tipress (archivio)
LUGANO
22.10.2019 - 11:290

L'unione fa la forza: il Cardiocentro collabora con l'Italia

Si chiama "Bionet", l'iniziativa transfrontaliera nata con l'intenzione di stimolare la ricerca, l'innovazione e l'accesso al mercato biotech e medtech

LUGANO - Si chiama "Bionet", l'iniziativa transfrontaliera nata con l'intenzione di stimolare la ricerca, l'innovazione e l'accesso al mercato biotech e medtech, e che vede come capofila svizzero il CardioCentro Ticino, mentre sul versante italiano la Fondazione Istituto insubrico di ricerche per la vita (FIIRV).

Il progetto, finanziato dal programma interreg, coinvolte anche l'Università della svizzera italiana (USI). Business e ricerca, dunque, sfruttano la rete delle eccellenze che la regione insubrica offre, nell'interesse comune. 

La lungimiranza dei vertici del Cardiocentro Ticino ha saputo dare il primo stimolo e ha permesso di coordinare gli attori e le forze per raggiungere un comune obbiettivo di crescita e miglioramento, grazie allo sfruttamento delle reciproche capacità.

 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-11 22:15:46 | 91.208.130.86