Keystone
CANTONE
31.01.2018 - 10:110

«Senza canone, addio ai sottotitoli e alla lingua dei segni»

La Federazione svizzera dei sordi invita a votare “No” all’iniziativa “NoBillag” e organizza un’azione di strada per mercoledì prossimo

LUGANO - Se venisse accettata l’iniziativa “Sì all’abolizione del canone radiotelevisivo” in votazione il prossimo 4 marzo, a quasi un milione di sordi, audiolesi e deboli di udito in Svizzera verrebbe precluso l’accesso alla televisione.

Queste persone infatti, per informarsi e divertirsi grazie alla TV, hanno bisogno dei sottotitoli e di programmi interpretati in lingua dei segni. Attualmente queste misure sono garantite dal servizio pubblico e finanziate con i proventi della riscossione del canone.

La Federazione svizzera dei sordi (SGB-FSS) invita quindi a votare NO all’iniziativa conosciuta come “NoBillag” e organizza un’azione di strada mercoledì 7 febbraio 2018, dalle 09.30 alle 11.00, in piazza San Carlo a Lugano. Contemporaneamente a questa azione che verrà proposta anche nelle piazze di Zurigo e Losanna.

Commenti
 
splugen 9 mesi fa su tio
questa è una contraddizione unica, se come continuano a dire che se passa il Si alla No Billag devono chiudere la baracca ovviamente non ci sono trasmissioni della RSI/SSR, ma allora che senso ha uscirsene con -non vedrete sottotitoli e linguaggio di audiolesi- ???? quale altra trovata sarà la prossima ? che non funzionerà l'elettrodialisi ? o la TAC ecc. ma non si vergognano ? pur di far propaganda vanno a disturbare anche i malati.
beta 9 mesi fa su tio
Dopo Ermotti, poco ma sicuro, il papa e se necessario anche Gesù Cristo si manifesterà al volgo e questa si che sarebbe una notizia !
WGWG 9 mesi fa su tio
Vergognoso
shooter01 9 mesi fa su tio
tra non molto riceveremo una lettera da parte degli Inuit che ci invitano a votare no all'abolizione del canone billag perchè i programmi della rsi favoriscono la caccia alle foche
beta 9 mesi fa su tio
Le zecche di via della TV reclamano che se passa il SI non potranno più ... succhiare ! Mancano solo quelle e la coalizione nel gnam, gnam, é completa . Buona notte .
lo spiaggiato 9 mesi fa su tio
Hi hi hi, fortissima questa iniziativa che fa sbroccare i suoi sostenitori... l'altro giurno pretendevano che al TG devono dare prima le notizie da KABUL di quelle svizzere e oggi sbroccano nuovamente per lo spot dei pompieri a pagamento... :-))))
matteo2006 9 mesi fa su tio
@lo spiaggiato a me pare che siano più gli oopositori a sbroccare ogni giorno, non mancando ogni giorno puntualmente di chiedere ad una associazioni di dire la sua sui media. I sottotitoli youtube li mette in automatico, basta volerlo, immagino poi che non c'è un associazione apposita di youtube che chiede milioni all'anno per fare questo lavoro. Siamo nel 2018 alternative ce ne sono eccome e molto più economiche. Ridimensionare.
Salbra 9 mesi fa su tio
Ma basta con questi continui ricatti....se passa l'iniziativa non c'è più questo..se passa l'iniziativa non c'è più quello....Ma piantatela un buona volta !! Mi sa proprio che i soldi che ci sono in ballo sono veramente tanti.....
matteo2006 9 mesi fa su tio
@Salbra Certo perché la SSR taglierà come prima cosa certi servizi nonostante ora si professi la tv di tutti, tolti quei quattro spiccioli che gli diamo ogni anno viene fuori la vera natura.
Lucadue 9 mesi fa su tio
Gli estimatori del Cervelas cotto al microonde (ECCAM) di Petolo invita a votare NO all' iniziariva No Billag. )))D
Lokal1 9 mesi fa su tio
