CANTONE
26.01.2018 - 06:100
Aggiornamento : 30.08.2018 - 09:02

La Svizzera insiste: benvenuti bitcoin

Mentre il resto del mondo prende le distanze, il governo lavora a una regolamentazione e il Ticino a un'app dedicata al mercato delle criptovalute

STABIO - Joseph Stiglitz, Nobel per l'economia nel 2001, qualche giorno fa l'aveva in qualche modo profetizzato, invitando la Svizzera a tornare sui suoi passi. «Molti Stati vorrebbero vietare i bitcoin, solo la Svizzera va nella direzione opposta», aveva detto, segnalando «il pericolo di evasione fiscale, terrorismo e riciclaggio di denaro».

Saremo una "cripto-nazione" - Ieri, il Financial Times ha confermato in qualche modo che non è un'autorevole illazione. È tutto vero, al punto da scomodare Johann Schneider-Ammann. Il ministro avrebbe spiegato quel che intende per «ruolo guida nel settore» che la settimana scorsa ha auspicato possa avere la Confederazione, destinata a diventare una "cripto-nazione". Il governo starebbe lavorando a una regolamentazione in Svizzera, di recente scelta come base da quattro start-up su dieci per importanti raccolte fondi finalizzate a creare criptovalute (initial coin offering).

A marzo l'app di White Peaks - Sempre ieri Robert Shiller, Nobel nel 2013, ha definito il bitcoin «un classico errore di investimento». Allarmi che rieccheggiano, che convincono il resto del mondo a prendere le distanze con divieti di Stato, ma ai quali la Svizzera sembra non badare. Il Ticino neppure, desideroso di giocare stavolta un ruolo di primo piano. Nasce a Stabio, per esempio, un’app «per analizzare l’andamento di mercato delle criptovalute» che sarà lanciata a marzo da White Peaks, start-up fondata nel 2014 da Marcello Cassarà e Nicola Fiorillo.

«Per fortuna c'è la Svizzera» - Un errore? Una provocazione? Una sfida? Niente di tutto questo per il cmo Marcello Cassarà: «Noi crediamo molto nella tecnologia che sta alla base, la blockchain: vogliamo offrire alla gente la possibilità di confrontarsi con il futuro». Cambi in tempo reale, capitalizzazione, grafici che spiegano visivamente l'andamento nel tempo, notizie di giornata: «Ne siamo orgogliosi e siamo orgogliosi che questo progetto sia nato qui – conferma il socio Nicola Fiorillo – La Svizzera è uno dei pochi paesi che crede in questa rivoluzione e che consente alle aziende di fare vera innovazione nel settore del fintech».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
lo spiaggiato 3 anni fa su tio
BENISSIMO ! ! !... :-)))))
Mag 3 anni fa su tio
Corretto. Ma usare la D eufonica davanti a qualsiasi parola che inizia per vocale, non viene ritenuto un errore ortografico.
Biagio 3 anni fa su tio
Mentre il resto del mondo prende le distanze, il governo lavora a una regolamentazione e il Ticino """"a""""" un'app dedicata al mercato delle criptovalute. Siamo in tanti a seguire tio.ch, ma quando vediamo certe cose, strafalcioni grammaticali gravissimi, e magari qualcuno di noi è senza lavoro, beh, non si sa che dire.
Mag 3 anni fa su tio
@Biagio Gianbattista Camplani (sotto) aveva indicato il medesimo errore. Ma non lo hanno ancora trovato visto che dalla redazione gli è stato risposto "Mi scusi, ma dove la metterebbe questa "h" mancante?"
Biagio 3 anni fa su tio
@Mag Senza parole.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-13 17:38:03 | 91.208.130.89