Cerca e trova immobili

STATI UNITI «La Russia non vincerà»

10.07.24 - 07:18
Le parole del presidente statunitense Joe Biden al vertice Nato
IMAGO
Fonte Ats ans
«La Russia non vincerà»
Le parole del presidente statunitense Joe Biden al vertice Nato

WASHINGTON - Joe Biden apre i lavori del vertice della Nato annunciando nuovi sistemi di difesa aerea all'Ucraina insieme agli alleati. «La Russia non prevarrà», ha detto palco del Mellon Auditorium, dove fu firmato il trattato che sancì la nascita dell'Alleanza nel 1949.

«Collettivamente, forniremo all'Ucraina ulteriori sistemi di difesa aerea strategica, comprese batterie Patriot aggiuntive donate da Stati Uniti, Germania e Romania; componenti Patriot donati da Olanda e da altri partner per consentire il funzionamento di una batteria Patriot aggiuntiva; e un ulteriore sistema Samp-T donato dall'Italia», si legge in una nota della Casa Bianca. E gli Stati Uniti riprogrammeranno le consegne pianificate delle vendite militari straniere di intercettori critici per la difesa aerea, così da poter fornire a Kiev centinaia di intercettori aggiuntivi nel prossimo anno.

«L'Ucraina può e fermerà Putin», ha detto Biden fra gli applausi degli altri leader della Nato, pronunciando uno dei discorsi più importanti della sua carriera. Tutti gli occhi erano infatti puntati sul presidente in seguito alle ripetute richieste di ritiro dalla corsa alla Casa Bianca arrivate dal suo stesso partito dopo la disastrosa performance al dibattito. Anche leggendo dal gobbo, Biden è apparso energico e non ha mai perso il filo del discorso, superando così il primo esame sulla sua salute e la sua età. Ma probabilmente per i sette democratici che hanno dichiarato esplicitamente che vorrebbero un passo indietro da Biden, e per tutti quelli che lo hanno fatto solo dietro le quinte, non sarà abbastanza.

Quello che chiedono a Biden per dimostrare di essere in grado di correre e vincere sono interventi meno coreografati e più spontanei, risposte dirette a domande non concordate. «La Nato fu fondata per proteggere la democrazia e noi siamo qui per rinnovare quell'impegno, oggi la Nato è più potente che mai», ha aggiunto il presidente americano consegnando al segretario generale della Nato la Medal of Freedom, la più alta onorificenza civile americana. Biden si è quindi scusato con la moglie di Jens Stoltenberg per averlo trattenuto all'incarico per così tanto tempo.

Donald Trump segue da lontano il vertice e attacca. «Gli Stati Uniti sono quelli che stanno pagando di più per aiutare l'Ucraina»: l'Europa dovrebbe mandare a Kiev 100 miliardi di dollari per «pareggiare» con gli Usa, ha detto sul suo social Truth, senza dire da dove proviene il calcolo. L'ex presidente si è preso poi il merito dell'attuale forza della Nato, osservando come «miliardi di dollari» sono piovuti nell'Alleanza dopo il suo pressing sugli alleati affinché spendessero il loro 2% di pil in difesa. Quando si è insediato Biden nel 2020 a spendere tale cifra erano solo nove paesi membri, ora sono 23.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE