ULTIME NOTIZIE Ticino
BELLINZONA
1 ora
Arriva la Pumptrack a Bellinzona
La pista rossa itinerante farà tappa fino al 28 agosto a Giubiasco
CANTONE
1 ora
In Ticino torna il doppio zero
I contagi restano fermi a 3'442. Le vittime sono 350 (dal 12 giugno). Zero pure i nuovi ricoveri.
CANTONE / SVIZZERA
2 ore
Meno frontalieri con la pandemia?
Rispetto ai primi tre mesi dell'anno, in Ticino registrata una diminuzione dello 0,8%. Ma è +1,8% dal 2019
BELLINZONA
3 ore
I bellinzonesi meritano una Golena "davvero" rilassante
Interpellanza al Municipio di Ronnie David e Marco Noi: «È uno degli ultimi luoghi di refrigerio e relax»
CANTONE / SPAGNA
4 ore
«Ma perché non siamo rimasti in Ticino?»
Vacanze all'estero: ora anche chi è andato in Spagna rischia la quarantena al ritorno. Un incubo per chi è già partito
GRONO (GR)
4 ore
Una due giorni di Clean-Up nel Moesano
Doppio appuntamento per sensibilizzare abitanti e turisti al rispetto dell’ambiente.
ONSERNONE
5 ore
Minacciò la polizia col "zechiboy": la sorella lo difende
Il 71enne era finito in prigione per una notte. Scende in campo anche l'Unione Contadini Ticinesi.
FOTO
ASCONA
16 ore
Prende fuoco una barca, arrivano i pompieri
I militi di Locarno sono intervenuti presso il Porto Patriziale di Ascona.
CANTONE / SVIZZERA
17 ore
Marco Chiesa candidato unico, «ma non riceverà un salario»
Toccherà all'assemblea dei delegati, il 22 agosto, esprimersi sulla nomina del ticinese alla presidenza del partito.
CANTONE
18 ore
Ecco il nuovo console d'Austria in Ticino
Il professor Giuseppe Perale è stato investito oggi, succede a Brenno Brunoni
LUGANO
13.12.2018 - 06:040
Aggiornamento : 10:43

«Ma quale sfitto! Il mercato è sano solo se si può scegliere»

Il patron di Artisa, Stefano Artioli, sgonfia la bolla immobiliare e presenta il nuovo concetto di microliving, dove l’appartamento si gestisce con l’App e i servizi sono annessi

LUGANO - «Ma quale allarme sfitto! Si è fatta un’analisi sbagliata che enfatizza quegli immobili, oggi vuoti, costruiti dai russi e dagli italiani costretti ad investire i soldi dei conti cifrati. Tra Paradiso, Montagnola e Castagnola sono spuntati appartamenti di lusso con affitti dai cinque ai diecimila franchi al mese. Ma il vero termometro del mercato sta altrove» dice Stefano Artioli, presidente di Artisa Group. Il patron della società immobiliare oggi più attiva in Ticino (e in Svizzera) ridimensiona l’impatto di quel due per cento di immobili vuoti che ha fatto gridare alla bolla.

«L’errore di fondo sta nella valutazione del segmento destinato al ceto medio. Oggi abbiamo in Ticino un parco immobiliare vetusto. Le palazzine costruite negli anni ‘70 coi ricavi delle fiduciarie sono arrivate nel 2018 coi proprietari che speculavano senza investire un centesimo...».

E ora perché si trovano spiazzati?

«Perché è cresciuta un’imprenditoria che punta su appartamenti nuovi, penso ad esempio al comparto di Cornaredo, con affitti da 1500 franchi e bassi costi di gestione. Tutto questo porterà ad una sana concorrenza. Il mercato darà al cittadino la possibilità di scegliere e questo è un bene».

Perché sostiene che il 2% di sfitto non è da allarme rosso?

«Siamo un paese che dimentica. Dimentica, ad esempio, che negli anni 70 avevamo in Ticino il 4% di sfitto. Oggi basta il 2 per parlare di bolla. E invece deve esistere la concorrenza nella scelta di un appartamento in affitto. Su cento appartamenti a Lugano, scelti a caso, ce ne sarebbero cinquanta dove nessuno vorrebbe vivere».

Quali effetti può sortire la concorrenza da parte del nuovo?

«I proprietari dei vecchi, vetusti, immobili saranno indotti a demolire incassando sul terreno oppure a investire ristrutturando per davvero questi edifici».

Quindi, insistiamo, niente bolla?

«Provate a trovare un 3 locali e mezzo per 1’500 franchi al mese a Lugano, in posizione centrale… scoprirete che la bolla non c’è. Per cui, ripeto, anche con il 3% di sfitto il mercato è sano. Non facciamo terrorismo».

Con Artisa Group, che festeggia in questi giorni il mezzo secolo di attività, esplorate anche nuovi tipi di costruzioni…

«In questo momento abbiamo in corso a Lugano quattro progetti molto importanti. A Besso sorgerà un immobile sviluppato secondo un nuovo concetto. Grazie a un’App il cliente potrà stipulare il contratto d’affitto online, pagare l’affitto con la carta di credito e avere una durata di permanenza libera. In più offriremo la domotica più moderna. L’accesso all’appartamento avverrà attraverso il riconoscimento facciale sullo smartphone. Inoltre, sempre attraverso una piattaforma, l’inquilino potrà beneficiare di tutti i servizi, dalle pulizie, alla spesa online, bike e car sharing, lavanderia, cassa malati e permesso di soggiorno. ».

A chi vi rivolgete con questa offerta?

«Alla gente normale. Dal professionista che arriva in città per lavorare, al musicista, allo studente universitario. È un concetto che introdurremo a Zurigo, dove abbiamo tre cantieri, ma anche a Berna, Losanna, Ginevra, Lucerna e Zugo. In totale costruiremo dai 1500 ai 2000 appartamenti di questo tipo in Svizzera. È il concetto del micro-living, perché nell’Europa di domani il 41 per cento delle persone vivrà da sola. La società si muove verso le famiglie single. E il segreto sarà occuparsi di tutto quello che oggi fa perdere del tempo alle persone».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-04 11:38:47 | 91.208.130.87