Immobili
Veicoli
La corsia per bypassare le code di Ferragosto

AIROLOLa corsia per bypassare le code di Ferragosto

11.08.22 - 10:17
Anche durante questo weekend lungo sarà utilizzabile la corsia di uscita preferenziale "Airolo-Passi".
USTRA
La corsia per bypassare le code di Ferragosto
Anche durante questo weekend lungo sarà utilizzabile la corsia di uscita preferenziale "Airolo-Passi".
Nelle scorse settimane l'esperimento si è dimostrato utile per evitare lunghe attese al portale sud del San Gottardo.

AIROLO - Anche durante il weekend lungo di Ferragosto sarà utilizzabile - dalle 9 alle 21 - la corsia di uscita preferenziale Airolo-Passi, detta “CUPRA”, percorribile sul tratto della A2 dopo la galleria artificiale di Quinto e fino ad Airolo.

L'uscita provvisoria, che già nelle scorse settimane sia era dimostrata un'alternativa «di successo» al tunnel del San Gottardo, permetterà di "bypassare" le code in uno dei periodi più trafficati dell'anno. «Visto l'importante flusso di rientro dei vacanzieri - precisa l'USTRA in una nota - sarà di nuovo possibile usufruire della corsia preferenziale “CUPRA” per accedere ai passi del San Gottardo e della Novena evitando di attraversare gli abitati di Ambrì, Piotta e Airolo».

L'Ufficio federale delle strade raccomanda «fortemente» a tutti i viaggiatori l'uso di questa corsia che «facilita l’accesso ai Passi», «diminuisce i tempi di percorrenza» e permette a tutti gli automobilisti di rimanere in autostrada aumentando, di fatto, la sicurezza della popolazione locale che utilizza la strada cantonale.

Progetto definitivo al via nel 2024 - ll progetto “CUPRA” nella sua forma definitiva prevede l’aggiramento dell’area di servizio di Stalvedro mediante una bretella apposita e la posa di una segnaletica specifica ed automatizzata. L’obiettivo di questa corsia preferenziale è di ridurre il travaso di traffico sulla strada cantonale in direzione nord, causa di disagi e pericoli per la popolazione residente. Attualmente il progetto – pubblicato lo scorso anno – è in consultazione presso gli uffici cantonali e federali. L’inizio dei lavori, che dureranno circa due anni, è previsto presumibilmente nel 2024.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE TICINO