Archivio Keystone
Bellinzona
11.03.2021 - 22:190

Perché a Bellinzona non si può pagare il parcheggio con Twint?

Il dubbio di molti, e anche della liberale Sabina Calastri che ha presentato un'interpellanza al Municipio

BELLINZONA - Pagare il parcheggio con app e smartphone, ormai i ticinesi lo sanno, è comodo e spesso permette anche di risparmiare. Si domanda quindi come mai, la PLR Sabina Calastri, nel Bellinzonese non si possa fare. 

«Una città moderna si vede anche dalle piccole cose, che sono presenti in realtà vicine alla nostra», esordisce così l'interpellanza mossa al Municipio dalla liberale allegando al documento le mappe con l'offerta dei comuni confinanti, «nel comune di Bellinzona questa funzione non è ancora stata introdotta. Lugano e Locarno invece hanno già aderito a questo metodo di pagamento».

Per la deputata, i parcheggi del capoluogo hanno un problema evidente di vetustà: «Sul territorio comunale ci sono 2'655 posteggi a pagamento, ma solo 17 zone di parcheggio nel quartiere di Bellinzona sono muniti del sistema EasyPark (pagamento tramite SMS, quindi non di ultimissima generazione). Inoltre sistemi di pagamento con carte di credito e/o banconote sono presenti unicamente all'autosilo della Cervia, mentre negli altri si può pagare solamente a contanti».

Da qui la domanda di chiarimento al Municipio, sui piani per il futuro e un eventuale passaggio al pagamento contactless.

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-28 02:57:53 | 91.208.130.86