Immobili
Veicoli
Tipress
29 maggio 2021, occupazione e sgombero dell'ex Vanoni
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO
CANTONE
5 ore
A 2'500 metri, meno neve del solito
L'inverno con le vette bianche si fa ancora attendere. Fino a metà febbraio non sono, per ora, previste precipitazioni
BELLINZONA
9 ore
Grande Bellinzona: ecco tre nuove commissioni di quartiere
Gli interessati a far parte di questi organi di rappresentanza potranno candidarsi già dalla prossima settimana.
PURA / CASLANO
12 ore
Scontro tra più auto: due feriti, di cui uno grave
È successo questa mattina poco prima delle 11 in via Colombera a Pura
CANTONE
14 ore
In Ticino aumentano i ricoverati e c'è un nuovo decesso
Salgono i pazienti Covid ospedalizzati a causa del virus, ora 163, di cui 17 in cure intense.
LOCARNO
1 gior
Un 31 gennaio insolitamente silenzioso in Città Vecchia
Anche quest'anno gli organizzatori di Bandir Gennaio hanno gettato la spugna.
CANTONE
1 gior
1348 nuovi positivi e un decesso in Ticino
Sono 158 i pazienti ricoverati, 16 dei quali si trovano in cure intense
AIROLO
2 gior
Sorpasso nel tunnel del San Gottardo, automobilista condannato
Un cittadino degli Emirati Arabi è stato sanzionato per la manovra compiuta lo scorso 24 novembre
LUGANO
2 gior
Davide Enderlin a processo
L'ex consigliere comunale luganese è stato rinviato a giudizio e dovrà rispondere di illeciti per oltre 3 milioni
ARBEDO-CASTIONE
2 gior
Il Motel Castione affonda schiacciato dall'Iva
Negli scorsi giorni la società ha depositato i bilanci, oggi lo stop intimato dal Cantone
CANTONE
2 gior
Cardiocentro nell'EOC: «È stato un primo anno positivo»
L'integrazione è pienamente riuscita e da quest'anno la cardiologia dell'Ente sarà gestita totalmente dal Cardiocentro.
LUGANO
17.11.2021 - 19:380
Aggiornamento : 18.11.2021 - 07:35

Occupazione dell'ex Vanoni: «Ritirare la denuncia? Valuteremmo la richiesta se...»

Il presidente del Consiglio di Fondazione apre uno spiraglio agli autogestiti denunciati per violazione di domicilio

L'avvocato Stefano Camponovo indica le condizioni per l'eventuale ritiro dell'esposto in Procura: «Se la richiesta fosse accompagnata dal rincrescimento per l'atto illegale commesso e per il turbamento causato ai ragazzi...»

LUGANO - La notte è la stessa, quella del 29 maggio scorso, i luoghi sono pure vicini, ma gli esiti giudiziari corrono ormai su strade sempre più divergenti. Da un lato c’è il decreto d’abbandono, preannunciato dal Procuratore generale Andrea Pagani, per la demolizione dell’ex Macello (ma Costantino Castelli, avvocato degli autogestiti, ha chiesto nuovi interrogatori, tra cui quello del direttore dell'Istituzioni Norman Gobbi); dall’altro, invece, incombe la quindicina di decreti che sempre la Procura potrebbe emettere nei confronti dei molinari che occuparono la sede dell’ex Istituto Vanoni (tale è il numero di protagonisti che il rapporto di polizia è riuscito a identificare). Stessa notte, esiti divergenti.

Ma se, per il primo filone d’inchiesta, la decisione finale è tutta nelle mani di Pagani, per l’altro filone un ruolo importante, addirittura decisivo, potrebbe ancora averlo la Fondazione Vanoni, proprietaria della sede dismessa dell’istituto per ragazzi in difficoltà, sede occupata per poche ore dai molinari. È infatti su denuncia della stessa Fondazione Vanoni per violazione di domicilio che la polizia è tempestivamente intervenuta, quella sera di fine maggio, per allontanare gli abusivi. Ed è in base a quell’esposto che in seguito la magistratura ha aperto un fascicolo. 

Rispetto a maggio, sareste oggi disposti a riconsiderare e ritirare la vostra denuncia?
«Di principio no, se ci fosse semplicemente chiesto per una riconsiderazione fine a se stessa - risponde l’avvocato Stefano Camponovo, presidente del Consiglio di Fondazione della Fondazione Antonia Vanoni -. Se la richiesta fosse invece accompagnata dal riconoscimento che è stata violata la proprietà privata e dal rincrescimento, soprattutto nei confronti dei nostri ragazzi, per l’atto illegale commesso e per il turbamento causato loro, in quel caso faremmo le nostre valutazioni».

In pratica un atto di pentimento?
«Nessuno si accanisce. Ma di fronte magari all’ammissione di aver voluto solo attirare l’attenzione, di essersi resi conto di aver esagerato e di aver sbagliato… davanti insomma a un rincrescimento faremmo le nostre valutazioni».

Per alcuni si è trattato di una denuncia esagerata visto che lo stabile sarebbe stato comunque demolito da lì a poco...
«La nostra prima preoccupazione, quella sera, era che gli occupanti non si facessero male entrando dell’edificio dismesso. Che non ci scappasse un ferito. Non va dimenticato che lo stabile, per cui avevamo ottenuto la licenza di demolizione nel 2017, era da anni ormai chiuso».

E il secondo motivo?
«I ragazzi stessi del Vanoni. Anche se lo scopo dell’Istituto è quello reinserirli nelle loro famiglie, a volte ciò non è possibile perché manca la famiglia o non ci sono le condizioni per farlo. Per alcuni il Vanoni è diventato come casa loro e, anche se ora siamo provvisoriamente da un’altra parte, vederlo occupato quella sera ha fatto male ai ragazzi. L’hanno vissuta come una profanazione di casa loro».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-24 01:03:21 | 91.208.130.89