Ti-press (Davide Agosta)
CANTONE
16.03.2020 - 22:120

Covid-19: «Il Cantone si attivi presso la SECO»

Una mozione del gruppo PPD + GG chiede il diritto alle indennità anche per gli indipendenti

BELLINZONA - Una mozione presentata da Nadia Ghisolfi a nome del dal gruppo PPD + GG in Gran Consiglio chiede che il Consiglio di Stato si attivi presso la SECO affinché le indennità per lavoro ridotto vengano concesse anche ai titolari dell’azienda ed ai coniugi o partner registrati, fintanto che è dichiarato lo stato di necessità.

«Se in i tempi “normali” tali esclusione può essere comprensibile, in uno stato di necessità come quello dettato dal coronavirus queste motivazioni vengono decisamente meno», scrivono i mozionanti chiedendo in subordine di prevedere anche un’estensione del diritto alle indennità.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Lilly Formina 2 sett fa su tio
Evviva l'economia privata e il libero mercato a geometria variabile. Quando le cose vanno bene le aziende, fiere di appartenere al settore privato, intascano e imboscano utili, invocando ed ottenendo continui sussidi e sgravi fiscali, come l'ultimo - non da poco - di circa il 40%. E guai a parlare di contributi o aiuti sociali, caso mai dovessero beneficiarne i plebei. E i liberali e oregiatti a elogiare lo spirito imprenditoriale, competitivo, lungimirante delle aziende ticinesi. Ma fino a ieri il mondo economico e i relativi tirapiedi dei vari partiti non volevano privatizzare tutto? Adesso, dopo neanche due settimane di difficoltà, ecco l'economia privata lanciare l'assalto ai forzieri dell'odiato ente pubblico. Che coerenza!
pulp 2 sett fa su tio
@Lilly Formina Quando leggo certi commenti, capisco solo che a scuola bisognerebbe insegnare un po' le basi dell'economia, piuttosto che filosofeggiare su molti temi tanto cari alla sinistra. Le segnalo che le aziende pagano le tasse - molte tasse - e le segnalo anche che le aziende danno lavoro alle persone - molte persone - le quali a loro volta pagano le tasse. Se fermiamo le aziende, queste non saranno in grado di sopravvivere e quindi avremo una perdita di gettito enorme da parte loro e da parte degli impiegati di cui comunque dovremo prenderci a carico la disoccupazione prevista. Gli aiuti sociali inoltre li pagano eccome i datori di lavoro o forse la parte di AVS o di cassa pensione a carico del datore di lavoro le sfugge? Ma andando oltre, lei che pontifica dall'alto di non si capisce bene quali competenze e conoscenze, ha mai creato un'azienda? Ha mai avuto dipendenti e rischio d'impresa? Sa cosa significa mandare avanti una ditta tra concorrenza, tasse, burocrazia, regole pianificatorie ecc. ecc? Ecco questa sarebbe coerenza - che iniziasse a parlare di qualche cosa che conosce e non perché ha letto qualche spartito di Marx o ha elevato Pronzini a suo idolo nazionale.
vulpus 2 sett fa su tio
@Lilly Formina Mi sembrava che le bettole fossero chiuse.
Marta 2 sett fa su tio
Certamente vanno tutelati anche tutti i dipendenti di aziende private! costretti magari a lavorare fianco a fianco in piccoli spazi magari con persone già positive senza ancora una manifestazione del virus...
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-04-05 16:23:41 | 91.208.130.89