Fotolia
AIROLO
20.06.2017 - 16:000

A caccia di film svizzeri

Il Cinema Leventina propone una mini rassegna in attesa del Festival Airolo in transizione

AIROLO - A partire da venerdì 23 giugno e per quattro venerdì di fila il Cinema Leventina di Airolo ospita una mini rassegna con film svizzeri di grande interesse. Si tratta di un prologo tematico al Festival di Airolo in transizione, il Festival di musica, arte e comunità che ritorna con un ricco programma dal 21 al 23 luglio 2017. Nella consolidata tradizione della piccola ed attiva sala di valle, tutti i film verranno presentati in versione originale con sottotitoli, taluni in prima visione in Ticino. Dopo ogni proiezione spazio alla discussione con il regista. Un ricco programma in un’ occasione unica per scoprire il meglio della produzione svizzera.

Venerdì 23 giugno – 20.30 Der Imker – L’apicoltore. Regia di Mano Khalil.

La persecuzione del regime turco contro i turchi ha tolto a Ibrahim Gezer famiglia, casa, patria. Gli resta solo la passione per le api. Dopo una lunga e commovente odissea troverà in Svizzera , sulle montagne di Uri, una nuova vita e la fiducia negli uomini. IL documentario ha vinto il prestigioso Prix de Soleure, alla Giornate del Cinema svizzero di Soletta. Versione originale tedesca con sottotitoli in italiano. Dopo il film incontro con il regista Mano Khalil introdotto da Tiziana Mona

Venerdì 30 giugno – 20.30 Heimatland. Regia di Lisa Blatter, Gregor Frei, Jan Gassmann, Benny Jaberg, Carmen Jaquier, Michale Krummenacher, Jonas Meier, Lionel Rupp, Mike Schaiwiller.

Come reagisce la Svizzera al pericolo rappresentato da una immensa nuvola che copre il paese e al disastro di dover dipendere dai paesi limitrofi ? Dieci giovani registi svizzeri affrontano il tema in un film dalle molte sfaccettature, dal drammatico, all’ironico, al commovente che ha fatto sensazione al festival di Locarno. Versione originale tedesca/francese con sottotitoli in francese. Dopo la proiezione parlerà della realizzazione complessa con un collettivo di regia, delle reazioni del pubblico alla provocazione, il produttore Ivan Madeo in una conversazione con Giovanni Medolago, critico di cinema. 

Venerdì 7 luglio – 20.30 Unerhört jenisch Regia di Karoline Arn e Martina Rieder.

Il documentario segue il famoso cantautore Stephan Eicher e suo fratello Erich sulle tracce delle loro radici jenisch. Un percorso affascinante che ci porta nelle montagne dei grigioni dove continua a vivere una grande tradizione musicale e dove scopriamo anche le dolorose discriminazioni che hanno subito “la gente del viaggio”. Versione originale tedesca con sottotitoli in francese. Prima visione in Ticino. La co-regista Karoline Arn sarà ospite per un incontro con il pubblico.

Venerdì 14 luglio - 20.30 Das Mädchen von Änziloch - La bambina dell’Änziloch

Regia di Alice Schmid. La dodicenne Laura è affascinata dalla misteriosa leggenda che circonda la gola dell’Änzi Nessuno condivide il suo interesse e le sue paure che affida ad un diario, fino a quando nel villaggio dell’entroterra lucernese arriva un giovane ragazzo. Con lui potrà andare alla scoperta del mistero ma anche trovare se stessa e il suo posto nel mondo. Ritroviamo i magnifici luoghi di Die Kinder von Napf in un racconto pieno di poesia. Il film è stato invitato ai prestigiosi festival di Amsterdam, Toronto. Prima visione in Ticino.

Dopo il film incontro con la regista Alice Schmid e la giovane protagonista Laura in una conversazione con Tiziana Mona.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-08 02:31:11 | 91.208.130.87