Keystone
L'imperatore Naruhito e Papa Francesco
GIAPPONE
25.11.2019 - 07:160
Aggiornamento : 08:20

«Piansi alla notizia della bomba atomica»

Lo ha ricordato Papa Francesco durante l'incontro avuto con l'imperatore del Giappone Naruhito

di Redazione
ats

TOKYO - Il Papa, nell'incontro con l'imperatore del Giappone Naruhito, ha raccontato che aveva pianto alla notizia della bomba atomica esplosa a Nagasaki e Hiroshima, quando aveva 9 anni. Quindi ha aggiunto che quanto ha dichiarato ieri arrivava dal suo cuore. Lo hanno riferito fonti presenti all'incontro al Palazzo imperiale.

L'incontro tra Papa Francesco e l'imperatore del Giappone, Naruhito, si è svolto nella sala 'Tahe no ma' del Palazzo imperiale ed è durato circa 20 minuti. L'imperatore - riferiscono fonti del Palazzo imperiale - ha ringraziato il pontefice anche per l'incontro di questa mattina nel corso del quale Francesco ha incontrato le vittime del triplice disastro (sisma, tsunami e incidente a Fukushima) del 2011.

Su Fukushima e sull'energia - Occorre «prendere decisioni coraggiose e importanti sull'uso delle risorse naturali, e in particolare sulle future fonti di energia». Lo ha detto Papa Francesco nell'incontro con le vittime del triplice disastro del 2011 in Giappone, terremoto, tsunami e incidente nucleare a Fukushima.

«Vorrei ricordare particolarmente - ha proseguito il pontefice - l'incidente nucleare di Daiichi a Fukushima e le sue conseguenze. Oltre alle preoccupazioni scientifiche o mediche, c'è anche il lavoro immenso per ripristinare il tessuto della società. Fino a quando i legami sociali non saranno ristabiliti nelle comunità locali e le persone avranno di nuovo una vita sicura e stabile, l'incidente di Fukushima non sarà completamente risolto. Ciò implica, al tempo stesso, come hanno ben sottolineato i miei fratelli vescovi del Giappone, la preoccupazione per il prolungarsi dell'uso dell'energia nucleare, per cui hanno chiesto - così il Papa rilancia le richieste della Chiesa locale - l'abolizione delle centrali nucleari».

Il Papa ha sottolineato che «tutto è interconnesso» e quindi i problemi non possono essere affrontati «in maniera isolata».

Ci sono «altri importanti problemi che ci riguardano e che, come ben sapete - ha detto nell'incontro con le vittime del triplice disastro che ha colpito il Giappone nel 2011 -, non possono essere visti e trattati separatamente: guerre, rifugiati, alimentazione, disparità economiche e sfide ambientali. È un grave errore pensare che oggi i problemi possano essere affrontati in maniera isolata - ha sottolineato il pontefice - senza considerarli come parte di una rete più ampia».

«Facciamo parte di questa terra, dell'ambiente; perché tutto, in ultima analisi, è interconnesso», ha concluso il Papa.
 
 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-15 06:19:14 | 91.208.130.85