Ti Press
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
2 min
Controlli e multe in vista per chi è al telefono alla guida
L'operazione della Polizia cantonale ha il via già da questo mese.
CANTONE
1 ora
Per rimpiazzare i boomer non basteranno i salari
In vista del pensionamento di massa dei boomer è necessario, secondo l'AITI, puntare di più sulle condizioni di lavoro.
CANTONE
3 ore
Passa da Berset il caso dei neo-psicologi non riconosciuti
Il Consiglio di Stato ha scritto al ministro dell'Interno proponendo una soluzione
CANTONE
3 ore
La Nuova Valascia scivola sui pagamenti agli artigiani
La nuova Valascia ha qualche problema di liquidità. Malumori tra chi ha eseguito i lavori
ASCONA
12 ore
«Così ho perso lentamente la mia amica»
Nelly Morini racconta il dramma dell'Alzheimer nel romanzo Clarianne, ispirato a una storia vera.
MESOCCO (GR)
18 ore
Ventenni escono di strada e finiscono nella scarpata
L'incidente è avvenuto la scorsa notte in zona Alp Frach. I due occupanti del veicolo sono rimasti leggermente feriti.
CANTONE
20 ore
Giornalisti sportivi riuniti in assemblea
Nel corso dell'appuntamento sono stati attribuiti i premi Giuseppe Albertini e al Merito Sportivo.
FOTO
LOCARNO
22 ore
Un Nicolao tutto blu è tornato in città
Dopo lo stop dello scorso anno, il Nicolao color blu ha potuto tornare in azione, portando regali ai più piccoli.
CANTONE / CONFINE
22 ore
Navigazione sul Lago Maggiore, una mozione per smuovere le acque
I consiglieri nazionali ticinesi chiedono al Consiglio federale di avviare i negoziati per una nuova convenzione.
CANTONE
23 ore
Quattro giorni consecutivi di nebbia: «Non capita tutti gli anni»
Facendo un bilancio del mese di novembre, MeteoSvizzera ha rilevato un'anomalia per quanto riguarda il sud delle Alpi.
FOTO
MELIDE
1 gior
Fiamme da una canna fumaria, pompieri in azione
Il fuoco è stato domato prima che si propagasse al tetto
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
1 gior
«Non siamo tre gatti da stigmatizzare»
Gli "Amici della Costituzione" tornano ad alzare la voce contro le decisioni del Consiglio federale
CANTONE
13.01.2021 - 20:000
Aggiornamento : 20:45

Poche vittime (economiche) della pandemia: «Il tasso di fallimento è ai minimi storici»

Aperture e chiusure d'imprese in Ticino: un'analisi dell'IRE mostra che la situazione per ora non è affatto critica.

Il risultato è però "viziato" dagli aiuti concessi dalle autorità: «Fra qualche mese la situazione potrebbe essere ben diversa», spiega Davide Arioldi

LUGANO - Aumento del numero d'imprese iscritte al registro di commercio e tasso di fallimento che si mantiene su valori storici minimi. È questa la fotografia del terzo trimestre 2020 scattata dall'Istituto di Ricerche Economiche (IRE) sulla demografia delle imprese in Ticino. Un bilancio che in qualche modo sorprende in tempi di pandemia, dove non si esita a usare termini come "catastrofe economica" o "disastro del sistema produttivo" per descrivere il periodo che stiamo vivendo. Ma che è (anche) il frutto degli aiuti concessi dalle autorità. 

Aiuti provvidenziali - C'è quindi un allarmismo ingiustificato? «In realtà i fallimenti sono stati impediti dalle misure di supporto economiche introdotte a seguito dello sviluppo della pandemia», commenta il responsabile Davide Arioldi. Grazie a questi aiuti o prestiti sono infatti state eliminate buona parte delle problematiche di liquidità e il tessuto economico non è stato distrutto: «Diverso è invece il discorso legato ai margini o al mercato del lavoro», fa notare l'esperto. Al contrario, quando nei prossimi mesi verranno meno gli effetti di queste misure, probabilmente ci sarà un aumento dei bilanci depositati.

158 aziende in più - Nel terzo trimestre del 2020, l'aumento netto del numero delle imprese iscritte al registro di commercio in Ticino è infatti pari a 158 unità. Rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente, sono cresciute leggermente le nuove iscrizioni (+42 imprese), mentre si sono ridotte notevolmente le cancellazioni (-142 imprese). In termini assoluti, il numero di nuove iscrizioni è stato pari a 544 unità, mentre sono state cancellate 386 imprese.

