keystone (archivio)
TUNISIA
30.01.2021 - 09:480

30 anni di carcere per uno spinello

Misura massima decisa per tre giovani. Il caso fa discutere.

Essendo la sostanza stata consumata in luogo pubblico, sono state applicate tutte le aggravanti del caso.

TUNISI - Sta suscitando la reazione di molte associazioni della società civile tunisina la recente condanna in primo grado a 30 anni di reclusione nei confronti di tre giovani per aver detenuto e consumato sostanze stupefacenti, in particolare marijuana, in un luogo pubblico.

Secondo Faouzhi Dhaoudi, portavoce del Tribunale di El Kef, quello che ha emesso la condanna, ai tre giovani è stata applicata la misura massima essendo la sostanza stata consumata in un luogo pubblico, quale uno stadio, dove i tre sono stati sorpresi. Ai giovani sono state infatti applicate tutte le aggravanti del caso.

In loro favore il deputato del partito Attayar Zied Ghanney ha fatto appello al presidente della Repubblica affinché conceda ai tre una grazia eccezionale.

La notizia ha riacceso in Tunisia l'annoso dibattito sull'eccessiva severità dell'impianto normativo sulla detenzione e il consumo delle sostanze stupefacenti.

Da anni in Tunisia si discute nella società civile e tra i partiti politici della non attualità e la non costituzionalità dell'attuale legge che disciplina l'intera materia, la famigerata 52 del 92, che grava oltretutto pesantemente sul totale della popolazione carceraria. E molte associazioni ne chiedono, per questi motivi, l'abrogazione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Marta 7 mesi fa su tio
incredibile! poverini... speriamo che ne escano liberi al più presto
Don Quijote 7 mesi fa su tio
Purtroppo, l'erba disturba le persone in un largo raggio, ha decisamente un odoraccio insopportabile, bisogna avere un problema nei recettori nasali per riuscire a fumarla. Comunque un calcio nelle chiappe sarebbe bastato, in Tunisia e anche in Svizzera.
OCP 7 mesi fa su tio
Qui da noi non si danno 30 anni neppure ad un serial killer. Lì troppo, qui troppo poco.
volabas56 7 mesi fa su tio
Paese di baluba
ANDY 7 mesi fa su tio
30 anni per una canna?? PAZZIA!!!
OrsoTI 7 mesi fa su tio
Per una canna?:) oggi vale quanto una birretta. Sarebbe ora di legalizzare la canapa sensibilizzando i giovani. Quanti soldi risparmiati per lo stato con inutili controlli. Tassando la vendita potrebbe aiutare tutti quei professionisti e aziende che a causa del covid stanno chiudendo le attività oppure finanziare altre cose come energia pulita......

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-18 03:39:41 | 91.208.130.86