Archivio
Le autrici riescono ad ottenere somme fino a diverse migliaia di franchi.
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE / BERNA
4 min
«Serve un rapporto sull’efficienza dell'Ministero Pubblico della Confederazione»
BEDRETTO
26 min
Il Passo della Novena è di nuovo aperto
CANTONE
27 min
Legge sugli aiuti allo studio, l'MpS ne chiede lo stralcio
CENTOVALLI
1 ora
Lavori notturni estesi fino alla stazione di Verdasio
CANTONE / ARGENTINA
11 ore
Blackout in Argentina, ma non a... Ticino
CANTONE
11 ore
Sisa: «Borse di studio: più soldi, ma anche più debiti?»
CANTONE
12 ore
Ecco i nuovi docenti della scuola ticinese
CANTONE
15 ore
Palpeggiò una disabile, frate a processo
BELLINZONA / BIASCA
17 ore
Rissa sul treno e volano bottiglie: «Abbiamo avuto paura»
LOCARNO
17 ore
Controlli al Fashion 2Shé: «Perché le guardie di confine?»
CANTONE
17 ore
Nominati tre vicedirettori alle scuole professionali
MEZZOVICO-VIRA
17 ore
Consuntivo positivo per il 14° anno consecutivo
BRUSINO ARSIZIO
18 ore
Il Consuntivo fa l'unanimità
CANTONE
18 ore
Addio ad Antonio Snider
CANTONE
18 ore
Approvato il CCL del personale amministrativo SUPSI
CANTONE
13.06.2019 - 11:170

Storielle inventate e problemi di salute: così truffano gli anziani

Diversi i tentativi registrati nelle ultime settimane. La Polizia cantonale mette in guardia

BELLINZONA - Nelle ultime settimane sono stati registrati diversi tentativi di truffa, soprattutto a danno di persone anziane. Le autrici - riferisce oggi la Polizia cantonale in un comunicato - sono solitamente donne originarie dell’Est Europa già note alle forze dell’ordine e operano singolarmente o in coppia.

Il loro modus operandi è molto semplice: dopo aver avvicinato le persone prese di mira e aver guadagnato la loro fiducia, procedono attraverso una serie di sotterfugi a reiterate richieste di denaro in contante, con l’obiettivo di colpire nell'animo gli anziani, muovendoli a compassione.

Per farlo ricorrono spesso ad una fitta trama di storie inventate, intrecciando difficoltà finanziarie, bimbi da mantenere, precarietà e problemi di salute in un crescendo di pretese sempre più insistenti. Così facendo, le autrici riescono a volte anche ad ottenere somme fino a diverse migliaia di franchi.

È successo anche a voi? Chiamate la polizia

Per evitare sgradite sorprese, l’invito rivolto alla popolazione è quello di mantenere una sana diffidenza verso questo genere di richieste di solidarietà, non dandovi alcun genere di seguito. Lo scopo è infatti unicamente quello di ottenere in maniera truffaldina un indebito profitto. Le eventuali vittime possono contattare la Polizia cantonale allo 0848 25 55 55.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-20 09:56:10 | 91.208.130.86