Deposit
ULTIME NOTIZIE Ticino
LOCARNO
3 ore
Strano funerale in Piazza Grande
Una bara, un prete e persone in lutto al seguito. Il mini corteo non è passato inosservato. Chi è morto?
FOTO E VIDEO
RIAZZINO
4 ore
Si scontra con un'auto, ferito uno scooterista
L'incidente è avvenuto questo pomeriggio sulla strada cantonale di Riazzino.
VIDEO
BELLINZONA
5 ore
Il Castello di mezzo svela i propri segreti
È stata inaugurata oggi l'esposizione Archeologia Montebello.
CANTONE
6 ore
Battezzato il nuovo Giruno Ticino
L'evento si è svolto questa mattina alla presenza delle autorità cantonali, tra cui Claudio Zali e Nicola Pini.
CANTONE
10 ore
Philipp Plein doppiamente nei guai
L'ispettorato del lavoro e una società italiana hanno presentato due denunce penali al Ministero pubblico
CANTONE
10 ore
Un altro giorno senza decessi, i casi sono tre
Gli ospedali cantonali accolgono attualmente un solo paziente. Le cure intense sono vuote da ormai due settimane.
CANTONE
19 ore
«Il certificato Covid non deve diventare un mostro burocratico»
HotellerieSuisse accoglie con favore il ripristino della libertà di viaggiare.
CANTONE
23 ore
Ritrovata la coppia scomparsa
Marito e moglie stanno bene, erano a Locarno.
LUGANO
1 gior
Subappalti “carpiati”, 5 mesi senza appalti a chi costruì il Campus di Viganello
La decisione di oggi delle autorità nei confronti della Garzoni SA ma per il sindacato è una pena troppo lieve
LUGANO
1 gior
Radar, ecco gli osservati speciali
Occhi puntati su sei distretti.
LUGANO
1 gior
Aeroporto, dopo il ricorso l'alleanza
Unione strategica fra i gruppi “Team LUG” e “Northern Lights AG”
CANTONE
1 gior
Sette cantieri, nessuna infrazione
Nel corso dell'intervento di Polizia sono stati controllati 77 lavoratori.
CANTONE
1 gior
L'ACS guarda avanti con l'anno pandemico negli specchietti
Il programma dell'assemblea cantonale convocata al palazzo SES il 15 giugno
CANTONE
1 gior
Marito e moglie scomparsi
L'uomo soffre di problemi motori, la donna di problemi della memoria.
LOCARNO
1 gior
Novartis e Schindler, scatta l'interrogazione
La sinistra chiede al Municipio se abbia ricevuto garanzie, e quale sarà l'impatto sul territorio
PARADISO
1 gior
I 100 anni di Pierina Galli
La centenaria è stata festeggiata anche dal sindaco Ettore Vismara
CHIASSO
1 gior
Si rinnovano le officine FFS Cargo
Entro il 2023prevista la ricostruzione completa dello stabile di manutenzione e l’installazione di un tornio in fossa
BELLINZONA
17.01.2019 - 08:300
Aggiornamento : 11:25

«Parlare di sesso in Ticino è ancora un tema tabù»

Dalla censura di Facebook alle barriere e lacune ben radicate nella società. La pedagogista indica le molte porte ancora da schiudere nei rapporti di coppia

BELLINZONA - L’algoritmo sdogana la serata “Mani di fata”, introduzione al massaggio intimo maschile per sole donne, ma le blocca quella intitolata “Mani di velluto” riservata agli uomini. Misteri di Facebook che hanno fatto arrabbiare la pedagogista sessuale Christine Rihs che nel suo salotto di “PiacereDonna” promuove workshop e serate informative. «Ma mi è passata subito. Perché prendersela con un filtro meccanico avrebbe poco senso. Tuttavia è utile ricordare che in rete ancora si applicano due pesi e due misure» spiega Christine.

Aprire le porte - Fino una decina di anni fa Christine si occupava di coaching nel campo dell’alimentazione. «Ad un certo punto - spiega - mi sono resa conto che in Ticino mancavano interlocutori con cui parlare del nostro corpo che cambia… Per chi ha un problema grave ci sono psicologi o specialisti, ma tutti gli altri trovano la strada sbarrata. Purtroppo il ginecologo spesso non ha tempo e con la migliore amica è difficile aprirsi a questi temi». Da qui prende il via la sua seconda vita di studi e formazione nel campo della pedagogia sessuale.

