Immobili
Veicoli
Keystone
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
56 min
«Io prete che ho detto di no a quella donna»
Don Pierangelo Regazzi, ex arciprete di Bellinzona, vuota il sacco: «Il celibato obbligatorio non ha più senso».
CANTONE
56 min
Figlio in ospedale? C'è chi ti porta da mangiare gratis
Questo lo scopo dell'associazione che, ora, cerca volontari nel Bellinzonese: «Abbiamo delle famiglie da aiutare»
CANTONE
6 ore
Il «bellissimo gioco» che ti fa perdere 1300 franchi
Il meccanismo è quello del noto "schema Ponzi": piramidale e senza reale possibilità di vincere
CANTONE/CONFINE
8 ore
Senza peli sulla lingua: «Il Green Pass avrà un impatto»
La testimonianza di uno storico parrucchiere e il parere del sindaco Mastromarino
LUGANO
10 ore
Pugni al Parco Ciani, in due in ospedale
La colluttazione è avvenuta attorno alle 18.30. Sconosciute per il momento le cause e la dinamica dei fatti
BELLINZONA
12 ore
Cade dalla scala a chiocciola, operaio in fin di vita
Il 40enne italiano stava lavorando presso una casa in ristrutturazione in via Tamporì a Bellinzona.
CANTONE
13 ore
Il Ticino torna in curva
Abolito il divieto di accedere agli spalti durante le partite di hockey e calcio. I tifosi festeggiano
FOTO
CANTONE
14 ore
Provvedimenti coercitivi, ecco la nuova Giudice supplente (a tempo)
L'avvocatessa Krizia Kono-Genini è stata nominata oggi dal Consiglio di Stato. Resterà in carica fino al 31 marzo
CANTONE
15 ore
L’Ambasciatrice della Polonia fa visita al Ticino
Il Presidente del Consiglio di Stato Manuele Bertoli ha ricevuto oggi a Palazzo delle Orsoline Iwona Kozlowska
LUGANO
16 ore
Nasce il Caffè Amélie, spazio di convivialità per adulti
Ogni venerdì verranno proposte diverse attività dalle 14 alle 16.30
LOCARNO
16 ore
Completato l’Ufficio presidenziale del PLR cittadino
Tre i neoeletti: Orlando Bianchetti, Franca Antognini e Daniel Mitric
CANTONE
16 ore
«Il Conservatorio è una scuola, non attività da tempo libero»
Una mozione chiede che gli over 16 possano accedere alle lezioni senza Certificato 2G
LUGANO
17 ore
Nuova sede per il SAS
Dal primo febbraio il Servizio accompagnamento sociale di Lugano verrà trasferito a Molino Nuovo.
CANTONE
13.01.2022 - 20:400
Aggiornamento : 14.01.2022 - 23:17

«Otto positivi alla Manor»: ma è una leggenda metropolitana

Sui WhatsApp ticinesi viene condiviso un audio che denuncia la presenza di persone positive in un supermercato.

Ma tutta la storia è una bufala, che ha già toccato vari Paesi europei. Il debunker Paolo Attivissimo: «Se ricevete messaggi vocali di questo genere non mandateli in giro: creano indignazione, apprensione e allarme senza motivo».

BELLINZONA - Da qualche settimana stanno girando su WhatsApp alcuni audio che denunciano la presenza di persone positive - il numero varia di caso in caso - in diversi supermercati ticinesi. Si va dalla Manor di Vezia all’Ikea di Grancia. Ma ovviamente - come ci conferma il noto debunker e giornalista Paolo Attivissimo - si tratta di un fake. «Questa storia è una barzelletta che gira da tempo in tutto il mondo. Una leggenda metropolitana». 

L'audio incriminato - Una bufala che ha raggiunto, come detto, anche gli smartphone di molti ticinesi. Ma di cosa si tratta esattamente? L’audio racconta di un individuo - alle volte un medico, alle volte un collega di lavoro - che nota «un conoscente positivo» all’interno di un negozio. Il testimone furioso si reca alla cassa - o all’ufficio informazioni a dipendenza dalla narrazione - e denuncia il fatto a un dipendente. In seguito la persona positiva viene ammonita tramite gli altoparlanti del negozio: «O ti presenti qui di tua spontanea volontà, oppure divulghiamo il tuo nome e cognome e ti denunciamo alle autorità», il succo dell’annuncio. Il risultato? All’appello risponderanno sette od otto clienti (sempre a dipendenza dalla narrazione). Il messaggio vocale termina poi, solitamente, con una serie d'insulti e rimbrotti contro i rei-confessi. 

Leggende metropolitane - Tutti elementi, questi, tipici delle leggende metropolitane, come precisato da Attivissimo sul proprio blog. «Una storia non vera che nasce chissà dove e viene diffusa dal passaparola, facilitato dai social network, perché fa leva su una paura condivisa e sul gusto del racconto con finale grottesco». Un altro elemento tipico di questa narrazione è la fonte che racconta la vicenda: «spesso un amico di un conoscente» che ha «sentito raccontare la vicenda da un parente». Insomma, nessuna fonte autorevole, che fa pensare al famigerato "me l'ha detto mio cugino". 

«Non condivideteli» - Girata in diversi Paesi europei (tra cui anche in Italia) questa storia (o almeno una delle sue tante diverse versioni) ha provocato indignazione e sconcerto. In molti ci sono cascati e l'hanno condivisa, provocando di fatto un vero e proprio effetto domino. «Se ricevete messaggi vocali di questo genere - conclude Attivissimo - non mandateli in giro: creano inutilmente indignazione, apprensione e allarme senza motivo».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Brontolo pensionato 6 gior fa su tio
Sono due anni che leggiamo, ascoltiamo e viviamo di bufale, quotidianamente.
Aka05 6 gior fa su tio
Conosco un utente di Tio che sicuramente ci crede…🤣
Coerenza 6 gior fa su tio
Non si capisce se sono più bufale quelle citate nell'articolo o l'articolo stesso..
Gippy79 6 gior fa su tio
@Coerenza appunto
Tzozjlred 6 gior fa su tio
@Coerenza Vero. Notizia palesemente ambigua. Giornalista, in questo caso, della domenica o neanche....
marco17 6 gior fa su tio
Fosse la sola "leggenda metropolitana" che circola a proposito del Covid! E le "leggende" sul passo sanitario "strumento di libertà" le abbiamo già dimenticate?
#Cleo 1 sett fa su tio
Purtroppo è che ci sono persone che hanno lavorato a contatto con dei colleghi che sono risultati positivi e gli stessi hanno continuano a lavorare senza fare tamponi e senza verificare se si sono contagiati e da qui che propaga il contagio nei negozi tra collaboratori, senza pensare al cliente che rischia di contagiati mentre fa la spesa. Il datore di lavoro chiude occhi e orecchi perché rischia di rimanere senza Personale . Pensate davvero che questa sia una storia ?
S.S.88 1 sett fa su tio
Sara’ anche un leggenda… ma io sono convita che anche nella realtà e’ uguale!
al-pe12 1 sett fa su tio
Che gente perditempo
Don Quijote 1 sett fa su tio
Sono secoli che milioni di persone si rivolgono a maghi, cartomanti, tarocchi, oroscopo, ecc., pagano perfino per farsi dare un filtro d'amore o i numeri del lotto! Che senso ha spiegare a queste persone che la Terra è una sfera?
Gippy79 1 sett fa su tio
Questa “stupidata” no ?mentre tutti gli articoli con il loro solo scopo il terrorismo mediatico si? Ah beh
mapt 1 sett fa su tio
@Gippy79 Eh si ormai se cerchi la logica è il posto sbagliato
Ala 1 sett fa su tio
Da gente che "non autorizza Facebook, Meta......" non ci si può aspettare altro 🤮
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-21 06:56:38 | 91.208.130.86