My Second
Mario ha ricevuto il furgone grazie alla solidarietà di molte persone che hanno sostenuto il progetto dell'associazione My Second.
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
24 min
Frate cappuccino alla sbarra a dicembre
CANTONE
1 ora
Gobbi sul radar di Camorino: «Lo scopo preventivo è quantomeno discutibile»
CANTONE
2 ore
Swiss sui voli cancellati: «Siamo in stretto contatto con Adria Airways»
CANTONE / SVIZZERA
2 ore
Lavoratori distaccati: «No a maggiori diritti verso gli appaltatori»
CANTONE
3 ore
Casse malati, l’Ordine dei medici sta con Raffaele De Rosa
BIASCA
5 ore
Licenziato dall'Ocst: «Sono distrutto»
CANTONE
5 ore
Prevenzione o radar trappola? A Camorino è strage di multe
CANTONE
6 ore
Martina Hirayama ricevuta da Manuele Bertoli
CANTONE
6 ore
Consuntivo 2018, c'è l'ok del Gran Consiglio
CANTONE
6 ore
Troppi voli cancellati: «Non si può andare avanti così!»
CANTONE
7 ore
Pau-Lessi: «Mai coperto nessuno». E chiede di essere sentito dal Gran Consiglio
CANTONE
7 ore
Mountain bike elettriche da condividere fra Biasca e Blenio
LOCARNO
7 ore
Carte di credito, cellulari e leasing con identità altrui. Arrestata
CANTONE
8 ore
Terza corsia sull'A2? «Basta con le soluzioni prefabbricate»
BELLINZONA
10 ore
Frena per evitare lo schianto, 15enne in ospedale
CANTONE
28.03.2019 - 11:060
Aggiornamento : 11:33

Da Bellinzona a Capo Nord in bici e Mario ha ricevuto il suo furgone

L’associazione My Second ha raggiunto l’obiettivo prefissato. Un viaggio epico per raccogliere fondi e aiutare chi ha bisogno di una seconda vita

BELLINZONA - Moreno e Stefano ce l’hanno fatta. Hanno pedalato per 40 giorni, con una media di 120 chilometri al giorno, per raccogliere fondi con l’obiettivo di aiutare Mario. E lo hanno raggiunto. Ora Mario ha il suo furgone e un motomed per muoversi nonostante la sua tetraplegia.

«La chiusura del cerchio» la definiscono i fondatori dell’associazione My Second, Moreno Guatieri e Stefano Jorio. Il viaggio epico, da Bellinzona a Capo Nord, è durato 40 giorni. Hanno attraversato in bicicletta 12 nazioni, percorrendo 4’596 chilometri. «Sono state giornate uniche - ci raccontano i responsabili -, attraverso un territorio europeo in fermento. Abbiamo attraversato paesaggi magici, monotoni e anche tristi».

E nell’impresa hanno raccolto i fondi per Mario. Mario è un ragazzo che a fine 2015 ha avuto un incidente che l’ha reso tetraplegico. Mentre attraversava un ponte di legno in bicicletta, una traversina ha ceduto e lui è caduto, fratturandosi la spina dorsale. Il suo desiderio era di portare la sua esperienza nelle scuole, gli istituti privati, per raccontare come vive la sua quotidianità, esporre i pericoli con cui ogni giorno veniamo confrontati e aiutare a riflettere. Per questo Moreno e Stefano hanno deciso di aiutarlo con l’acquisto di un furgone che gli permetta di muoversi liberamente. E ce l’hanno fatta. Due settimane fa Mario è andato a raccontare la sua storia ai ragazzi della Scuola cantonale di Commercio.

«Grazie a tutti per il vostro impegno a sostegno della causa», concludono Moreno e Stefano, che promettono una nuova sfida «avvincente, sociale e sportiva» a breve.

1 anno fa Da Bellinzona a Capo Nord. In bici
6 mesi fa «Così la mia vita è cambiata su quel ponte di legno»
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-18 22:39:04 | 91.208.130.85