Cerca e trova immobili

ITALIAMaltempo: cinque morti in Toscana. È stato d'emergenza

03.11.23 - 07:50
Tre ospedali allagati. Strade trasformate in fiumi. «La situazione è molto grave». Piena dell'Arno attesa alle 12.
keystone-sda.ch (CLAUDIO GIOVANNINI)
Fonte ATS
Maltempo: cinque morti in Toscana. È stato d'emergenza
Tre ospedali allagati. Strade trasformate in fiumi. «La situazione è molto grave». Piena dell'Arno attesa alle 12.

FIRENZE - Nottata di allerta e paura in diverse regioni del nord Italia dove il maltempo continua imperterrito a causare danni. Stando alle previsioni meteo la tempesta Ciaran, un concentrato di piogge e forti venti, continuerà almeno fino a domenica. Particolarmente colpite la Toscana, soprattutto la zona di Prato, e il Veneto. 

In Toscana si contano già cinque vittime. La prima è un uomo di 85 anni, trovato morto in serata nella sua abitazione al piano terra di una casa a Montemurlo, nella frazione di Bagnolo, vicino a Prato, in una stanza completamente allagata. I soccorritori ipotizzano che l'anziano non sia riuscito a raggiungere i piani alti e sia annegato. Sempre a Montemurlo è deceduta una donna di 84 anni, morta a seguito di un malore.  L'anziana si sarebbe sentita male mentre stava spalando acqua dalla sua abitazione. Infine, la terza vittima si è registrata nel comune di Rosignano (Livorno).

Il governatore toscano Eugenio Giani ha reso noto di aver  mandato dei gommoni a Seano, Quarrata e Campi Bisenzio, «zone in questo momento difficilmente raggiungibili in altro modo per provvedere al sopralluogo di prima urgenza».

In provincia di Firenze è esondato il Bisenzio e si registrano diverse persone in difficoltà. A Prato il fiume ha portato via le auto parcheggiate. Diversi i punti critici in città. Oltre alla chiusura di tutti i sottopassi, l'acqua è entrata all'interno dell'ospedale Santo Stefano, allagando i sotterranei e una parte del piano terra. La situazione è di emergenza. 

In tarda serata il sindaco di Prato, Matteo Biffoni, ha diffuso un messaggio invitando «a stare a piani alti, specie chi vive nelle zone intorno al fiume Bisenzio, a non uscire di casa, e soprattutto non andare sopra gli argini perché la situazione è gravissima». E ha poi aggiunto:«Il sopralluogo in città è stato uno choc».

Stato emergenza, situazione molto grave

Il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, ha scritto sui social che la situazione è davvero critica. «Ho dichiarato lo stato di emergenza regionale e sono già in contatto con il governo per quello nazionale. La situazione è davvero molto grave». Facendo il punto della situazione sull'ondata di maltempo, Giani ha spiegato che "tra Vernio e Vaiano", nel Pratese, "il convoglio bloccato con 150 passeggeri a bordo, sono stati evacuati e hanno trovato supporto presso il palazzo comunale di Vaiano". Sempre nel Pratese, "a Carmignano l'esondazione del torrente Furba ha comportato a Seano un importante allagamento. Ad ora la situazione è leggermente migliorata. A Montemurlo È esondato il torrente Bagnolo numerosi allagamenti anche nella zona sud di Montemurlo. Frane importanti tra San Quirico, Sassetta e sul Montalbano.

"Chiusa ancora l'Autostrada tra e Prato ovest e Pistoia per allagamento della carreggiata - aggiunge -. A Campi Bisenzio (Firenze) vi è stata una rottura arginale della marina in zona villa Montalvo con tracimazione del Bisenzio al ponte della Rocca da entrambi i lati.

In questo momento il livello del Bisenzio sta calando". Nel Fiorentino, "a Stabbia, nel Comune di Cerreto Guidi, e a Campi Bisenzio ci sono zone difficilmente raggiungibili con zone ancora senza elettricità e connessione e ci sono squadre sul posto che stanno intervenendo".

E ancora, "a Pistoia vari allagamenti nei comuni della provincia a causa di esondazioni di torrenti: Pistoia, Agliana, Quarrata e Serravalle Pistoiese colpiti da allagamenti a causa degli affluenti dell'Ombrone. A Lamporecchio, Larciano e Monsummano Terme situazione di vari allagamenti. Frane sul San Baronto

.A Quarrata la situazione particolarmente più complessa dove parte del centro abitato è allagato, c'è una squadra che sta intervenendo. Evacuazioni sono in corso", "l'acqua si sta ritirando ma stiano portando in salvo tutte le persone.". Nel Pisano, "a Calcinaia 30 famiglie evacuate, 6 famiglie a San Miniato.

A Pontedera l'allagamento più importante che ha colpito anche l'accesso dell'ospedale. La situazione è in via di risoluzione. Situazione di smottamento diffusi in tutta la provincia di Pisa con chiusura di strade provinciali e comunali. Aperto l'ingresso allo svincolo tra Pontedera e Ponsacco". Giani rileva "allagamenti diffusi e frane anche nelle altre province, migliaia ancora le utenze senza corrente elettrica. Tantissime squadre sul posto di operatori che stanno cercando di seguire ogni criticità con la massima attenzione".

Piena dell'Arno attesa alle 12

Riguardo all'Arno, "la piena è attesa a Firenze dopo le ore 12 con un colmo di piena a cavallo del primo livello di guardia. Al momento sta transitando il colmo di piena sulla Sieve", principale affluente dell'Arno, "oltre i 300mc/secondo. Sta transitando anche la piena sul Serchio - fiume che attraversa le province di Lucca e Pisa - a 1000mc/secondo".

Colpite dal maltempo anche la provincia di Pisa dove a Pontedera si è allagato l'ospedale. Stessa sorte per l'ospedale di Prato. Allagamenti anche all'ospedale di Borgo San Lorenzo, in Mugello. Oggi scuole chiuse in più comuni toscani. Lezioni regolari a Firenze.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE