Cerca e trova immobili
Un «monito/vomito» che si fa arte

CANTONEUn «monito/vomito» che si fa arte

10.01.24 - 06:30
"Alto e grosso" è il singolo di BetaVerso integrato da un VideoClipArt di Silvano Repetto
BETAVERSO
Omar Enrico Bernasconi e Ivan Martino Griggio, ovvero BetaVerso.
Omar Enrico Bernasconi e Ivan Martino Griggio, ovvero BetaVerso.
Un «monito/vomito» che si fa arte
"Alto e grosso" è il singolo di BetaVerso integrato da un VideoClipArt di Silvano Repetto

LUGANO - Un collettivo artistico, per citare una definizione da vocabolario, è l'unione delle forze di due o più soggetti finalizzata al raggiungimento di un obiettivo condiviso. Messe tali premesse, passiamo a considerare "Alto e grosso", pubblicato a nome BetaVerso nei giorni scorsi.

Di che si tratta? Di un «embrione sperimentale», nato dalla collaborazione di tre artisti multimediali molto noti nel panorama artistico ticinese. Si parte con Ivan Martino Griggio, musicista e cantautore conosciuto anche come VanIggio; si prosegue con Omar Enrico Bernasconi, l'ideatore del progetto di musica elettronica Re-count (e di altro ancora). La loro unione artistica ha creato BetaVerso. Infine c'è Silvano Repetto, video-artista di fama internazionale.

La canzone scaturita da questa collaborazione è, per loro stessa ammissione, «altamente provocatoria». È una riflessione su quanto sta travolgendo la società occidentale, ma anche l'intero globo. «Vorrei darvi amore e felicità e tanta voglia di vivere / Tutto questo oggi non è possibile» canta Griggio, in un «monito/vomito» che denuncia come l'umanità non sia stata capace di elevarsi, nonostante il progresso della tecnologia, da una logica di sopraffazione - sia da parte del forte sul debole che verso le altre entità che popolano la Terra, animali o risorse naturali.

Un messaggio urgente e incalzante, amplificato dalla martellante sonorizzazione concepita da Bernasconi, fatta di passaggi reiterati (salvo flebili "tregue") e di sferzate elettroniche. A completare liriche e melodia c'è la componente visiva: Repetto ha realizzato «una sorta di VideoClipArt» che s'ispira, nello stile e nei richiami, alla video-arte elaborata dagli anni '60 agli '80.

"Alto e grosso" non è un brano nato per compiacere, ma per spiazzare e disturbare. È pienamente arte nelle sue finalità e nella realizzazione: lo scorso mese di novembre una copia in vinile, stampa unica da collezione artistica, è andata all'asta a Lugano nel corso dell'evento "Repettoby's". «Un altro modo di fare asta», che ha avuto luogo presso gli spazi dell'ex Asilo Ciani.

Il vinile è stato un atto unico, fisico, non replicabile; mentre la canzone è stata condivisa con il mondo tramite social, piattaforme e YouTube. Lo stesso accadrà con il lato B, che include il secondo singolo di prossima uscita, intitolato "Alza la testa".

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE