Ti Press (archivio)
Fabrizio Sirica, primo firmatario dell'interrogazione
ULTIME NOTIZIE Ticino
MEZZANA
18 min
Incontro della Regio Insubrica, sul tavolo anche la situazione debitoria di Campione d'Italia
CANTONE
20 min
Tassista provoca il ferimento di un agente, sette mesi sospesi
CANTONE
1 ora
Fallimenti pilotati nel mirino
BELLINZONA
1 ora
Si torna a camminare sulla Murata di Castelgrande
ACQUAROSSA
1 ora
Veicolo agricolo distrutto dalle fiamme
CANTONE
2 ore
Centro collaudi e OSC nella morsa della canicola: «Il Governo agisca»
LUGANO
2 ore
33 donne e un uomo. Sono i nuovi assistenti di farmacia
CANTONE
2 ore
Troppo ozono nell'aria, scattano gli 80 km/h sull'A2
COLDRERIO
2 ore
Nuovo vicedirettore per il Centro di Mezzana
MENDRISIO
2 ore
Un giovedì da 18'000 franchi (in beneficenza)
CANTONE
3 ore
Una pagina web sullo sviluppo degli insediamenti
ASTANO
4 ore
«Serve un progetto solido con l'aiuto del Cantone»
CENTOVALLI
4 ore
Il paesino dei turisti in burn-out
LUGANO
6 ore
Estate di lavori e traffico deviato
CANTONE
6 ore
Ecco la rosa UDC per le federali
LOCARNO
29.04.2019 - 15:190

Dipendenti comunali in burnout: «È il momento di fare chiarezza»

Il Partito socialista interroga il Municipio dopo il caso di un'ex collaboratrice comunale i cui problemi psicosociali sono stati gestiti in modo difficoltoso

LOCARNO - Il caso che riguarda un'ex collaboratrice della città di Locarno ha spinto il gruppo del PS in consiglio comunale a presentare un'interrogazione per riflettere e fare chiarezza su come e dove si può migliorare la gestione delle difficoltà psicosociali che possono riscontrare i collaboratori sul posto di lavoro.

La persona in questione - si legge nel testo dell'interpellanza - dopo un lungo periodo di tranquillo e proficuo lavoro, ha avuto dei problemi relazionali all’interno del team in cui lavorava. All’insorgere dei problemi la dipendente ha lanciato diversi campanelli d’allarme: chiede di venir spostata d’ufficio, parla del suo disagio coi superiori, scrive una raccomandata al Comune per denunciare il mobbing di cui si sente vittima. Alla fine riesce ad ottenere un incontro, ma nonostante le parole e le rassicurazioni, nulla si muove, la situazione relazionale subisce un’escalation e la collaboratrice il 3.11.2017 cade in burnout. 

Dopo qualche mese in malattia, viene convocata da un medico dell’assicurazione della città, il quale dà il suo parere: la lavoratrice è di nuovo abile al lavoro ma deve cambiare ufficio, in quanto alla base del suo problema di salute risulta evidente che c’è un clima di lavoro patologico.

I servizi della città non riescono a ricollocarla e le fanno continuare la malattia, ma dopo poco, nel febbraio 2018, le viene proposto dalla città un accordo: uscire dalla malattia, rimanere a casa pagata senza fare nulla e nel frattempo «il datore di lavoro si impegna a verificare durante tale periodo la possibilità d’impiego in altri settori dell’amministrazione, a tempo completo o parziale, per una possibile reintegrazione».

La collaboratrice patrocinata da un rappresentante legale si dice d’accordo e guarda con fiducia alla prospettata soluzione interna. Per concludere ottiene 10 mesi pagati (dal 1.3.2018 al 31.12.2018). I 10 mesi trascorrono e la collaboratrice non viene mai chiamata, nemmeno in prova, così si ritrova in disoccupazione a partire dal primo gennaio 2019.

Per il gruppo del PS «la situazione è stata gestita male, per più ragioni». Per questo pone all'esecutivo le seguenti domande:

Richieste d’aiuto inascoltate:

1.Che cosa è stato fatto per dare seguito alle richieste di aiuto della collaboratrice?

  • Quando l’IQ center ha scoperto il disagio della collaboratrice, cosa viene fatto? Di chi era la responsabilità di intervenire? Il Municipio era a conoscenza della situazione? Se non è stato fatto nulla, perché?
  • Quando la collaboratrice scrive una raccomandata in comune e all’ex direttore delle risorse umane, cosa viene fatto? Il Municipio è messo al corrente della situazione? Se non è stato fatto nulla, perché?

Impegno per reintegrare:

2. Il punto 3 dell’accordo, che prevede che il datore di lavoro «si impegna a verificare durante tale periodo la possibilità d’impiego in altri settori dell’amministrazione, a tempo completo o parziale, per una possibile reintegrazione» è stato rispettato?

  • Quante nuove posizioni si sono liberate, da marzo 2018 a gennaio 2019 all’interno dell’amministrazione? Specificare ruolo e mansione per ogni posizione.
  • Quante persone sono state assunte dalla città, da marzo 2018 a gennaio 2019, per lavorare nell’amministrazione? Specificare ruolo, percentuale lavorativa e mansione per ogni posizione.
  • Quante persone sono state spostate di ufficio e/o ricollocate all’interno dell’amministrazione da marzo 2018 a gennaio 2019? Se ci sono, specificare ruolo e mansione per ogni posizione.
  • Da marzo 2018 a gennaio 2019, ci sono state delle sostituzioni di dipendenti dell’amministrazione in indennità perdita di guadagno o in malattia? Se sì, specificare il numero, il ruolo e la mansione per ogni posizione sostituita.

L’accordo:

3. Per quale motivo è stata inserita una clausola di riservatezza nell’accordo?

  • Premesso che la città di Locarno è un datore di lavoro pubblico e per stipendiare i collaboratori utilizza denaro pubblico, considerato che in democrazia è fondamentale che l’attività di un esecutivo sia sottoposta al controllo del legislativo e della popolazione, il Municipio ritiene coerente con i principi democratici e di trasparenza compilare accordi riservati?
  • Quanti accordi con collaboratori sono stati redatti nell’ultima legislatura con la clausola di riservatezza?
  • Questa modalità, è stata usata con lo scopo di non far conoscere all’opinione pubblica quanto successo?

 Prevenzione e intervento precoce riguardo ai disturbi psicosociali sul posto di lavoro:

4. Considerata le difficoltà nel gestire la situazione, che come al solito va a colpire l’anello più debole della catena (la collaboratrice), che cosa intende fare il Municipio per migliorare la situazione? Più nello specifico:

  • Se una collaboratrice/collaboratore si sente poco a suo agio sul posto di lavoro, a chi può rivolgersi?
  • Ritiene utile il Municipio istituire una prassi per poter intervenire precocemente in casi di mobbing o difficoltà relazionali con colleghe/i e/o superiori?
  • È possibile fare una campagna di sensibilizzazione dei dipendenti comunali rispetto a questi rischi e le possibilità di aiuto?
  • Come valuta il Municipio la possibilità di formare i quadri dirigenti e tutti coloro che devono gestire il personale, rispetto ai rischi psico sociali sul posto di lavoro?
  • Come valuta il Municipio la possibilità di collaborare con il laboratorio di psicopatologia, sia per quel che riguarda l’aiuto ai dipendenti che la formazione dei quadri?

 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-27 13:05:28 | 91.208.130.85