Ti-Press (archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
2 ore
«Non stiamo contattando artisti, troppa incertezza»
Il Covid soffoca la cultura. Carmelo Rifici, direttore artistico del LAC: «Così non si possono fare pianificazioni».
CANTONE
3 ore
La pandemia in Ticino viaggia in Tesla
Le auto elettriche e ibride hanno raddoppiato le vendite negli ultimi mesi. Chi le acquista?
CANTONE
9 ore
Un'alternativa per l'autogestione? «Nel Luganese non c'è»
La risposta del Consiglio di Stato a un'interpellanza della Lega
CANTONE
10 ore
«Così possono vedere le parole e le emozioni»
Le mascherine trasparenti renderanno più semplice l'apprendimento per i ragazzi con problemi di udito.
CANTONE
12 ore
Una marea di volantini per ritrovare Penny
Dopo quattordici giorni, il cane è stato ritrovato. Ora si tratta di rimuovere tutti i manifesti
CANTONE
12 ore
«Sta fallendo più di un ristorante su cento»
I dati del Registro di commercio confermano una triste tendenza. Per Arioldi (Ire) il peggio potrebbe ancora venire
LUGANO
13 ore
Accoltellamento alla Manor, estesa l'accusa principale
Dal tentato omicidio si è passati al tentato assassinio.
PARADISO
15 ore
Il Consiglio Comunale approva il consuntivo 2020
Al via un vasto piano d’investimenti per autosilo riva lago, acqua potabile, scuola infanzia e zone verdi
FOTO
CHIASSO
16 ore
Sassaiola contro la palestra di arti marziali
Presa di mira la porta d'ingresso dello stabile in via Vincenzo d'Alberti. Accertamenti in corso da parte della polizia.
BELLINZONA
17 ore
Il patriziato nell’Ente autonomo Carasc
La decisione è anche figlia di una serie di problematiche che l’Assemblea patriziale vuole risolvere
CANTONE
19 ore
Quante aziende hanno chiuso in Ticino?
Meno del solito, nell'ultimo trimestre del 2020. L'indagine dell'USI
MASSAGNO
20 ore
Luce verde al sostegno sugli alloggi
Il Legislativo di Massagno ha approvato il regolamento comunale per il contributo alle spese.
CANTONE
13.01.2021 - 06:000

«I numeri dati senza particolari spiegazioni servono (anche) per giustificare scelte politiche»

Così si è espresso Emiliano Albanese, direttore dell'Istituto di salute pubblica dell'USI, su Piazza Ticino. Il video.

Che fine hanno fatto i morti d'influenza stagionale, o di cancro? A 10 mesi dall'inizio della pandemia ha ancora senso diramare cifre superficiali? È con questa provocazione che parte la nostra intervista.

LUGANO - Che fine hanno fatto i morti per influenza stagionale? E i deceduti per cancro e per altre malattie? Sembra esserci solo il Covid-19. Questo almeno stando ai bollettini diramati quotidianamente dalle autorità cantonali e federali. È con questa provocazione che inizia la nostra chiacchierata con Emiliano Albanese, direttore dell'Istituto di salute pubblica dell'Università della Svizzera italiana (USI) e tra i coordinatori dello studio Corona Immunitas, ospite di piazzaticino.ch

Nessuno vuole sminuire il virus. Ma dopo 10 mesi di pandemia non sarebbe il caso di diramare dati più dettagliati, indicando esplicitamente ad esempio le condizioni pregresse delle vittime?
«La domanda è pertinente. Dare un'informazione durante una pandemia è una responsabilità delle autorità. Giustamente però ogni numero privato di un contesto è di difficile interpretazione. Bisogna chiarire qual è lo scopo di queste cifre: e cioè mostrare l'andamento generale della pandemia. Chiaro, ci dicono poco altro».

Numeri forniti così servono solo agli specialisti al massimo. O no?
«Attenzione. La maggior parte delle decisioni politiche vengono prese sulla base di dati. I numeri servono per contestualizzare alcune scelte politiche. C'è un po' di confusione. Nel tempo è mancato un vero e proprio dialogo tra le autorità, i media e la popolazione».  

Preoccupa la variante inglese. Ma da sempre sappiamo che il virus muta. A ogni mutazione dobbiamo essere allarmati?
«L'efficacia del vaccino non è messa in discussione dalle mutazioni. Casualmente la nuova variante inglese è stata ritenuta più infettiva nel momento in cui è arrivato il vaccino. È stata una pura coincidenza che ha un po' spiazzato tutti».

Piano piano si sta scoprendo che la variante britannica era già in circolazione prima di metà dicembre, quando è stata scoperta. Non può essere stata questa variante a fare impennare i casi a novembre in Svizzera? 
«Sono ipotesi che ci possono stare. Può anche darsi che ci sia stato un contributo della variante britannica unitamente a comportamenti non adeguati da parte della popolazione». 

La task force federale anti Covid, proprio considerando la variante britannica, ipotizza una primavera da incubo. Come si può stare sereni con simili premesse?

«La scienza si occupa di acquisire dei fatti per fare delle previsioni. Serve comunque tempo. L'incertezza è un elemento costante. Nessuno può davvero sapere se ci saranno 20.000 casi al giorno in Svizzera a marzo, oppure se sarà tutto tranquillo». 

Lei, nell'ambito del progetto Immunitas, si occupa anche dell'infodemia, l'overdose d'informazione. 
«Stiamo lavorando con un campione rappresentativo della popolazione. Circa 3.000 persone che sono sotto la lente di questo studio epidemiologico nazionale e che rispondono puntualmente a domande legate al contesto pandemico in cui stiamo vivendo. Sta emergendo il concetto di resilienza. C'è chi vuole migliorare il proprio stile di vita, chi sta riflettendo su problemi che esistono e che continueranno a esistere anche quando il virus farà parte della normalità. Le troppe informazioni possono creare confusione, ma anche stimolare una grande capacità di adattamento, di reazione. In alcuni c'è una flessibilità che può suggerire soluzioni non solo per la pandemia». 

Il personale sanitario è stanco. Ma lo è anche la gente comune. Tutti sono stufi. Come la mettiamo?
«Il sistema sanitario è centrale nel funzionamento della nostra società. Lo diamo per scontato perché esiste. La strategia di contenimento ha come obiettivo quello di difendere il sistema sanitario dal collasso. Non di difendere i diritti delle persone che ci lavorano. Capisco i toni di chi dice di essere stressato. Corona Immunitas però ci indica anche che ci sono persone che in questo periodo hanno trovato strategie per affrontare i momenti di sconforto». 

GUARDA L'INTERVISTA VIDEO COMPLETA

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-14 09:11:37 | 91.208.130.86