Keystone
Pablo Casado, leader del Partito Popolare PP.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
GERMANIA
10 min
L'UEFA: «Noi per i diritti LGBT, era Monaco che voleva politicizzare la cosa»
La federazione del calcio europeo spiega la sua controversa decisione e si colora di "rainbow".
EURASIA
31 min
Mar Nero: bombe e spari d'avvertimento contro una nave britannica
Tensione tra Russia e Regno Unito nel Mar Nero: la nave britannica sarebbe entrate in acque russe
ITALIA
55 min
Focolaio di variante Delta: «In 300 devono ancora fare il test»
Tutti i tamponi effettuati nel corso dell'indagine non hanno dato nuovi esiti positivi
CINA
1 ora
Ultime ore di vita per l'Apple Daily
A partire da mezzanotte il tabloid non aggiornerà più il sito. E quella di domani sarà l'ultima edizione cartacea
GERMANIA / UNGHERIA
3 ore
Dopo la polemica sullo stadio arcobaleno, Orbán annulla la sua presenza alla partita
Normalmente entusiasta spettatore di Euro 2020, il primo ministro ungherese non sarà a Monaco.
ITALIA
3 ore
Ritrovato vivo il bimbo scomparso nel Fiorentino
È stato individuato a circa tre chilometri dalla sua abitazione
INDIA
5 ore
L'india identifica una nuova "variante preoccupante": la Delta Plus
Il virus mutato colpisce in maniera «più violenta» i polmoni ed è potenzialmente resistente agli anticorpi monoclonali.
STATI UNITI
8 ore
«Vorrei quell'arma», a 300'000 americani è stato detto «no»
Gli acquisti bloccati dai "background check" negli Stati Uniti hanno raggiunto una cifra record nel 2020
STATI UNITI
17 ore
Vaccini: Biden non ha centrato l'obiettivo
Solo il 65 per cento di vaccinati a luglio. Ritardi nella campagna americana
FOTO
SVIZZERA / ITALIA
18 ore
Due ragazze svizzere vive per miracolo
Due giovani elvetiche sono rimaste coinvolte nel terribile incidente avvenuto questa mattina nel Piacentino.
SPAGNA
11.05.2021 - 06:000

Coprifuoco, feste e stato d'allarme: in Spagna «regna il caos»

C'è confusione dal punto di vista legale: alcune Comunità autonome hanno potuto reintrodurre il coprifuoco, altre no

Il leader del Partito Popolare spagnolo, Pablo Casado, in tackle su Pedro Sánchez: «Irresponsabile»

MADRID - Una reintroduzione del coprifuoco per impedire lo svolgersi di altre feste e assembramenti come avvenuto lo scorso fine settimana.

È quanto ha chiesto la delegata del Governo a Madrid, Mercedes González alla Presidente della Comunità autonoma di Madrid, Díaz Ayuso.

«Il coprifuoco è una misura valida», ha detto la politica in un'intervista ripresa dal quotidiano El País, «e penso che la Comunità di Madrid debba considerarla, come hanno fatto altre regioni». «Le immagini che abbiamo visto sabato scorso ci mettono di fronte a uno scenario che dobbiamo affrontare, per garantire che non si entri in una nuova ondata». 

«Non si può chiudere migliaia di abitanti a causa di centinaia di giovani», ha controbattuto dal canto suo Enrique Lopez, il Ministro degli interni ad interim del governo di Ayuso, che ha comunque detto chiederà al Governo più agenti della polizia nazionale e della guardia civile per aiutare nel controllo delle folle riunite a festeggiare.

Il problema legale

In ogni caso, un'eventuale riattivazione del coprifuoco dalle 23.00 alle 6.00 dovrebbe superare un ostacolo non da poco a livello giudiziario. La situazione è infatti parecchio confusa: mentre i giudici hanno sostenuto le restrizioni proposte dalle Baleari e dalla Comunità Valenciana, non hanno invece approvato quelle dei Paesi Baschi. Ciò deriva dalle enormi differenze di criteri che sorgono tra giudici e procuratori di diversi territori nel decidere se le principali misure restrittive dei diritti fondamentali possano essere approvate o meno senza stato di allarme.

Ed è proprio a questo che si è riferito il Sindaco di Madrid, José Luis Martínez-Almeida, quando ha risposto a González: «Il delegato del governo ha chiesto coraggio», ha detto, «e io le dico di chiedere al presidente di mettere in atto un regolamento che permetta di proteggere le decisioni prese dalle Comunità autonome».

È una situazione che ha messo molta pressione sul Governo centrale, che tramite il Ministro della Politica territoriale, Miquel Iceta, ha annunciato che «studierà e sosterrà» la reintroduzione regionale dello stato di allarme, se una comunità lo richiedesse. Iceta, come riporta il quotidiano El Mundo, ha ricordato che è possibile per le comunità «ricorrere» alla Corte Suprema, visti i criteri «non omogenei» messi in atto dalle Corti di giustizia sulle restrizioni. «Se ciò non funziona, valuteremo se sarà opportuno mettere in atto qualche riforma legislativa» ha concluso. 

«La Spagna non merita questo caos»

In tutto ciò è intervenuto in tackle il leader del Partito Popolare Spagnolo (PP), Pablo Casado, che ha accusato il Governo Sánchez per la situazione caotica che si è creata: «In questo momento non c'è nessun piano B come proposto dal PP, e ora siamo nel piano C del caos di Sánchez....». «L'irresponsabilità di Sánchez sta costando vite umane», ha poi aggiunto, «la Spagna non merita questo caos, che non si è visto in nessun'altra parte del mondo».

Toni duri arrivano anche dal vicepresidente del Governo regionale andaluso, Juan Marín, che ha accusato il governo centrale di non aver «fatto il suo lavoro» per la sicurezza dei cittadini contro il Covid-19, e ha detto che lo scenario attuale «a puzzle», senza un quadro normativo per le comunità, è «un vero disastro».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Ro 1 mese fa su tio
La stupidità non la fermi in nessun modo leggi o non leggi. Questi risultati sono il lassismo di ieri della società e ora bisogna purtroppo conviverci.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-23 14:21:14 | 91.208.130.89