Crescono manifatturiero e SAGL - A livello geografico, l’aumento del numero d'imprese è stato piuttosto omogeneo, con valori in crescita in tutti i distretti. Con riferimento invece al settore economico, si segnala un aumento piuttosto marcato del numero d'imprese attive nei settori manifatturiero e delle attività tecniche e scientifiche, che hanno quindi registrato un’inversione di tendenza rispetto al trimestre precedente. In relazione alla tipologia giuridica d'impresa, è aumentato nettamente il numero delle società anonime a garanzia limitata (SAGL) e delle ditte individuali mentre si è ridotto il calo delle società anonime (SA) ed è ora positiva la variazione del numero di succursali d'imprese estere.

Pochi fallimenti - Per quanto riguarda il tasso di fallimento, come detto si pone ancora su livelli storici estremamente ridotti (pari allo 0.27% del numero totale d'imprese), anche se è in leggera crescita rispetto ai valori riportati nel trimestre precedente. Il saldo intercantonale dei movimenti d'impresa è invece sostanzialmente stabile e pari a -1 unità.

Infine, una piccola pillola statistica a livello geografico: c'è stato un deciso aumento delle imprese provenienti dai Grigioni e delle imprese dirette verso il canton Zugo.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
F/A-19 10 mesi fa su tio
Chi ha ricevuto gli aiuti ed era comunque in difficoltà ha solo prolungato il periodo prima del tonfo in quanto inevitabile, anzi, queste attività spazzeranno gli aiuti per fallire con un gruzzoletto in tasca. Le ditte solide nemmeno l’hanno toccato il capitale prestato o comunque lo hanno usato con parsimonia e con un preciso piano di rimborso. Comunque tempo 6 mesi e ne vedremo delle belle. Interessante è che questo virus vero o presunto ci ha tolto una parte di ricchezza che sta facendo morire la parte debole della società, in termini di vite umane ma anche di attività precarie. Il danno è quindi grave perché una società avanzata si deve occupare proprio di proteggere i più deboli.
blob 10 mesi fa su tio
Buonasera, ho letto l'articolo e poi tutti gli interventi. Forse mi sbaglio ma non ho visto un commento a favore dell'articolo in questione, anzi direi massicciamente contro...percentuali Bulgare..!!! Ora se io fossi l'autore dell'articolo mi farei qualche domanda e ..probabilmente un esame di coscienza ! Simili articoli demen...li , a chi servono ? Perchè vengono pubblicati ed autorizzati ? Poi ci si lamenta se molti incominciano a pensare male e fantasticare ( sic) su complotti o altro. Ma come si fa a non pensare a complotti od altro quando uno legge tale articolo ' Ma dove vive, abita l'autore di tale articolo ? Dove vive è abita chi è preposto al controllo ( almeno una lettura parziale diamine....in modo da non dare il benestare all'uscita di un tale scempio ! Ci prendono per i fondelli ? Evidentemente si !
Um999 10 mesi fa su tio
@blob Osservazione impeccabile, rimane ahimè ancora un’altra opzione: articolo “sonvenzionato” diciamo così ad hoc da contributi pubblici a condizione di, questo ne è un esempio. Non vedo altre soluzioni.
Meck1970 10 mesi fa su tio
E già ..... con l'acqua alla gola o pieni di debiti .(purtroppo).
Boh! 10 mesi fa su tio
Ma chi ha scritto ‘sta roba che film ha visto?
Um999 10 mesi fa su tio
Bellissimo articolo uscito dalle fiabe di Hansel e Grete, come le cifre degli ammalati e dei (morti) giornalieri, sembra che si mettano d’accordo: io oggi, tu domani, lui dopodomani è così via. Ma possibile che le giornate siano tutte uguali? Non esistono più giornate che si ammalano in 600 e un’altro in 200, no tutti costanti e per i deceduti oramai è vergognosa la conta. Dai che tra un po’ ci diranno che l’economia, la soddisfazione delle persone, e il benessere accompagnato dalle libertà non è mai stato così elevato in positività. Eh poi partí l’applauso scrosciante.
marco17 10 mesi fa su tio
@Daniele Scano. Spari cifre e percentuali a caso e ti prendi per il mago Otelma. Perché da giugno e non da aprile o da ottobre, o mai?
Booble63 10 mesi fa su tio
Per ora.. comunque ogni tanto sembra che l’IRE sia su un altro pianeta.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-06 09:33:12 | 91.208.130.85