La federazione svizzera dei pizzaioli/ristoratori in unione con la FSPSP ( Federazione Svizzera pro Sacociapropria ) invita a votare SI all' iniziativa, in effetti da un recente studio, è emerso il fatto di come sia molto meglio per le economie domestiche di tutta la Svizzera, rientrare di 400 CHF all' anno. Ciò comporterebbe in una possibile gioia domestica, e nella remota possibilità di stare meno davanti alla tele, e avere la possibilità di una o due pizze in più mensili con l intera famiglia
MIM 9 mesi fa su tio
A quando la dimostrazione in piazza dei gatti che senza RSI non potranno più dormire sul divano?
curzio 9 mesi fa su tio
@MIM Pensa a tutte le persone che senza RSI dovranno prendere sonniferi perchè non c'è più la TV-narcosi del Canetta per addormentarsi.
cerea 9 mesi fa su tio
La Billag ci sta torturando da mesi minacciando severe sanzioni se non rispondiamo al loro questionario online. Notare che pago billag a casa, billag dove studia mia figlia, billag in ditta. Basta, basta, basta. SI alla grande.
Bandito976 9 mesi fa su tio
Io sono per il SI e vivró ugualmente anche senza televisione. Quelli che voteranno NO si pageranno ol loro bel canone di 465.- nel 2018, 365 nel 2019 e nel 2020 sará di 500.- per adeguamento al carovita. Visto che vi piace buttare i soldi fate come volete e tanti auguri.
pontsort 9 mesi fa su tio
Per chi si vuole informare e ha voglia di leggere un'interessante analisi del settore mediatico svizzero: www.bakom.admin.ch/dam/bakom/it/dokumente/Elektronische Medien/Medienpolitik/service-public-bericht.pdf.download.pdf/Rapporto servizio pubblico.pdf
Monello 9 mesi fa su tio
Presumo che in fin dei conti, in linea di massima , nessuno abbia qualcosa contro i programmi mediatici che ci vengono proposti ( anche se tendenzialmente di sinistra ),quello che a parecchi brucia sono i 456 frs che annualmente ci vengono richiesti ed il sistema arrogante e prepotente di come questi vengano riscossi ! Presumo che se il tema della votazione fosse stato quello di ridurre i canone a ca 250 Frs / annuali tutto questo terrorismo mediatico non ci sarebbe stato. Più capto questa forzatura e più sono propenso a votare a favore dell` iniziativa !
kochise74 9 mesi fa su tio
@Monello ... sono 451 che scenderanno a 365. Per il resto é una tassa e come tale é obbligatoria, che piaccia o meno. In fin dei conti paghi le tasse cantonali, federali e comunali. Per non parlare delle militari!
pontsort 9 mesi fa su tio
@Monello Sono d'accordo, essendo un servizio per me dovrebbe essere finanziato tramite imposte. Voto comunque no perché trovo l'iniziativa inaccettabile
matteo2006 9 mesi fa su tio
@kochise74 Esatto obbligatoria come lo doveva essere da sempre per tutti i dipendenti, obbligatoria che finanzia per il 75% un solo unico ente radio televisivo che sovrasta tutte le altre piccole. Altre piccole radio e tv che fino a ieri SSR non gli fregava nulla anzi erano la concorrenza e adesso invece ci propinano come la gente da salvare.
gmogi 9 mesi fa su tio
chi avete dimenticato? Controllate bene che forse ci sono ancora nicchie che potete sfruttare per la propaganda
matteo2006 9 mesi fa su tio
@gmogi Il Papa non ha ancora detto la sua; sono fiducioso per domenica prossima.
gmogi 9 mesi fa su tio
@matteo2006 Vero, oggi Ermotti. Domani e sabato vedremo, ma domenica tocca al papa
axl 9 mesi fa su tio
Che noia, ogni giorno questa Billag, sta' antipatica a tutti punto e basta. C`è chi la vuole pagare e chi no!!!!! Basta con questo terrorismo mediatico, avete rottooooooo !!!!
Tags
canone
sottotitoli
no
iniziativa
segni
azione
lingua
sordi
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-11-18 03:22:25 | 91.208.130.86