Cerca e trova immobili
Il caldo atroce della Valle della Morte

STATI UNITIIl caldo atroce della Valle della Morte

31.07.23 - 06:30
Sono già stati registrati 56 gradi e un uomo ha perso la vita. Come il cambiamento climatico ha reso ancora più rovente un luogo già estremo
AFP
Il caldo atroce della Valle della Morte
Sono già stati registrati 56 gradi e un uomo ha perso la vita. Come il cambiamento climatico ha reso ancora più rovente un luogo già estremo

LOS ANGELES - Il grosso termometro, non lontano dal centro informazioni, è sicuramente tra le foto più scattate dai turisti nella Death Valley questa estate. Non che sia particolarmente bello, è la sua temperatura a fare notizia. 

Da vari giorni, infatti, l'area più calda del pianeta - ovvero la Valle della Morte, la striscia desertica che si trova in California – ha quasi eguagliato il caldo record registrato nel 1913. I meteorologi hanno spiegato che sono già stati registrati, infatti, 56 gradi. Per capire bene la gravità della situazione, si pensi che il pianeta ha segnato temperature così alte solo pochissime volte.

In quel lontano 1913, a Furnace Creek, una parte della Death Valley che si trova al confine con il Nevada, si raggiunsero i 56.6 gradi. In una Europa che brucia, con temperature altissime, che in certe zone promettono di toccare i 45 gradi, una foto che testimonia di aver retto 56 gradi all’esterno, è forse quella che più di tutte riuscirà a sbalordire parenti e amici al ritorno dalle vacanze. Non ci vuole quindi grande fantasia per capire l’origine del nome “Valle della Morte”.

In queste terre, infatti, le condizioni climatico-ambientali rendono molto difficile la sopravvivenza di piante e animali. Una riprova, purtroppo, l’abbiamo avuta qualche giorno fa. Questo caldo estremo, che gli specialisti attribuiscono al cambiamento climatico, è, forse, una delle cause della morte di un uomo, colto da malore mentre attraversava il territorio della Death Valley.

I ranger del parco, che non possono certo bloccare l’entrata ai turisti, cercano però di incoraggiarli a camminare solo per brevi tratti, programmando soste, anche dentro la macchina per rinfrescarsi con l’aria condizionata. 

Quando diciamo, inoltre, che questa è l’area più calda del pianeta bisogna considerare che potrebbero esserci altri territori che superano le temperature di questo angolo californiano, ma non fanno notizia perché nessuno si prende la briga di misurarne la temperatura, non essendo abitate.

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Uzz 8 mesi fa su tio
Giornalista noioso, complottismo, notizie utili, notizie inutili....ma stare un pochino sereni no è? Buon primo agosto a tutti! 😉

robinson 8 mesi fa su tio
Possibile che non siete capaci di buttare giù un articolo senza parlare del caldo?Una pagina mal tirata assieme per dire che nella “valle della morte” oggi c’erano 56 gradi e nel 1913 ce ne sono stati 56,5… Siamo alla fine di luglio, qui da noi è il periodo più caldo dell’anno, è così da sempre ma il “giornalista” annoiato ci deve ricordare che “fa caldo”….

Spartan555 8 mesi fa su tio
Io ci sono stato (anch‘io al mese di luglio). C‘è un caldo incredibile e 50 e passa gradi non sono una novità lí. Articolo sensazionalista.

Emib5 8 mesi fa su tio
Per prima cosa direi di avere un po' di compassione per un giornalista che ha come compito giornaliero di pubblicare notizie, la seconda cosa è di non confondere due piani completamente diversi, il riscaldamento rapido del pianeta è negato solo da pochi e senza argomenti seri, (non lo è affermare che i cicli caldi e freddi ci sono sempre stat, ciò che è di per se vero, ma non con la rapidità di quello in atto dovuto in larga parte all'attività umana), con le temperature alte rilevate a Furnace Creek, tipiche del periodo estivo anche se non così alte come quest'anno. Mettere questo dato direttamente in relazione al riscaldamento globale da ai negazionisti modo di usarlo per negare il cambiamento in atto. Da ricordare poi che chi ci va d'estate, l'ho fatto più volte, ci va consapevole e con scorte di acqua, comunque la percezione del caldo là è molto attenuata dall'aria estremamente secca.

Peter Parker 8 mesi fa su tio
Risposta a Emib5
Emib. Prima cosa: compassione per un giornalista? No grazie, con i danni che riescono a fare bisogna pure compatirli? Seconda cosa: parlare di temperature e prendere a riferimento la Death Valley e’ come parlare di attacchi terroristici con riferimento all’Afghanistan. Ma va???? Punto terzo: si potrebbe anche lasciare in pace l’uso della parola negazionismo…che quello si riferisce a ben altri fatti.

s1 8 mesi fa su tio
Risposta a Emib5
Una bella contorsione mentale per giustificare un articolo spazza tura, continuare a poter pensare di essere giusto e comunque trovare il modo di dare la colpa della stupi di tà dell articolo ai tanto cari negazionisti. Una bella prestazione davvero.

Emib5 8 mesi fa su tio
Risposta a s1
Sai che dai l'impressione ne che non riesci nemmeno a capire un testo?

