Londra vara i double decker a idrogeno
pixabay.com
GRAN BRETAGNA
08.07.2021 - 08:000
Aggiornamento : 10:31

Londra vara i double decker a idrogeno

La flotta dei celebri autobus a due piani arricchita da 20 modelli fuel cell

di Redazione

Il futuro della mobilità urbana, soprattutto quella riguardante i mezzi pubblici, non può che essere “green”. Ne è convinto il sindaco di Londra Sadiq Khan, che già da tempo ha stanziato importanti investimenti per convertire il trasporto pubblico locale. L’ultimo passo è stato compiuto di recente con l’acquisto di una flotta di bus a due piani alimentati a idrogeno: una parte dei celebri double decker, mezzi che sono uno dei veri e propri simboli della capitale britannica, saranno dunque fuel cell. La Transaport For London (Tfl), l’azienda di trasporti locali londinese, ha acquisito 20 autobus a due piani realizzanda dalla società nordirlandese Wrightbus in collaborazione con l’inglese Luxfer: 6 milioni di sterline la cifra investita per i mezzi che verranno utilizzati sulla linea 7 tra East Acton e Oxford Circus, una delle più frequentate di Londra, aggiungendosi alla flotta di già 500 bus elettrici operativi nella capitale britannica. 

Secondo quanto comunicato dalla Wrightbus, i mezzi acquistati da Tfl sono in grado di assicurare più di 400 km di autonomia con un pieno di 25 kg di idrogeno, caricabile a bordo in soli 10 minuti: di fatto, i double decker fuel cell hanno lo stesso raggio dei vecchi modelli diesel, ma con la differenza di non aver alcun impatto sull’ambiente. Il sindaco Khan ha presentato la novità non solo come un passo avanti verso la sostenibilità del trasporto pubblico, ma anche come un’occasione di crescita per l’economia britannica, considerato che le aziende che hanno prodotto i 20 double decker sono appunto “made in UK”. 

Con l’arrivo dei double decker a idrogeno, Londra si conferma una città all’avanguardia nel settore del trasporto a emissioni zero: l’obiettivo annunciato da Khan è quello di raggiungere le emissioni zero del trasporto pubblico entro il 2030.     

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-26 16:24:23 | 91.208.130.86