tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
18 min
Tiziano Veronelli è il nuovo Segretario generale del Gran Consiglio
CANTONE
22 min
«Quanto costano i rifugiati ai Comuni ticinesi?»
LUGANO
39 min
È nato il Forum delle Associazioni Ticinesi
LUGANO
1 ora
Affoltern am Albis in visita sul Ceresio
ITALIA / AIROLO
1 ora
Il più grande profiterole al mondo non è più ticinese
BELLINZONA
1 ora
Con il Villaggio dei Pompieri si chiudono i festeggiamenti dei 190 anni
TAVERNE / RIVERA
1 ora
Veicolo in avaria sull’A2, bloccata la corsia di destra
CANTONE
1 ora
Anche gli asilanti sono detenuti
LUGANO
2 ore
Veicolo in omaggio per i pompieri. Ed è subito Tetris Challenge
LUGANO
3 ore
Endorfine Festival da tutto esaurito
CANTONE
3 ore
La frontiera resterà senza droni
DOSSIER
3 ore
Allarme clima: 12 luoghi che rischiano di scomparire
BELLINZONA
3 ore
La Fontana della Foca si tinge di arancione (per una buona causa)
CANTONE
4 ore
La SUPSI riparte con 5’320 studenti
TENERO-CONTRA
4 ore
Il viaggio svizzero della fiamma olimpica parte da Tenero
CANTONE
19.05.2019 - 13:460
Aggiornamento : 16:14

Bocciata l'iniziativa sulle Officine

È terminato lo scrutinio nei seggi ticinesi, con due risultati negativi. Anche il finanziamento dei semafori nel piano di Magadino non è passato alle urne

4 mesi fa Officine e semafori: per ora sono due "no"
4 mesi fa Il Plr festeggia il "no" all'iniziativa sulle Officine
4 mesi fa «Zali e i semafori largamente sconfessati»

BELLINZONA - I ticinesi hanno detto due "no". E abbastanza secchi. Lo scrutinio dei seggi per le odierne votazioni cantonali si è appena concluso, e i risultati sono netti. No all'iniziativa per il salvataggio delle Officine di Bellinzona. No anche al finanziamento cantonale dei semafori sul piano di Magadino.

Il 73,1 per cento dei votanti ha bocciato il progetto cantonale di rimuovere le rotonde tra Cadenazzo e Quartino, e sostituirle con dei semafori. Un'operazione volta a velocizzare il traffico, ma su cui pesava un costo elevato: oltre 10 milioni di franchi. L'iniziativa è stata bocciata nella totalità dei 115 comuni ticinesi. 

Bocciata anche l'iniziativa "Giù le mani dalle Officine". Con il 65,3 per cento di "no" il popolo ha deciso - come raccomandato dal Consiglio di Stato - di non opporsi alla chiusura dello stabilimento delle Ffs a Bellinzona. Un oggetto, quest'ultimo, che ha provocato un acceso dibattito negli scorsi mesi e sembra destinato a restare un tema caldo.

Le reazioni - Difatti le reazioni non si sono fatte attendere. Per prima è arrivata quella del Movimento per il socialismo (Mps), uno degli sconfitti (dal punto di vista politico) nella giornata di oggi. «L'esito era abbastanza prevedibile» scrive il partito in una presa di posizione. «Ha sicuramente pesato il fatto che la campagna per il "no" sia stata svolta per iniziativa di personalità del Partito Socialista, contribuendo in questo modo a dividere in modo decisivo il fronte. Hanno brillato per la loro assenza nella campagna le organizzazioni sindacali». 

L'Mps non risparmia stoccate al Cantone, ai Comuni e alle Ffs, colpevoli di una «mancanza di volontà d'informazione» e di avere «alimentato ad arte una confusione sulle prospettive reali del progetto».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-16 15:30:34 | 91.208.130.87