tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
39 min
Mini-blocco dei ristorni: «Benino ma non benissimo»
TENERO
54 min
Campofelice Camping Village entra nei migliori campeggi d'Europa
CANTONE
1 ora
Ristorni, il Governo trattiene i soldi dovuti da Campione
LUGANO
1 ora
Nuovi defibrillatori a Carabbia e Viganello
LOCARNO
1 ora
Droni, arrivano le nuove regole
LUGANO
2 ore
Lo IUFFP sarà alta scuola pedagogica
LUGANO
2 ore
Sono loro i migliori studenti del Liceo 1
LOCARNO
4 ore
Rive invase dal legname: «Puliamo ogni mattina, ci vuole tolleranza»
RIVA SAN VITALE
4 ore
Riva accoglie i suoi campioni
LUGANO
5 ore
Caldo notturno da record sul Ceresio: 24.2 gradi
VACALLO
6 ore
«Come va l'illuminazione pubblica?»
LUGANO
7 ore
Novanta alloggi per studenti e un ristorante al posto del teatro
GAMBAROGNO
14 ore
Eroe per un giorno: salva un 70enne dalle acque
LUGANO
15 ore
«Che fine hanno fatto le panchine?»
LUGANO
16 ore
Helsinn, Giorgio Calderari entra nel Consiglio d'Amministrazione
CANTONE
19.05.2019 - 13:460
Aggiornamento : 16:14

Bocciata l'iniziativa sulle Officine

È terminato lo scrutinio nei seggi ticinesi, con due risultati negativi. Anche il finanziamento dei semafori nel piano di Magadino non è passato alle urne

1 mese fa Officine e semafori: per ora sono due "no"
1 mese fa Il Plr festeggia il "no" all'iniziativa sulle Officine
1 mese fa «Zali e i semafori largamente sconfessati»

BELLINZONA - I ticinesi hanno detto due "no". E abbastanza secchi. Lo scrutinio dei seggi per le odierne votazioni cantonali si è appena concluso, e i risultati sono netti. No all'iniziativa per il salvataggio delle Officine di Bellinzona. No anche al finanziamento cantonale dei semafori sul piano di Magadino.

Il 73,1 per cento dei votanti ha bocciato il progetto cantonale di rimuovere le rotonde tra Cadenazzo e Quartino, e sostituirle con dei semafori. Un'operazione volta a velocizzare il traffico, ma su cui pesava un costo elevato: oltre 10 milioni di franchi. L'iniziativa è stata bocciata nella totalità dei 115 comuni ticinesi. 

Bocciata anche l'iniziativa "Giù le mani dalle Officine". Con il 65,3 per cento di "no" il popolo ha deciso - come raccomandato dal Consiglio di Stato - di non opporsi alla chiusura dello stabilimento delle Ffs a Bellinzona. Un oggetto, quest'ultimo, che ha provocato un acceso dibattito negli scorsi mesi e sembra destinato a restare un tema caldo.

Le reazioni - Difatti le reazioni non si sono fatte attendere. Per prima è arrivata quella del Movimento per il socialismo (Mps), uno degli sconfitti (dal punto di vista politico) nella giornata di oggi. «L'esito era abbastanza prevedibile» scrive il partito in una presa di posizione. «Ha sicuramente pesato il fatto che la campagna per il "no" sia stata svolta per iniziativa di personalità del Partito Socialista, contribuendo in questo modo a dividere in modo decisivo il fronte. Hanno brillato per la loro assenza nella campagna le organizzazioni sindacali». 

L'Mps non risparmia stoccate al Cantone, ai Comuni e alle Ffs, colpevoli di una «mancanza di volontà d'informazione» e di avere «alimentato ad arte una confusione sulle prospettive reali del progetto».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-26 13:06:07 | 91.208.130.85