Cerca e trova immobili

CANTONEGli ufficiali di polizia che hanno ricevuto i diplomi CAS CEP 2021-2022

26.05.23 - 17:45
La consegna oggi, presso il Teatro Sociale di Bellinzona alla presenza - fra gli altri - di Matteo Cocchi e Norman Gobbi
Polca TI
Gli ufficiali di polizia che hanno ricevuto i diplomi CAS CEP 2021-2022
La consegna oggi, presso il Teatro Sociale di Bellinzona alla presenza - fra gli altri - di Matteo Cocchi e Norman Gobbi

BELLINZONA - Si è tenuta oggi al Teatro Sociale di Bellinzona, la Cerimonia di consegna dei diplomi CAS CEP.

Come spiegato dalla Polizia Cantonale in una nota diffusa oggi: «Si tratta di una formazione, giunta alla sesta edizione e promossa dall'Istituto Svizzero di Polizia (ISP) e dalla Haute école de gestion Arc (HEG Arc), destinata agli ufficiali delle polizie ticinesi e romande, di fedpol, della Polizia militare, dell'Ufficio federale della dogana e della sicurezza dei confini (UDSC) e della Polizia dei trasporti».

La sessione 2021-2022 ha visto la partecipazione di 48 ufficiali che hanno ottenuto il Certificato di studi avanzati per la condotta di eventi di polizia a livello di ufficiale. Per quanto riguarda i ticinesi si tratta di 2 della Polizia cantonale, uno della Polizia della città di Lugano, uno della Polizia comunale di Chiasso e 2 dell'UDSC.

L'evento ha visto la partecipazione del Consigliere di Stato nonché Direttore del Dipartimento delle istituzioni Norman Gobbi, del Direttore della Haute école de gestion Arc Olivier Kubli, del Direttore dell'Istituto Svizzero di Polizia Stefan Aegerter e del Direttore CAS CEP Sébastien Jaquier.

Nel suo discorso il Comandante della Polizia cantonale Matteo Cocchi ha evidenziato che «il tema della formazione professionale è determinante per la missione di un'autorità quale è la polizia. L'aggiornamento delle capacità e il rinnovamento delle competenze sono infatti indispensabili per poter assicurare alla nostra popolazione la sicurezza che ci viene da molti invidiata».

 

 

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE