Cerca e trova immobili

ROMA«Mancini? Lo consideravo un amico»

25.11.23 - 12:00
In Italia sono ancora senza parole per l’addio dell’ex selezionatore
Imago
«Mancini? Lo consideravo un amico»
In Italia sono ancora senza parole per l’addio dell’ex selezionatore
Gravina: «Ferita che faccio fatica a rimuovere».
CALCIO: Risultati e classifiche

ROMA - Un tradimento del genere non se lo aspettava. Non in ambito professionale, dove i contratti spesso non valgono nemmeno la carta sulla quale sono stampati, ma per il rapporto che li legava. Gabriele Gravina, presidente della FIGC è rimasto segnato, scosso, dall’addio di Roberto Mancini. Da quelle goffe dimissioni (per andare poi a prendere una montagna di soldi in Arabia Saudita) arrivate in una notte di mezza estate.

«Sul piano umano la scelta di Mancini è stata una delusione - ha sottolineato il numero uno del pallone italiano - Mi sono sentito tradito, in un sentimento puro, nei confronti di Roberto, che ho sempre considerato un amico. Della sua scelta tecnica si può anche parlare ma per me l’addio, in quel modo… è una ferita che faccio fatica a rimuovere».

 

COMMENTI
 

Cula 3 mesi fa su tio
Con quello che gli danno i cuu da Camell era normale che sarebbe andato

Keope1963 3 mesi fa su tio
Un lavoratore a qualsiasi livello ritiene lo stipendio uno degli aspetti più importanti del suo impiego.. dunque ..

pegis 3 mesi fa su tio
Che novità! é solo lui che si meraviglia, forse ancora non l'ha capito che lui e tutti quelli che hanno a che fare con questo sport sono tutti zozzi.

tormar 3 mesi fa su tio
Cia Gravina, il 99% degli allenatori, avrebbero scelto la stessa cosa, cioè i soldi. Dunque nn facciamo troppo i moralisti
NOTIZIE PIÙ LETTE