Deposit
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRIGIONI
1 ora
Davos riabbraccia il WEF
Il tema dell'edizione 2022 del Forum economico mondiale sarà «Lavorare insieme, ripristinare la fiducia».
SVIZZERA
1 ora
La terza dose sotto la lente di Swissmedic
L'Istituto svizzero per gli agenti terapeutici sta valutando i dati clinici, «in termini di sicurezza ed efficacia»
ARGOVIA
2 ore
La 26enne ha ucciso il fratello, poi si è tolta la vita
La Polizia cantonale ha fornito nuovi dettagli sui due corpi trovati martedì mattina a Frick.
GRIGIONI
2 ore
La mucca nutrice si traccia online
Nei Grigioni è stato avviato un progetto pilota che permette di seguire gli animali
SVIZZERA
3 ore
Siamo il paese più caro d'Europa
Il nostro costo della vita è del 51% superiore a quello della Germania.
SVIZZERa
3 ore
Chiesa molesta
Le denunce riguardano due casi recenti e altri diciannove già caduti in prescrizione.
SVIZZERA
3 ore
I test potrebbero rimanere gratuiti
Il maggior partito svizzero lancia una mozione volta a mantenere il costo dei test a carico dello Stato.
SVIZZERA
3 ore
Il bisognino non giustifica l'eccesso di velocità
La fretta di espletare bisogni fisiologici è costata il ritiro della patente a un automobilista in Germania.
SVIZZERA
4 ore
Nessun decesso nelle ultime ventiquattro ore
Altre 61 persone hanno dovuto ricorrere a un ricovero. Le cure intense accolgono ora il 30,9% di pazienti Covid
SVIZZERA
4 ore
Riserve astronomiche delle casse malati, sia obbligatorio ridurle
Lo chiede una mozione del consigliere nazionale ticinese Lorenzo Quadri, accolta oggi per 103 voti a 75.
SVIZZERA
4 ore
Col tunnel di base del Ceneri, più merci prendono il treno
Lungo la linea del San Gottardo la quota è aumentata, anche rispetto al 2019
SVIZZERA
5 ore
La nuova ondata sembra aver perso slancio
Rispetto alla precedente, le nuove infezioni da coronavirus sono rimaste stabili. Così come le persone decedute.
SVIZZERA
6 ore
«La legge sulle epidemie va rivista»
L'esperienza vissuta con la pandemia di coronavirus ha cambiato le carte in tavola.
SVIZZERA
6 ore
«Volevano mettere a tacere un testimone», due avvocati rischiano grosso
Pesanti accuse lanciate nei confronti di due avvocati attivi nel Canton Zurigo: il processo è in corso
SVIZZERA
6 ore
«Netflix investa nei film svizzeri»
Secondo il Nazionale le piattaforme di streaming devono investire il 4% del loro reddito finanziando film elvetici.
SVIZZERA
06.08.2020 - 12:500

Congedo paternità di due settimane? «Un primo passo verso la parità di genere»

Il comitato a favore ha presentato oggi le proprie argomentazioni in vista della votazione del 27 settembre.

Per il vallesano Mathias Reynard nella situazione attuale «la parità tra donne e uomini è impossibile alla nascita di un bambino».

BERNA - Un congedo di paternità di due settimane, per quanto breve, è un primo passo nella giusta direzione verso la parità di genere, secondo il Comitato "il congedo paternità subito!", che oggi ha presentato le argomentazioni a favore del testo in votazione il 27 settembre.

«La Svizzera è pronta per il congedo di paternità», ha dichiarato Adrian Wüthrich, presidente del Comitato nazionale e di Travail.Suisse, nel corso di una conferenza stampa oggi a Berna. Secondo un sondaggio pubblicato a giugno, quasi tre quarti della popolazione è favorevole a un congedo di due settimane. Solo il 16% respinge in toto il progetto.

Il progetto è sostenuto da partiti e organizzazioni di vario genere, comprese quelle di datori di lavoro. È giunto quindi il momento d'introdurre un congedo legalmente regolamentato, hanno detto gli oratori sia di sinistra che di destra. Tutti hanno criticato il fatto che attualmente un padre ha diritto a un solo giorno di permesso quando nasce un bambino, esattamente come per un trasloco.

