Immobili
Veicoli

CANTONESalario minimo: Vitta ha incontrato sindacati e associazioni economiche

23.09.21 - 12:06
Le parti convocate al tavolo delle discussioni hanno condiviso che la deroga prevista per i CCL non va stralciata.
Ti Press
CANTONE
23.09.21 - 12:06
Salario minimo: Vitta ha incontrato sindacati e associazioni economiche
Le parti convocate al tavolo delle discussioni hanno condiviso che la deroga prevista per i CCL non va stralciata.
Inoltre, dal momento che la Legge verrà applicata, sarà necessario avviare un’attività di monitoraggio (e di controlli).

BELLINZONA - Ha avuto luogo questa mattina un incontro, indetto dal Direttore del Dipartimento delle finanze e dell’economia (DFE) Christian Vitta, con i sindacati e le associazioni economiche (UNIA, OCST, AITI e CC-Ti) che hanno fatto parte del gruppo strategico per la concretizzazione della Legge sul salario minimo. In seguito alla discussione, le parti convocate attorno al tavolo hanno condiviso quanto segue:

    • la deroga prevista per i contratti collettivi di lavoro (CCL) è volta a valorizzare il partenariato sociale, dando tempo alle parti di progressivamente adattarsi ai nuovi parametri salariali previsti dalla Legge;
    • per alcune attività economiche il nuovo salario minimo può comportare un pericolo per la sopravvivenza stessa della azienda. È stato quindi ribadito che uno degli obiettivi delle parti è quello di trovare soluzioni che permettono anche la salvaguardia dei posti di lavoro nel rispetto dell’obiettivo posto dalla legge;
    • i ricorsi pendenti presso il Tribunale federale potrebbero cambiare in maniera importante il quadro di riferimento, a dipendenza di cosa deciderà il tribunale stesso;
    • l’applicazione della legge coinciderà con l’avvio dei controlli, che permetteranno di sanzionare situazioni che non rispettano il quadro legale di riferimento;
    • le parti concordano sulla necessità di avviare un’attività di monitoraggio a partire dal momento che la legge sarà applicata.

In conclusione, le parti sono d’accordo sulla necessità di mantenere aperto «un dialogo costante e costruttivo basato su dati oggettivi».

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE TICINO