tipress
CANTONE
15.04.2020 - 09:490

Il Ticino svela le carte

I numeri della trasparenza: in aumento le richieste di accesso a documenti ufficiali. Soprattutto nell'edilizia

BELLINZONA - Il Ticino gioca a "carte scoperte". Dal 2013, con l'entrata in vigore della legge sulla trasparenza, sono in continuo aumento le richieste di accesso a documenti ufficiali presentate da cittadini, aziende e Comuni. Carte che il Cantone può decidere di svelare, oppure no. 

Nel rapporto sulla trasparenza 2019, pubblicato oggi dai Servizi giuridici del Consiglio di Stato, i numeri sono positivi. L'accesso al pubblico è stato negato soltanto nell'11 per cento dei casi. Le richieste esaudite in toto (86 per cento) o in parte (3 per cento) si attestato ad una percentuale «mai raggiunta prima». In generale le richieste sono aumentate (del 13 per cento) da 184 a 209 in un anno, come pure le consulenze, da 96 a 101.

I Comuni - si legge nel rapporto - rimangono il principale destinatario delle richieste d'accesso a documenti (81 per cento). Quest'ultime sono state evase nella grande maggioranza dei casi (78 per cento) entro 15 giorni.

I ricorsi al Tram per accesso ai dati sono calati (da 6 a 3) mentre sono pressoché stabili i ricorsi presentati alla Commissione cantonale sulla protezione dei dati, 10 in totale. 

La maggior parte delle pratiche, si legge nel rapporto, riguardavano documenti relativi all'edilizia, privata e pubblica. Due richieste relative alla vicenda Argo1 sono finite sul tavolo della Commissione di mediazione indipendente (su 20 pratiche in totale, stabili rispetto al 2018).

 

 

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-21 20:51:24 | 91.208.130.86