«Da quel giorno non è cambiato niente. È come se fosse accaduto ieri»
Composizione Tio.ch / 20 minuti
+5
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE / ITALIA
8 ore
Ticinesi armati e medioevali
Vittoria rossocrociata al Torneo Dij Cossot di Alpignano.
CANTONE
10 ore
Tagli alle imposte per evitare la fuga dei ricchi
A chiederlo è un'iniziativa parlamentare firmata PLR. I Verdi: «Proposta indecente»
CANTONE / SVIZZERA
11 ore
Una corsa contro il tumore al seno
Nel nostro paese è promossa dal Centro di senologia della Svizzera italiana
FOTO
MENDRISIOTTO
12 ore
«Limitare gli spostamenti nelle zone colpite»
Emergenza nel Mendrisiotto: costituito uno Stato Maggiore regionale di condotta. L'appello della polizia agli abitanti
LUGANO / SORENGO
13 ore
Lavori in via Lugano
La strada sarà chiusa da lunedì 2 a domenica 15 agosto 2021
LOCARNO
13 ore
Spente 201 candeline
A Locarno sono 17 gli over 100. Quasi tutte donne.
MESOCCO (GR)
13 ore
L'A13 piena di rotoli di plastica
Si tratta del carico che un mezzo ha perso lungo la semiautostrada in territorio di Mesocco
ROVEREDO (GR)
17 ore
Il lupi fanno incetta di pecore, anche in Mesolcina
Diverse predazioni sono avvenute in varie zone dei Grigioni. Ordinato l'abbattimento di un esemplare
BELLINZONA
18 ore
Trasloco in casa Ias
Diversi servizi dell'Ai e delle prestazioni sociali si trasferiranno in via Ghiringhelli 15A
CANTONE
19 ore
BancaStato, la regione di Chiasso ha un nuovo responsabile
Si tratta di Marco Soragni, che fra pochi giorni sostituirà Mario Grassi.
CANTONE
19 ore
Covid: 31 nuovi casi, oltre la metà dei ticinesi sono vaccinati
Stabili i ricoverati, che rimangono a quota 12. Le cure intense ospitano 4 di loro.
FOTOGALLERY
GRONO (GR) / SVIZZERA
19 ore
Temperature in sella, un successo lungo 400 km
La pedalata si è conclusa nella Siberia della Svizzera, dove è stato affisso un "termometro dell'amicizia".
CANTONE
20 ore
Una nuova veste per il percorso delle pietre miliari
L'itinerario offre una panoramica sulla decomposizione dei rifiuti e sulla problematica del littering.
CANTONE / SVIZZERA
21 ore
Ticinesi, gente simpatica
Un sondaggio sulla simpatia dei vari cantoni, svolto nella Svizzera tedesca e in Romandia, ci mette al primo posto.
LUGANO
21 ore
«Siamo in carcere, non a St. Moritz»
Un ex detenuto si è lamentato per il trattamento ricevuto alla Farera. La replica del direttore Laffranchini
CANTONE
23 ore
C'è un pacco sospetto per te
I pirati informatici sono in agguato: e via mail si spacciano per la Posta
CANTONE
1 gior
Viaggi e svaghi all'osso... i ticinesi pagano le tasse
La pandemia colpisce duramente il gettito, ma nella cassa delle persone fisiche le entrate sono tornate a crescere
CANTONE
1 gior
«Gli alberghi sono aperti a qualsiasi tipo di ospite»
Pernottamenti solo per vaccinati? Per il presidente di HotellerieSuisse Ticino non è un'ipotesi da considerare
CANTONE
28.04.2021 - 06:000
Aggiornamento : 12:43

«Da quel giorno non è cambiato niente. È come se fosse accaduto ieri»

Il 28 aprile 2011 avveniva l'attentato al Caffè Argana di Marrakech nel quale persero la vita anche tre ragazzi ticinesi

La testimonianza di Arnaldo Caccia a dieci anni dalla tragedia che scosse l'intero cantone: «La nostra non è più una vita normale. È diventata un calvario. Quei disgraziati hanno rovinato diciassette famiglie».

CADENAZZO - Ci sono eventi così tragici che lasciano un segno indelebile nella memoria collettiva. Soprattutto se a essere toccata è una piccola comunità come quella ticinese. L’attentato di Marrakech è uno di quelli. Dimenticare quel 28 aprile del 2011, quando la furia dell'estremismo islamico strappò via la vita a tre giovani del nostro cantone, è impossibile. Corrado “Mondo” Mondada, Cristina “Chichi” Caccia e André Da Silva Costa vennero uccisi da una bomba piazzata nel centralissimo Caffè Argana. Morena Pedruzzi, unica superstite del gruppo di amici, vide la sua vita stravolta. Da quel giorno per il nostro cantone il terrorismo non è più stato solo un concetto astratto e distante. Una storia vista alla TV. Quel giorno, infatti, la follia jihadista è entrata nelle nostre case, portando con sé la vita di tre giovani ragazzi che si sono trovati nel posto sbagliato al momento sbagliato.


