazio molto grande, per esempio un campo di tennis o una grande palestra. All’esterno deve essere rispettata unicamente la regola del distanziamento. Sono vietati gli sport con contatto fisico. Le regole non si applicano ai ragazzi che non hanno ancora compiuto i 16 anni.

Nel settore sportivo e culturale professionale sono ammessi rispettivamente gli allenamenti, le competizioni, le prove e le esibizioni. Le attività di cori amatoriali sono vietate perché nel canto vengono emesse molte goccioline. Sono per contro ammesse le prove dei cori professionali. Lo sport professionistico quindi può andare avanti, ma senza pubblico.

Insegnamento a distanza nelle università - Da lunedì 2 novembre, le scuole universitarie devono passare all’insegnamento a distanza. Nelle scuole dell’obbligo e del livello secondario II (licei e formazione professionale) le attività presenziali restano ammesse.

Estensione dell’obbligo della mascherina - Dal 19 ottobre vige l’obbligo della mascherina nei luoghi chiusi accessibili al pubblico, nelle aree di attesa dei trasporti pubblici, nelle stazioni e negli aeroporti. L’obbligo viene ora esteso alle aree esterne di strutture, quali i negozi, i locali per manifestazioni, i ristoranti, i bar e i mercati settimanali o natalizi. Bisogna indossare la mascherina anche nelle aree pedonali molto frequentate e in generale nello spazio pubblico, se non può essere mantenuta la distanza necessaria.

L’obbligo è introdotto anche nelle scuole a partire dal livello secondario II. La mascherina va inoltre portata sul posto di lavoro, a meno che non possa essere rispettata la distanza necessaria (p. es. negli uffici individuali). I datori di lavoro devono nel limite del possibile permettere il telelavoro e provvedere alla protezione dei dipendenti sul luogo di lavoro.

Sono esentati dall’uso della mascherina i bambini fino al compimento dei 12 anni, le persone dispensate per motivi medici e gli ospiti di ristoranti e bar quando sono seduti al tavolo. 
 
Introduzione di test rapidi - Dal 2 novembre, per diagnosticare un’infezione di COVID-19 possono essere effettuati, oltre agli attuali test PCR, anche testi antigenici rapidi. In questo modo è possibile testare un maggior numero di persone e, quindi, identificare e isolare rapidamente più casi positivi. La precisione dei test rapidi è stata valutata dal Centro nazionale di riferimento per le infezioni virali emergenti (CRIVE) di Ginevra. Rispetto ai test PCR, i test rapidi sono meno sensibili e sono indicati soprattutto se una persona è contagiosa. Per questo motivo, l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ne prevede l’impiego soltanto per le persone che, secondo i criteri da esso emanati, sono considerate sintomatiche e non appartengono a un gruppo particolarmente a rischio. La comparsa dei sintomi non deve inoltre risalire a più di quattro giorni.

Questi test possono essere effettuati anche su persone asintomatiche che hanno ricevuto una segnalazione dall’app SwissCovid. In caso di positività, il risultato dovrebbe tuttavia essere confermato da un test PCR. Tutte le persone risultate positive al test rapido dovrebbero mettersi immediatamente in isolamento. I test rapidi sono rimborsati dalla Confederazione, ma unicamente se sono stati effettuati in conformità alle raccomandazioni dell’UFSP.

Nuovo valore soglia per la quarantena per chi viaggia - Il Consiglio federale ha inoltre adeguato il valore soglia che definisce gli Stati e le regioni per i quali vige l’obbligo di quarantena e la deroga a questo obbligo per chi viaggia per motivi professionali. La modifica entra in vigore il 29 ottobre. Dato che in Svizzera l’incidenza della COVID-19 è superiore alla media rispetto agli altri Paesi europei, il valore soglia viene innalzato. «Ciò che valeva fino a qualche settimana fa oggi non vale più», ha sottolineato Alain Berset.

La modifica dell’ordinanza prevede che nell’elenco vengano inseriti soltanto gli Stati e le regioni la cui incidenza è superiore di 60 unità rispetto a quella della Svizzera. Il nuovo criterio svuota quindi di fatto la lista che conoscevamo finora. Attualmente vi figurano solo tre regioni francesi (Alta Francia, Île de France e Polinesia) e quattro Paesi: Andorra, Armenia, Belgio e Cechia.

Vengono inoltre adeguate le disposizioni derogatorie per chi viaggia per motivi professionali o medici. La regola che questi viaggi possono durare al massimo cinque giorni è abrogata. 

Votazioni confermate - Le votazioni federali del 29 novembre si svolgeranno come previsto. Lo ha affermato oggi il portavoce del Consiglio federale André Simonazzi a margine della conferenza stampa. «La data del voto non è in pericolo», ha detto. Il 29 novembre si voterà su due iniziative popolari: "per imprese responsabili - a tutela dell'essere umano e dell'ambiente" e "per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico".

Si torna al rosso - La Confederazione ha inoltre cambiato il colore delle sue comunicazioni. La situazione non è più arancione, ma si torna al colore rosso.


admin.ch

 

 

 

 

admin.ch
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-24 00:28:09 | 91.208.130.85