TiPress/Deposit - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Ticino
FAIDO
3 ore
«Tanta rabbia, da sola non ce l'avrei fatta»
Morena Pedruzzi racconta la lunga strada per uscire dall'incubo dell'attentato di Marrakesh
FAIDO
8 ore
Marrakesh, il racconto dieci anni dopo
Morena Pedruzzi è l'unica sopravvissuta ticinese all'attentato terroristico del 2011. Si racconta in un libro
FOTO
CANTONE
9 ore
Inaugurato il nuovo stabile dell'Istituto di ricerca in biomedicina
Il centro è pensato come «una nuova casa comune per la ricerca in biomedicina».
CANTONE
10 ore
L'Udc non parla con la Rsi
«Troppo parziale». I democentristi domani non commenteranno le votazioni ai microfoni di Comano
AVEGNO-GORDEVIO
16 ore
Doppia meraviglia nei cieli sopra ad Avegno
Il fenomeno è stato provocato da una doppia riflessione della luce solare dentro le gocce di pioggia.
FOTO E VIDEO
CUGNASCO-GERRA
16 ore
Fiamme dalla canna fumaria, intervengono i pompieri
L'incendio, divampato questa mattina a Cugnasco, si è propagato anche al tetto.
RIVA SAN VITALE
17 ore
A processo per tentato omicidio
Rinviata a giudizio la 43enne che sei mesi fa accoltellò al collo il compagno.
BOSCO GURIN
1 gior
«Rabbia per l'ingiustizia subita...» da Frapolli
Fumata nera dopo gli incontri: niente sconti a maestri e bambini da parte del gestore degli impianti
CANTONE
1 gior
«Aumento delle indennità al Gran Consiglio? No, grazie»
Presentata un'iniziativa parlamentare che chiede lo stralcio dell'automatismo degli aumenti
CANTONE
1 gior
Radar, ecco dove
Come ogni venerdì la Polizia comunica le località in cui potrebbero esserci controlli della velocità.
LOCARNO
1 gior
La Stranociada 2022 si sposta in Piazza Grande
Il carnevale di Locarno rinuncia alla tradizionale festa del venerdì in Città Vecchia.
CANTONE
11.03.2021 - 21:040
Aggiornamento : 22:07

«La pandemia non ha fatto cambiare scelta di mestiere ai giovani»

Intervista a Rita Beltrami, dell’Ufficio dell’orientamento, per capire cosa vogliano fare i ”piccoli” da ”grandi”.

«Il Covid-19 ha tolto agli allievi delle Medie la possibilità di toccare con mano alcune professioni, ad esempio in casa anziani».

BELLINZONA - Prima posticipato, poi annullato. Il coronavirus si è messo anche tra i giovani alla ricerca del loro futuro e Espoprofessioni. Che quest’anno ha però trovato una soluzione alternativa, “ibrida”. L’edizione 2021 si terrà dal 22 al 27 marzo con una serie di eventi via web e in presenza, che permetterà di scoprire e esplorare il mondo delle professioni e delle formazioni del postobbligo. Ma com’è possibile attirare i ragazzi senza i consueti stand del Padiglione Conza? Lo abbiamo chiesto a Rita Beltrami, presidente del comitato di organizzazione di Espoprofessioni e capo dell’Ufficio dell’orientamento scolastico e professionale.

Videochat e visite in presenza
«La risposta, da un lato, è Espo connect - ci spiega -. Nelle giornate di lunedì e martedì metteremo in contatto gli allievi con apprendisti in circa 60 professioni tramite videochat live. Coinvolgeremo le scuole medie, un giorno le terze e un giorno le quarte. Il sabato, che solitamente al Conza accoglie i dubbi dei genitori, insieme all’apprendista ci sarà un suo formatore o un rappresentante dell’associazione professionale». Ma gli allievi potranno anche uscire da scuola, grazie agli eventi in presenza (segnati con la P): porte aperte ai centri di formazione, visite in carrozzeria o negli alberghi, stage. «Guardate, scegliete e iscrivetevi - esorta Beltrami -. È un’opportunità e la scuola ve lo permette. In quella settimana approfittatene».

Conoscere ed esplorare per poi scegliere
Scegliere “cosa fare da grandi”, si sa, non è facile. È un momento fondamentale della vita. «Quando si entra in un percorso di scelta prima di tutto bisogna darsi il tempo. La scelta si costruisce guardandosi in giro, esplorando a 360 gradi e facendo delle esperienze - chiarisce la capoufficio dell’orientamento scolastico e professionale -. Noi lavoriamo anche molto con i docenti per aiutare gli allievi in questo percorso di scoperta, soprattutto nel secondo biennio della scuola media. È un grosso lavoro. Che per gli orientatori non è sempre facile. Devono sostenere gli allievi ma fare pure in modo che si rendano conto che dopo la scuola media cambiano i paradigmi e quello che ottengo dipenderà da loro». 

L'invito ai ragazzi: approfittatene
La pandemia ha influito sulle scelte di vita (e di formazione)? Non secondo l’osservazione di Rita Beltrami. «Lo scorso anno la chiusura totale ha fatto sì che qualche ragazzo in più optasse per i percorsi a tempo pieno. Quest’anno il lavoro a fianco dei giovani è stato più “normale”, là dove si poteva sono riusciti a fare degli stage e le consulenze si sono svolte presso le sedi scolastiche». Per quanto riguarda le professioni socio-sanitarie, «c’è sempre stato interesse per il settore. La pandemia non ha portato differenze rilevanti». Ma, conclude il presidente del comitato di organizzazione di Espoprofessioni, «è stato un po’ difficile avvicinare i giovani al confronto con la realtà di queste professioni, perché ad esempio gli stage in casa anziani non si potevano fare». La soluzione? L’agenda di Espoprofessioni include per esempio una proposta con dei filmati interessanti. Una sorta di “mise en scène” per far capire ai ragazzi cosa significa fare questo lavoro. Per «approfondire, far capire, mostrare la quotidianità delle professioni». C’è solo l’imbarazzo della scelta.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-28 02:49:37 | 91.208.130.89