Tipress (fotomontaggio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
3 ore
In Ticino 70 nuovi contagi nelle ultime 24 ore
Non si registra nessun decesso in un momento in cui la situazione, anche negli ospedali, rimane stabile
CANTONE
3 ore
Le FFS esternalizzano la pulizia delle piccole stazioni, il sindacato: «Non ci stiamo»
In Ticino sono in una ventina a occuparsi di 30 stazioni, la SEV: «Ci faremo sentire»
LUGANO
5 ore
Quel roaming di troppo che si mette tra Lugano e Campione
Questa volta non sono i debiti a mettere il dito tra i due comuni, ma un segnale troppo intenso
CANTONE / SVIZZERA
15 ore
A corto di soft-drink per la riapertura delle terrazze
La decisione del Consiglio federale sta mettendo sotto pressione i fornitori della ristorazione
SONDAGGIO
CANTONE
16 ore
Elezioni comunali: il weekend decisivo
Con l'apertura dei seggi elettorali, sono scattati gli ultimi giorni per votare
CANTONE
19 ore
Ecco i radar della settimana in Ticino
Radar mobili in quattro degli otto distretti ticinesi tra il 19 e il 15 aprile.
CANTONE
19 ore
Gobbi in partenza per Roma
Tra gli obiettivi del viaggio c'è la sottoscrizione di un accordo per lo scambio d'informazioni sugli agenti privati
CANTONE
19 ore
Incidente nella galleria della Collina d'Oro
Il TCS segnala che in direzione sud si circola su una sola corsia
LUGANO
20 ore
Un fronte unito per i taxi ticinesi
Con l'addio luganese ai taxi B, cambia il nome dell'associazione dei tassisti
FOTO
LUGANO
21 ore
«Il dialogo? Fondamentale per un'Europa sana e funzionante»
Ha avuto luogo a Lugano un incontro tra i ministri degli esteri dei paesi europei in cui il tedesco è lingua ufficiale
CANTONE
25.02.2021 - 06:000
Aggiornamento : 10:19

I media di fronte alla novità del coronavirus

L'esperto: «È stato fatto un buon lavoro, senza allarmismo ma nemmeno banalizzazione»

Ma all'inizio non c'era un sguardo abbastanza critico sulle decisioni politiche per la gestione della pandemia

LUGANO - Quando nei primi giorni del 2020 è comparsa sui media la notizia relativa a una misteriosa polmonite che si stava diffondendo nella metropoli cinese di Wuhan, si stava ancora parlando di una realtà molto lontana. Ma poi con i primi casi in Europa (in particolare nella vicina Italia) e in Svizzera, per giornali e portali online l'argomento principale è diventato il coronavirus.

«In generale i media hanno fatto un buon lavoro, anche considerando che si sono trovati di fronte a una situazione nuova e anomala: non è stato fatto allarmismo e la questione non è nemmeno stata banalizzata» ci dice Colin Porlezza, professore assistente di giornalismo digitale alla Facoltà di comunicazione, cultura e società dell'Università della Svizzera italiana. L'esperto parla inoltre di una copertura di qualità, anche rifacendosi a uno studio dell'Università di Zurigo: «In quest'anno nella cronaca della pandemia sono state fornite prospettive diverse, quindi non soltanto relative alla sanità pubblica, ma anche ad altri aspetti, quali l'economia, la politica e altri settori. C'è stata una pluralità di tematiche».

Una fase d'apprendimento - Ma questa cronaca “bilanciata” non c'è stata sin da subito. Una crisi sanitaria di questa portata è una novità assoluta. E inizialmente le testate giornalistiche hanno dato spazio ai singoli casi, con quella che era quasi una caccia al primo paziente. Anche casi individuali possono essere utili, soprattutto per comprendere da dove arrivava la malattia, ci spiega ancora l'esperto. Ma in seguito è stato necessario guardare oltre, «per sensibilizzare il pubblico il più presto possibile su quanto sta accadendo e sulle conseguenze per il sistema sanitario e per la società intera».

Rispetto agli inizi, nell'approccio mediatico si constata inoltre una maggiore visione critica. Se le prime decisioni politiche venivano accettate e riportate «in modo meno critico del solito», ora c'è invece un «maggiore scrutinio giornalistico, si cerca di esaminare le decisioni» afferma ancora il professor Porlezza.

Qualcosa è cambiato anche sul fronte delle voci interpellate dai media. Durante la prima ondata - osserva l'esperto - c'erano soprattutto epidemiologici ed erano quasi esclusivamente uomini. Soltanto in seguito sono poi entrati in scena anche esperti – ed esperte – di altri rami.

Una critica viene fatta anche all'impiego di numeri e statistiche, che inizialmente venivano pubblicati senza una contestualizzazione che ne permettesse la piena comprensione. «Così facendo, si rischiava di causare incertezze e paure nei lettori». 

Più sono i casi, più sono gli articoli - Fatto sta che dallo scorso 25 febbraio, quando in Ticino è stato confermato il primo caso accertato di Covid-19 a livello cantonale e nazionale, il coronavirus ha praticamente monopolizzato la cronaca giornalistica. Una cronaca che, secondo lo studio dell'Universitâ di Zurigo citato da Porlezza, ha visto una forte correlazione tra il numero dei casi e il numero di articoli pubblicati. «Più alti sono i casi, più se ne parla» spiega. E aggiunge che nella prima fase il tema è stato coperto maggiormente in Ticino rispetto al resto della Svizzera, «in quanto il cantone era molto vicino a uno degli hotspot europei, ossia Bergamo e la Lombardia».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-17 13:19:45 | 91.208.130.85