Cagliari
Sampdoria
12:30
 
Cagliari
Sampdoria
12:30
 
Freshfocus, archivio
SERIE A
05.07.2021 - 10:580
Aggiornamento : 23:26

«Io Razzista? Mi hanno chiamato terrone in tutti gli stadi...»

Gennaro Gattuso: «La mia vicenda insegna che l'odio da tastiera è pericolosissimo e molto sottovalutato».

NAPOLI - Dopo essere stato l'allenatore della Fiorentina soltanto per qualche giorno, Gennaro Gattuso ha deciso di rompere il silenzio e di raccontare il suo punto di vista. «Non posso dire niente a riguardo dell'argomento "commissioni", ma posso sempre ricordare la mia storia», sono state le parole di "Ringhio" a "La Repubblica". «Alleno da otto anni, le mie squadre non hanno mai acquistato giocatori di Mendes e non l’ho mai imposto. Lui è un amico e mi dà consigli per la mia carriera visto che ha una grandissima esperienza. Il mercato non è di mia competenza, ma spetta ai dirigenti e i ruoli li rispetto sempre. Sono ambizioso, voglio giocatori forti e funzionali alla mia squadra e non mi interessa chi sia il loro procuratore».

Il 43enne ha poi parlato del mancato approdo al Tottenham... «Faccio fatica a credere che i tifosi non mi abbiano voluto perché mi ritengono razzista, sessista e omofobo. Al limite potrebbe essere rimasta nella loro mente l'immagine della mia lite del 2011 con Jordan, l'allora assistant coach degli Spurs. Perché non chiedete ai miei ex compagni e ai giocatori che ho allenato del mio rapporto con loro? Personalmente mi hanno chiamato terrone in tutti gli stadi, come razzista non sarei molto credibile. La mia vicenda insegna che l'odio da tastiera è pericolosissimo e molto sottovalutato. Io sono un personaggio pubblico e ho la forza di reagire alle calunnie, ma non tutti riescono a sopportarle. C'è chi per debolezza, magari, si butta dalla finestra. È un problema molto serio: che cosa si aspetta a intervenire?».

 

CALCIO: Risultati e classifiche

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Boh! 3 mesi fa su tio
…ma dove sta la notizia di questo articolo?

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-17 12:09:35 | 91.208.130.89