Cerca e trova immobili

ITALIASalvini interviene e dimezza lo sciopero dei treni

12.07.23 - 22:47
L'azione di protesta in programma domani terminerà alle 15: «Lasciare a piedi un milione di italiani era impensabile».
Imago
Fonte ATS ANS
Salvini interviene e dimezza lo sciopero dei treni
L'azione di protesta in programma domani terminerà alle 15: «Lasciare a piedi un milione di italiani era impensabile».

ROMA - Matteo Salvini precetta il personale dei treni e dimezza lo sciopero di domani in Italia, che terminerà alle 15. Il vicepremier e ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture ha preso questa decisione dopo che il tavolo al dicastero di Porta Pia con i rappresentanti di Trenitalia e Italo e i sindacati di categoria si era concluso con un nulla di fatto e le sigle sindacali avevano confermato lo sciopero.

Il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti (Mit) ha quindi inviato ai sindacati un provvedimento di riduzione della durata delle astensioni, proclamate per domani dalle 3 del mattino fino alle 2 di venerdì 14. Con il provvedimento firmato da Salvini lo sciopero terminerà alle ore 15, sottolineando che il ministro ha deciso di prendere questa misura «anche alla luce dell'assicurazione dell'immediata ripresa delle trattative sindacali su tutti i punti oggetto dell'agitazione». Inoltre il Mit «ha agito anche in base a una nota della Commissione Garanzia Scioperi», fa presente il ministero.

«Lasciare a piedi un milione di italiani, di pendolari un giovedì di luglio con temperature di 35 gradi era impensabile», ha detto Salvini, in un video messaggio dopo l'incontro. «Mi adopererò perché le aziende incontrino i sindacati per dare soddisfazione ai lavoratori delle ferrovie senza però lasciare a piedi centinaia di migliaia di italiani che non ne hanno colpa», ha aggiunto il ministro. Dura la replica della Filt Cgil. «La precettazione è un'iniziativa, vergognosa, sbagliata e illegittima», ha detto il segretario generale del sindacato Stefano Malorgio.

Lo sciopero di 24 ore nelle ferrovie era stato proclamato dalle sigle sindacali di categoria Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl Ferrovieri, Orsa Ferrovie e Fast Confsal. Le premesse per una revoca erano apparse pari allo zero già prima dell'incontro al dicastero di Porta Pia. «Credo che i margini per una revoca dello sciopero dei trasporti ferroviari proclamato dalle categorie a partire da questa notte non ci siano», aveva dichiarato il segretario generale della Cisl, Luigi Sbarra, circa tre ore prima della riunione. E la Uiltrasporti aveva aggiunto: «La convocazione da parte del Mit sugli scioperi arriva fuori tempo massimo, la revoca non è quindi un'opzione possibile».

Trenitalia prima della precettazione aveva comunicato che sarebbero stati garantiti i servizi essenziali previsti in caso di sciopero dalle ore 6 alle ore 9 e dalle ore 18 alle ore 21. Italo, dal canto suo, aveva fatto sapere che avrebbe garantito un certo numero di treni.

Ed è stato un nulla di fatto anche per il tavolo sullo sciopero dell'handling degli aeroporti. «Non ci sono avanzamenti» sulla trattativa con le aziende, hanno detto i sindacati, confermando quindi lo sciopero di sabato del personale di terra, che si fermerà per otto ore: dalle 10 alle 18. «Per noi lo sciopero dell'handling rimane confermato e domani saremo a Bologna in assemblea unitaria con le lavoratrici e i lavoratori dell'handling per affrontare con loro le ragioni dello sciopero», ha detto il segretario generale della Uiltrasporti Claudio Tarlazzi.

Allo sciopero aeroportuale di sabato si aggiungeranno anche le agitazioni dei piloti di Malta Air, che opera i voli di Ryanair, dalle 12 alle 16 e dei piloti e assistenti di volo di Vueling dalle 10 alle 18.

Intanto si sono insediati proprio oggi i nuovi componenti della Commissione di garanzia dell'attuazione della legge sull'esercizio del diritto di sciopero nei servizi pubblici essenziali, nominati lo scorso 9 giugno con decreto del presidente della Repubblica. Paola Bellocchi è la nuova presidente. La Commissione resterà in carica per i prossimi sei anni.

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

RV50 11 mesi fa su tio
In Italia qualcuno con gli "zebedei" c'é ancora e ha il coraggio di esporsi ; cambiato governo cambiano anche certe regole sinistroide , questa decisione é per salvaguardare la popolazione che lavora

Romano 11 mesi fa su tio
Risposta a RV50
stesso governo nel 2009....l'italia ha sfioraro il default.

Manang1404 11 mesi fa su tio
Risposta a RV50
Ricorda che scioperare è un diritto in Italia....dal lontano 1946. Non è una idea sinistroida.... è un diritto.

Manang1404 11 mesi fa su tio
Risposta a RV50
E rispetta la democrazia degli altri stati. guarda in casa tua.

RV50 11 mesi fa su tio
Risposta a Manang1404
Manang se non sbaglio quì a casa mia esiste la libertà di pensiero e di parola "democrazia" e col mio commento non ho mancato di rispetto alla democrazia di un'altro stato ma solo detto ciò che penso ... forse sei tu che devi rispettare la democrazia degli altri paesi

Tirasass 11 mesi fa su tio
Risposta a Manang1404
Giusto. E i diritti si esercitano o andranno persi. Ci fosse rispetto x chi lavora non sarebbe necessario scioperare. Ma mungono sempre quindi quandoè troppo è troppo. La schiavitù vorrebbe certa gente... ma col cavolo
NOTIZIE PIÙ LETTE