LOCARNO«Più decessi, ma niente affari d’oro»

31.07.20 - 07:04
La pandemia non ha fatto esplodere la cifra d’affari nel settore funerario
Deposit
«Più decessi, ma niente affari d’oro»
La pandemia non ha fatto esplodere la cifra d’affari nel settore funerario
Anzi c'è chi ha fatto ricorso all’orario ridotto e spiega perché

LOCARNO - In questi mesi di pandemia anche le onoranze funebri hanno fatto ricorso all'orario ridotto. Ed è un “anche” che ha fatto strabuzzare gli occhi a chi riteneva i mesi del Covid sinonimo di superlavoro e guadagni record per i professionisti delle esequie.

La salute del personale - L’orario ridotto, ad esempio, è una misura richiesta e ottenuta, dal Centro funerario e crematorio locarnese di Nicora & Vigizzi Sa. Un’opzione giustificata innanzitutto da ragioni di sicurezza, spiega Marco Sgroi, direttore del Centro funerario: «Noi qui siamo in sei e abbiamo creato due gruppi, che lavoravano a giorni alterni per evitare di incrociarsi. La nostra richiesta di lavoro ridotto al 50% è stata motivata innanzitutto dalla volontà di proteggere il nostro personale ed evitare il rischio di una chiusura che avrebbe comportato problemi a più livelli».

Funerali spartani - Il direttore Sgroi ci tiene anche a sfatare l’opinione secondo cui quello più recente e drammatico sia stato un periodo di affari d’oro per le pompe funebri: «È vero che le cremazioni sono aumentate, ma non dimentichiamo che in Ticino ci sono quattro crematori. Senza scordare che i funerali durante il lockdown sono stati quanto mai "spartani" e al risparmio. Basti ricordare che le cerimonie erano vietate». Per il ritorno alla normalità ci vorrà del tempo: «Ancora oggi, di nostra iniziativa e per evitare assembramenti, preferiamo tenere chiusa la caffetteria del centro funerario. Le camere mortuarie sono state riaperte, ma possono entrare al massimo tre persone alla volta. L’attività resta protocollata e richiede meno personale. Preciso però, a beneficio dei critici, che abbiamo lavorato a orario ridotto a Locarno per meno di due mesi, dal 14 aprile fino all’8 giugno».

Più pressione, ma saldo dimezzato - Tra i paradossi di questo periodo straordinario spicca il fatto che «durante l’emergenza gli impegni sono aumentati, ma c’era meno lavoro effettivo da svolgere» rileva Sgroi, che spiega: «Se prima un funerale “normale” poteva arrivare all’ipotetica cifra di ottomila franchi (comprensivi di camera mortuaria, celebrazione in chiesa, cerimonia al centro funerario, servizio di caffetteria), dopo con i casi di Covid il costo finale del funerale si è quasi dimezzato. Questo a fronte di una pressione e un impegno aumentati, visto che gli ospedali, ad esempio, sollecitavano una rapida rimozione delle salme» conclude il direttore. 

NOTIZIE PIÙ LETTE