La barriera virtuale -  Tutto parte dalla consapevolezza del bisogno di un luogo sicuro dove poter parlare e informarsi di temi legati alla sessualità. «Mi vedo come una persona che apre delle porte. Internet è diventata la principale fonte di notizie, ma l’immagine della sessualità che diffonde è performante e l’asticella è elevata. Tutto ciò mette pressione sugli individui e, per paradosso, porta a una società asessuale».

La barriera ticinese - Una sessualità meno performante, più serena e slegata dalla logica del dare per avere. Questi alcuni capisaldi della pedagogista che si confronta con un contesto locale particolare. «Sono di origine tedesca, ma in Ticino vivo da quando avevo sette anni. Il mio obiettivo è anche portare una ventata di apertura da nord a sud dove la barriera si avverte ancora». Anni fa, ricorda, «cercavo dodici persone per il mio lavoro di diploma intitolato “Let’s Talk About Sex”. Ho scoperto che era praticamente impossibile appendere l’annuncio all’albo di un supermercato… Il gerente mi fece notare che sul bigliettino c’era scritto “sex”».

Il fiore proibito - «La parola “sex” resta un tabù» continua Christine. E viene abbinata ancora troppo spesso ad un’attività prostitutiva. «Esatto. Il sesso in pubblico ha sempre questa connotazione negativa. E la scuola non aiuta, poiché si limita ad insegnare il lato funzionale della sessualità. L’importanza della comunicazione nella coppia viene ignorata. Ma non voglio criticare, perché io stessa mi definisco poco coraggiosa limitandomi a parlare a un pubblico adulto». Una società dove, peraltro, i vuoti da colmare non mancano: «Provate a disegnare una clitoride e mostrarla in piazza a Bellinzona chiedendo cos’è? Probabilmente due terzi delle persone risponderanno: un fiore».

I maschi più riservati, ma... - Nel salotto, anche per ragioni di spazio, i workshop finora non hanno messo a confronto l’universo maschile con quello femminile. Sarà la novità del 2019. «Le serate sono divise per creare tra uomini o donne gli spazi di condivisione dove poter parlare in modo naturale dell’intimità. Chi ha fatto il passo di iscriversi è già oltre la soglia dell’imbarazzo. I maschi, a differenza delle donne, all’inizio tendono a non parlare con nessuno. Ma dopo due ore assieme nasce lo stesso dialogo e c’è lo stesso bisogno di condivisione e sollievo per aver aperto una porta». Una ventata di riforma: «Ma non mi sento Martin Lutero» conclude col sorriso Christine.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
volabas 2 anni fa su tio
in ticino, è rimasta una flangia di bigottoni; pensavo che la parola tabu', fosse oramai estinta
limortaccituoi 2 anni fa su tio
Per esempio che il titolo dell'articolo è «Parlare di sesso in Ticino è ancora un tema tabù» oppure che stiamo scrivendo sul blog di un sito che si chiama ticinonline. Cosi...per dire...
Nmemo 2 anni fa su tio
E vai con la società maschilista! Il sesso non ha genere. E alle signore c'è niente da insegnare. Dai pregiudizi che esprimi sembri un giovane nato vecchio.
Nmemo 2 anni fa su tio
Attento a generalizzare con le "vecchie generazioni". Nmemo era ventenne prima del 68, e ancora oggi si ritrova avanzato nelle libere scelte di vita, rispetto a certi bigotti ragionamenti da giovani.
limortaccituoi 2 anni fa su tio
Siamo un cantone di leghisti...cosa ci si aspettava?
marco17 2 anni fa su tio
Tipico di paese bigotto e arretrato, dove c'era persino un "Movimento per la dignità dell'uomo" contrario all'educazione sessuale!
Mattiatr 2 anni fa su tio
@marco17 Ci sono in giro pure delle persone che basta unire tutte le nazioni in una sola per far finire le guerre. Ah che bello il mondo vero? Ognuno può pensarla come vuoi ma se non sei progressista sei bigotto, se sei progressista sei un comunista e se osi criticare un nero sei un razzista, ... Ah che bello vero?
Gus 2 anni fa su tio
Retaggi del cattolicesimo!
Nmemo 2 anni fa su tio
Reminiscenze culturali radicate nella religione. In passato ancora recente, prima del 68, “il peccato” era sanato facendo figli poi chiusa bottega. Ancora oggi si fatica a capire che un bisogno di sesso poco ha a che vedere con l’”amore”.
robyk 2 anni fa su tio
Il Ticino è sempre stato bigottomoralista.
ALC 2 anni fa su tio
@robyk E dunque.....? L’è mia ura da mövasssss?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-12 20:24:19 | 91.208.130.87