keystone-sda.ch (Soeren Stache)
GERMANIA / PORTOGALLO
12.06.2020 - 15:320

Maddie, un grave errore ha ritardato le indagini?

La rivelazione di Der Spiegel: «Le autorità comunicarono al presunto omicida di essere indagato»

BERLINO - La polizia tedesca sarebbe stata protagonista di un clamoroso errore investigativo sul caso della scomparsa della piccola Maddie McCann, sparita in Portogallo nel 2007 all'età di 3 anni. È quanto rivela lo Spiegel online, venuto in possesso di documenti interni della polizia.

Era il 2013. Gli investigatori tedeschi del Bka (l'ufficio criminale federale) erano arrivati a collegare l'attuale presunto omicida, il 43enne Christian Breuckner, con la scomparsa della bimba inglese. Le autorità però comunicarono al diretto interessato le indagini in corso, dandogli presumibilmente il tempo e l'occasione di fare sparire le prove sul proprio conto.

Quando Brueckner fu raggiunto dalla «citazione in giudizio come testimone» emessa dalla polizia di Braunschweig - scrive il settimanale tedesco - l'uomo viveva ancora in Portogallo.

Nell'invito a comparire, la sua testimonianza si legava esplicitamente alla scomparsa di Maddie. «Non sarebbe dovuto accadere così e non corrisponde in alcun modo alla procedura usuale in casi così delicati», ha indicato al giornale un agente di polizia.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-24 17:40:41 | 91.208.130.86