Emib5 8 mesi fa su tio
Risposta a Peter Parker
La prima osservazione era una battuta, la seconda va letta nel senso che dici tu, ridicolo uasrla come dimostrazione del cambiamento, per la terza ribadisco il termine, ci sono troppe persone che per motivi vari, negano realtà scientifiche ampiamente comprovate senza portare argomentazioni serie.

Peter Parker 8 mesi fa su tio
Risposta a Emib5
La realtà’ scientifica comprovata e’ solo quella che i cambiamenti climatici stanno avvenendo, e su questo c’è un consenso schiacciante. Se ci sono quelli che non ci credono, liberi di farlo, senza scomodare il negazionismo. Comunque sono una minima parte.

Emib5 8 mesi fa su tio
Risposta a Peter Parker
Saranno una minima parte, ma qui su Tio ce ne sono molti.

s1 8 mesi fa su tio
Biricchini, pure la valle della morte vanno a cercare per martellare sul caldo

vox_scriptum 8 mesi fa su tio
ed il mondo cade a pezzi…, la voglia a tutti i costi di sensazione, ed effetto wow…mah…

angelina 8 mesi fa su tio
deserto ed estate, cosa pensano, a 30 gradi???

Ahimè 8 mesi fa su tio
Articolo sensa senzo. Giornalisti senza propria ideologia e opinione propria. Siete ormai giornalisti del copia e incolla.

Ahimè 8 mesi fa su tio
Eco1, il cambiamento climatico non è dovuto a causa del uomo ma è un normale processo.

S.W.A.T. 8 mesi fa su tio
Le temperature nella valle della morte sono sempre state alte (tra i 50 e 60 gradi) e ogni anno muoiono persone per il caldo, anche in Svizzera, non c'entra il cambiamento climatico con le temperature di quel posto.

M70 8 mesi fa su tio
la pazzia della gente..fare il turista della domenica non paga..

Dal lacc 8 mesi fa su tio
Situata tra la California ed il Nevada, la Death Valley è famosa per essere il più CALDO e ARIDO luogo in tutto il Nord America !! FINITELA DI FARE TERRORISMO.. giornalisti del ca... quando andrete in vacanza li? potreste restarci per favore?

Raptus 8 mesi fa su tio
Selezione naturale..

Paolo73 8 mesi fa su tio
U2 The Joshua Tree (foto dell'album)

Peter Parker 8 mesi fa su tio
Scrivere in questo modo: „ Questo caldo estremo, che gli specialisti attribuiscono al cambiamento climatico, è, forse, una delle cause della morte di un uomo, colto da malore mentre attraversava il territorio della Death Valley“…… e‘ solo semplice sensazionalismo. Il tipo che è morto si chiamava Steve Curry, 71 anni, californiano. Stava facendo un escursione, nel bel mezzo della giornata, capito??? Se ti metti a camminare in un posto così….. D‘altronde ci lasciano le penne per il freddo anche escursionisti della domenica, ogni inverno. TIO, fare un articolo su un posto della Death Valley che si chiama Furnace Creek? Davvero e‘ necessario? Davvero porta argomenti?

eco1 8 mesi fa su tio
Risposta a Peter Parker
Finché gente come te continua a dubitare di come il nostro clima sta cambiando per via delle attività umane, secondo me é meglio sensazionalizzare che così il concetto prima o poi vi passa in testa. Poi se ad un certo punto vi trovate svantaggiati per questo non venite a piangere sul latte versato.

Blues 8 mesi fa su tio
Risposta a Peter Parker
Concordo pienamente!

Peter Parker 8 mesi fa su tio
Risposta a eco1
Eco. Forse ti confondi con qualcun altro, sarà il caldo….? Trovami un mio commento dove metto in dubbio il cambiamento climatico!! Secondo parlare di un posto come la Death Valley, Furnace Creek…per parlare di alte temperature e‘ sensato?? E poi, quindi per te e‘ giusto mandare la gente nel panico, fare allarmismo, instaurare terrore….mmmm…..mi ricorda il modo di fare di certi regimi…. Non sarebbe invece meglio concentrarsi su soluzioni, ricerche ed alternative realistiche? Per aiutare la popolazione? Informare senza drammatizzare il tutto, sempre e comunque? Attenzione….non versiamo il latte….fra pochissimo tutti gli animali delle nostre Alpi moriranno….bisogna fare attenzione a non sprecare latte.

Dal lacc 8 mesi fa su tio
Risposta a eco1
ecooooansiaaaahhhh

s1 8 mesi fa su tio
Risposta a eco1
Bravo eco1, bevi giù tutto bene che ti fa bene. Credici. Ancora non hai capito che Chi crea il problema (fandonie basate su fatti reali manipolati ad arte) ti darà anche la soluzione. Farà bene a loro e farà male a te e a tutti noi comuni mortali.

Danymarley 8 mesi fa su tio
Risposta a eco1
D’accordo!

eco1 8 mesi fa su tio
Risposta a s1
Ancora credi nelle teorie complottistiche? Sai che se ci rimettiamo noi, ci rimettono anche loro, dato che loro senza di noi non sopravvivono?
NOTIZIE PIÙ LETTE