«Finanziabile e necessario» - «Questo progetto è finanziabile e necessario per la società, l'economia e il futuro», ha riassunto Wuthrich. In origine l'iniziativa popolare prevedeva quattro settimane di congedo, ma è stata ritirata a favore del progetto adottato dal Parlamento che prevede due settimane da sfruttare - in toto o in singoli giorni - entro sei mesi dalla nascita di un figlio. Il referendum, promosso dall'UDC e da membri di altri partiti borghesi, è riuscito quindi spetta ora al popolo decidere.

La misura verrebbe finanziata mediante le Indennità per perdita di guadagno (IPG) per un onere finanziario globale stimato in 230 milioni di franchi all'anno. L'attuale aliquota per i contributi IPG (0,45%) dovrà essere aumentata di 0,05 punti. Per un salario di 6'500 franchi al mese, l'aggravio ammonta a 3,90 franchi al mese, di cui 1,95 franchi a carico del dipendente.

Per Adrian Wuthrich la stima di 230 milioni all'anno non tiene conto del fatto che non tutti i padri vorranno necessariamente approfittare del congedo. A suo avviso 200 milioni all'anno sono una previsione più realistica.

«Solo vantaggi» - Secondo la consigliera nazionale UDC Céline Amaudruz (GE), il testo «ha solo vantaggi». In particolare per la parità di genere e per consentire alle donne di rientrare più rapidamente nel mercato del lavoro, evitando così una perdita di competenze.

Inoltre, a suo avviso, il progetto sosterrebbe il tasso di natalità, troppo basso in Svizzera. Aiuterebbe anche i padri a essere «attori piuttosto che spettatori» nella cura dei bambini. A livello economico, le PMI diventerebbero più attrattive.

Quest'ultima argomentazione è stata avanzata anche dalla consigliera nazionale del PLR Susanne Vincenz-Stauffacher (SG), presidente della sezione femminile del partito.

Ora l'uguaglianza è impossibile - «La Svizzera è l'unico paese in Europa a non avere un congedo paternità o parentale», ha detto Mathias Reynard (VS/PS). Nei paesi OCSE, la media è di 54 settimane di congedo calcolando entrambi i genitori. Con questo progetto la Svizzera avrebbe 16 settimane. Si tratta quindi di «una soluzione moderata».

Nella situazione attuale, «la parità tra donne e uomini diventa impossibile alla nascita di un bambino», ha osservato il vallesano. Il congedo di paternità ridurrebbe anche «il rischio professionale» per le donne di avere un figlio, ha aggiunto la consigliera nazionale Maja Graf (Verdi/BL).

I parlamentari borghesi sono comunque stati chiari: sia Susanne Vincenz-Stauffacher che Martin Candinas (PPD/GR) hanno precisato che non intendono chiedere più di quanto proposto dall'attuale bozza.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 1 anno fa su tio
Ma anche NO!
Marta 1 anno fa su tio
meglio le briciole che nulla.. speriamo che passi
MIM 1 anno fa su tio
Bene, era ora che anche il nostro paese pensasse ai papà. Il voto sancirà finalmente un riconoscimento anche per loro.
tartux 1 anno fa su tio
Io non capisco come si possa andare al voto quando si sa che in svizzera romanda le firme son state prese con l'inganno.
MIM 1 anno fa su tio
@tartux a parte le firme (e sinceramente non so di che parli) il voto sarà netto, senza discussioni.
tartux 1 anno fa su tio
@MIM Parlo di come son raccolte le firme visto che si sa che son state raccolte in modo fraudolento non si reputa valido il referendum (poi per fortuna con tutta probabilità la poplazione dirà di si all'iniziativa che é un piccolo passo avanti).
tartux 1 anno fa su tio
@MIM Praticamente coloro che raccolglievano le firme andavano in giro dicendo che ilreferendum era PER avere il congedo di paterinità o che le aziende dovevano accollarsi tutti i costi
miba 1 anno fa su tio
Sì, ma poi per i padri prevederanno anche un'indennità di allattamento? :):):)
streciadalbüter 1 anno fa su tio
Nessuno ha pensato anche agli zii e zie e magari anche ai nonni.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-16 17:59:41 | 91.208.130.89