Keystone
CITTÀ DEL VATICANO
13.07.2019 - 13:440
Aggiornamento : 17:00

Caso Orlandi, individuati due ossari

La ripresa delle attività peritali è stata fissata per sabato 20 luglio, alle ore 9.00

CITTÀ DEL VATICANO - Nuovo capitolo nella vicenda delle tombe vaticane in relazione al caso di Emanuela Orlandi, la giovane italiana scomparsa 36 anni fa e della quale non si hanno più avuto notizie. Dopo l'apertura di due tombe, trovate vuote al Campo Santo Teutonico, sabato prossimo 20 luglio, verrà esaminato il contenuto di due ossari.

Il fatto che nella cosiddetta Tomba dell'Angelo e nel sarcofago accanto non ci fosse nulla, non solo Emanuela ma neanche le due principesse che lì dovevano essere sepolte, ha spinto il Vaticano a proseguire le ricerche per capire se le due ristrutturazioni effettuate nel piccolo cimitero, in particolare quella tra gli anni Sessanta e Settanta, avevano cambiato la localizzazione delle salme delle due nobildonne.

«Tali ispezioni hanno portato alla individuazione di due ossari» che «sono stati immediatamente sigillati per il successivo esame e repertazione dei materiali ossei», ha comunicato il direttore della sala stampa vaticana Alessandro Gisotti aggiungendo che la ripresa delle attività peritali è stata fissata per sabato 20 luglio, alle ore 9.00.

«La nuova iniziativa attesta ancora una volta la disponibilità della Santa Sede e la volontà di manifestare vicinanza alla famiglia di Emanuela Orlandi», ribadisce Andrea Tornielli, direttore editoriale di Vatican News, spiegando che la magistratura vaticana ha disposto questi nuovi accertamenti «per fugare ogni dubbio».

La famiglia, attraverso il loro legale Laura Sgrò, plaude alla decisione dei magistrati: «Ci è stato comunicato che sabato prossimo, il 20 luglio, proseguiranno le operazioni peritali. Che cosa faranno non lo sappiamo ma che ci sia un approfondimento in questo momento fa piacere. Nostro interesse è collaborare attivamente con la magistratura vaticana per capire come mai quelle due tombe fossero vuote. Se lo capiamo insieme è meglio».

I due ossari ritrovati erano collocati sotto la pavimentazione di un'aerea all'interno del Pontificio Collegio Teutonico, chiusi da una botola. Alle ricerche di sabato prossimo ci saranno i periti dell'Ufficio e di quelli nominati dalla Famiglia Orlandi, nonché del personale specializzato del Corpo della Gendarmeria e delle stesse maestranze già impiegate.

Ieri il fratello Pietro aveva chiamato in causa in questa complicata vicenda anche Francesca Immacolata Chaouqui, la pr ex dipendente della Cosea, protagonista del processo vaticano Vatileaks 2. Lei avrebbe saputo in anticipo che le tombe aperte giovedì 11 luglio erano vuote e Pietro per questo vuole che sia convocata dalla magistratura vaticana. Ma una richiesta formale per questo non è stata avanzata. «Era solo uno sfogo», minimizzano le persone vicine alla famiglia.
 
 

1 mese fa Caso Orlandi, aperte le due tombe: «Sono vuote»
1 mese fa Caso Orlandi: saranno aperte due tombe
9 mesi fa «Le ossa non sono di Orlandi e Gregori»
9 mesi fa Ossa ritrovate in Vaticano, cosa possono raccontare. Forse di due persone
9 mesi fa Rinvenute ossa in Vaticano, potrebbero essere di Emanuela Orlandi
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-08-24 22:50:18 | 91.208.130.86