Immobili
Veicoli

ItaliaSi spengono i riflettori sul piccolo Eitan. Dopo 84 giorni è tornato a casa

03.12.21 - 21:00
La famiglia: «Ora ha bisogno di serenità e tranquillità per affrontare un percorso di recupero delicato»
Keystone
Fonte Ats ans
Si spengono i riflettori sul piccolo Eitan. Dopo 84 giorni è tornato a casa
La famiglia: «Ora ha bisogno di serenità e tranquillità per affrontare un percorso di recupero delicato»

PAVIA - Il ritorno in Italia del piccolo Eitan, unico sopravvissuto alla tragedia della funivia del Mottarone e lo scorso settembre rapito e portato in Israele dal nonno materno Shmuel Peleg, dovrebbe mettere fine al calvario del bambino di 6 anni che, dopo aver perso i genitori e il fratellino, si è ritrovato in mezzo a un'aspra controversia tra le famiglie da parte di padre e madre e a vivere in un Paese che aveva lasciato quando aveva poco più di un anno e dove poi ha trascorso le vacanze.

Con un volo Tel Aviv-Bergamo, Eitan fa così rientro in quella che, dopo l'incidente, è diventata la sua nuova casa italiana in provincia di Pavia. Ad accompagnarlo la zia paterna Aya Biran, nominata fin da subito dopo l'incidente sua tutrice, suo marito Or Nirko e le due cuginette con cui è praticamente cresciuto e che, all'indomani del suo sequestro, lo hanno pure loro raggiunto nello Stato del Medio Oriente. Ad attenderlo nella villetta di Travacò Siccomario, di fianco a quella dove viveva con mamma e papà ci saranno i nonni paterni, come ha spiegato un portavoce della famiglia Biran aggiungendo: «Dopo 84 giorni da quando è stato allontanato illegalmente dalla sua casa, Eitan tornerà ora alla routine della sua vita, a tutti gli ambienti medici, terapeutici ed educativi, ai suoi amici del quartiere e alla scuola, alla comunità in cui è cresciuto, e al suo adorato gatto Oliver».

Ieri per lui è stato il giorno dei saluti e dei preparativi. In uno spazio 'neutro' e alla presenza di un assistente sociale, ha visto prima il nonno Shmuel e poi, separatamente, la sua ex moglie, la nonna Esther Cohen: con loro continuerà a sentirsi per telefono mentre con gli zii da parte di mamma la promessa è d'incontrarsi presto in Italia.

In vista del suo arrivo, i legali di zia Aya, gli avvocati Grazia Cesaro e Cristina Pagni, hanno lanciato un appello scritto ai mass media affinché spengano i riflettori sulla vicenda. Hanno invitato a «comprendere l'esigenza di tutelare la privacy del minore nel rispetto dei principi della Carta di Treviso nonché delle norme deontologiche e professionali». «Eitan - si legge nel messaggio - ora ha bisogno di serenità e tranquillità, insieme alla sua famiglia, per affrontare un percorso di recupero delicato».

Con il suo ritorno, sebbene la partita tra le due famiglie è ancora aperta davanti al Tribunale dei Minorenni, per il bimbo dovrebbe quindi cominciare una vita normale, circondato dall'affetto degli amici e dei parenti stretti. L'obiettivo di tutti è aiutarlo a superare il trauma che ha vissuto quel pomeriggio del 23 maggio scorso, quando una gita in montagna si è trasformata in un terribile dramma.

Un dramma per Eitan ancora più doloroso da quando si è ritrovato a essere conteso tra le due famiglie che non si sono risparmiate una 'guerra' fatta di ricorsi e contro-ricorsi ai giudici italiani e israeliani, con buona pace per quel «bene del minore» invocato da entrambe le parti. Una vicenda, questa, a cui qualche giorno fa, invece, la Corte Suprema di Tel Aviv ha cercato di mettere un punto fermo. Il giudice Alex Stein, confermando le due decisioni delle scorse settimane di primo e secondo grado, ha stabilito che «il luogo normale di vita» del bambino «sia in Italia dove ha trascorso quasi tutta la sua esistenza» e che quello che gli è accaduto a settembre è stato un rapimento verso cui la Convenzione internazionale dell'Aja prevede «tolleranza zero» e impone «la restituzione immediata» ai tutori. Quindi, ha riconosciuto, accogliendo l'istanza della zia Aya, la sottrazione illegittima del minore da parte del nonno materno. Il quale è destinatario di un mandato d'arresto internazionale per le accuse di sequestro di persona, sottrazione e trattenimento di minore all'estero e appropriazione indebita del passaporto del nipotino. Arrestato a Cipro, e rilasciato dietro cauzione, il presunto complice di Peleg, il «soldato» dell'agenzia di contractor statunitense Blackwater, Gabriel Alon Abutbul, anche lui israeliano e nei cui confronti è in corso il procedimento di estradizione.

NOTIZIE PIÙ LETTE