Reuters
Un'immagine del terribile attentato del 28 aprile 2011.

«È come se fosse accaduto ieri» - Proprio oggi si commemorano i primi dieci anni da quella terribile tragedia. E in Ticino il ricordo di Corrado e André, morti entrambi sul colpo, e di Cristina, spirata all’ospedale di Zurigo il 6 maggio, proprio nel giorno del funerale del suo amato “Mondo”, è sempre presente. Soprattutto nel cuore dei loro cari. «Dopo dieci anni non è cambiato niente», ci confida Arnaldo Caccia, il papà di Chichi. «È come se fosse accaduto ieri. La mente torna là. Ogni giorno. Si va al cimitero. Si rientra a casa e le foto sono lì. A farti ricordare tutto».


Ti-Press
La lapide al cimitero in ricordo di Cristina e del fratellino Christian (morto per malattia a 5 anni).

«Hanno rovinato diciassette famiglie» - Un dolore che accomuna tutte le famiglie delle vittime coinvolte nell'attentato. Ticinesi e non. «Con loro abbiamo instaurato un rapporto di amicizia e reciproca comprensione», ci racconta Arnaldo. «Ho conosciuto bene la famiglia di una delle due vittime marocchine. Lui era un cameriere al Caffè Argana e sua moglie era incinta quando è morto nell'attentato. Alla bimba, nata poco dopo e che ora ha dieci anni, porto sempre un regalo quando vado in Marocco per la commemorazione. Siamo tutti vittime di quei disgraziati. Hanno rovinato diciassette famiglie».


Arnaldo Caccia
La stele nei pressi del luogo dell'attentato.

In formato ridotto - La tradizionale cerimonia in ricordo delle diciassette persone decedute si svolgerà alle undici sul luogo della tragedia. Là dove è stata edificata una stele che commemora le vittime, oggi andrà in scena un evento in formato ridotto per via delle restrizioni dovute alla pandemia. «Potranno parteciparvi solo una ventina di persone. Ci sarà il console di Francia in Marocco e una rappresentanza elvetica, oltre ai parenti delle vittime marocchine. Appena sarà di nuovo possibile viaggiare - precisa Arnaldo, che ha sempre partecipato alla cerimonia - i famigliari dei caduti francesi organizzeranno un'altra cerimonia. Io ci andrò».


Arnaldo Caccia
Arnaldo Caccia durante la cerimonia commemorativa nel 2018.

Tener vivo il ricordo - André, Chichi e Mondo continuano "a vivere" grazie ad alcuni eventi e alla fondazione creata dai Municipi di Cadenazzo e Sementina. E presto la loro tragica storia, assieme a quella di Morena, potrebbe essere raccontata da un libro. Per non dimenticarli. Anche se per Arnaldo, farlo, sarebbe comunque impossibile. «Lo sport, la politica e il lavoro mi hanno aiutato a tenere la testa occupata», ci confida al termine del nostro incontro. «Elaborare il lutto è però difficile. Mia moglie non ci è ancora riuscita ed è pure molto infastidita che molti amici dell'epoca oggi sembrano essersi dimenticati tutto. La nostra - conclude - non è comunque più una vita normale. È diventata un calvario. Ogni nuovo attentato che vediamo alla Tv ci fa ripiombare nell'incubo».


Ti-Press
Chichi e Mondo che assieme ad André persero la vita nell'attentato.

L'attentato - L'esplosione avvenne alle 11.30 ora locale (le 12.30 in Svizzera) all'interno del Caffè Argana, sulla centralissima piazza Jamaa el Fna. Il locale, molto frequentato dai turisti, fu praticamente raso al suolo da un ordigno artigianale fatto esplodere a distanza. La terribile deflagrazione provocò la morte di diciassette persone - otto francesi, tre svizzeri, due marocchini, un russo, un canadese, un britannico e un olandese - e il ferimento di altre venticinque. Per l'attentato furono condannate nove persone. Per i due principali responsabili - Adil Al-Atmani e Hakim Dah - venne richiesta la pena capitale, ma i difensori dei famigliari delle vittime nel corso del processo ribadirono la loro contrarietà a questa condanna per non trasformare gli artefici dell'attentato in "martiri".


Reuters
Quel che resta del Caffè Argana dopo la violentissima deflagrazione.

Ti-Press
Guarda tutte le 9 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-28 05:48:05 | 91.208.130.85