Immobili
Veicoli
Depositphotos (maloha13)
STATI UNITI
12.05.2022 - 07:210

La finanza cripto affonda: le ore più difficili per il settore

Il tonfo di TerraUSD trascina nel baratro l'intero settore, Bitcoin è ai minimi da oltre un anno

NEW YORK - TerraUSD brucia in 24 ore il 70% del suo valore e affonda la finanza cripto, riportando alla ribalta i dubbi sulla sua sostenibilità. A pagare un prezzo salato è il Bitcoin, che scende sotto ai 29.000 dollari, ai minimi dal gennaio 2021.

Il caso TerraUSD - Lo stablecoin algoritmico, caro a molti investitori e considerato un esperimento che unisce la matematica e il software per creare una valuta digitale che si comporta come il dollaro, crolla per motivi al momento non ancora chiari scendendo fino a 23 centesimi, ben lontano quindi al valore di 1 dollaro a cui dovrebbe essere ancorato. «Capisco che le ultime 72 ore sono state difficili per tutti voi. Sappiate che sono determinato a lavorare con ognuno di voi per navigare la crisi», afferma Do Kwon, lo sviluppatore sudcoreano che ha creato lo stablecoin e che sta ora incontrando non poche difficoltà a ricevere la fiducia dei grandi investitori.

Mercati nervosi e la delusione Coinbase - Il tonfo arriva in un momento di nervosismo dei mercati e scatena una fuga dalle criptovaluta, di cui è complice anche la deludente trimestrale di Coinbase. La maggiore piattaforma di scambio di criptovalute negli Stati Uniti ha chiuso infatti il primo trimestre sotto le attese degli analisti a causa di un calo degli utenti. Le perdite sono risultate pari a 429,7 milioni di dollari su ricavi per 1,2 miliardi.

A preoccupare ancora di più però è la comunicazione alla Sec della società in cui si specifica che gli utenti di cripto asset non hanno protezioni in caso di bancarotta. Di per sé non c'è nulla di nuovo visto che la mancanza di tutele è prevista dalla regolamentazione vigente ma il solo averlo certificato per iscritto ha scatenato il panico, lasciando immaginare che la precisazione fosse legata a un rischio reale di bancarotta per la società. «Non c'è rischio di bancarotta ma abbiamo incluso un nuovo fattore di rischio sulla base dei requisiti della Sec», si affretta a spiegare l'amministratore delegato Brian Armstrong. Le sue parole però non rassicurano e i titoli Coinbase chiudono in calo del 26,40%.

Male anche Bitcoin - Pesante anche il Bitcoin, che arriva a perdere l'8,7% a 28.300 dollari. La criptovaluta è in calo ormai da diverse sedute e rispetto al picco dello scorso anno ha bruciato più del 50% del suo valore.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-18 05:31:43 | 91.208.130.85